Trio op.54 - Sonata per violino op.62 / Trio serenata per violino, violoncello e pianoforte - CD Audio di Riccardo Zandonai,Vincenzo Ferroni,Trio Vannucci

Trio op.54 - Sonata per violino op.62 / Trio serenata per violino, violoncello e pianoforte

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Bottega Discantica
Data di pubblicazione: 11 novembre 2013
  • EAN: 8015203102736

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Oggi sconosciuto ai più, quello di Vincenzo Ferroni fu, invece, nome piuttosto noto ai suoi tempi. Attivo come compositore e didatta, il musicista lucano si formò in Francia dove, ammesso al Conservatorio di Parigi nel 1870, ebbe tra i suoi maestri il più giovane dei Savard (Prix de Rome 1886) e Jules Massenet. Proprio a Savard, anch'egli allievo di Massenet, è legato l'esordio didattico di Ferroni, supplente, dal 1876, nel suo corso di Armonia; mentre la prima affermazione come compositore giungerà nel 1885, con la vittoria – su oltre seicento partecipanti – al Concorso internazionale bandito da Le Figaro. La parentesi parigina dovette concludersi poco dopo se già nel 1888 troviamo Ferroni al Reale Conservatorio di Milano, istituzione a cui si legherà la sua intera carriera di docente (subentrato ad Amilcare Ponchielli nella cattedra di Composizione), a lungo incaricato della vice direzione e per qualche mese anche della direzione dello stesso. Un impegno che Ferroni onorò con capacità e dedizione fino al 1929 (tra i suoi allievi Pozzoli, Mortari, Gavazzeni, Montemezzi, Pick-Magiagalli, Pedrollo), senza però rinunciare a una carriera artistica di risonanza internazionale, premiata da successi in Europa e America. Nel suo catalogo, non ampissimo, un posto particolare ha, ovviamente, il genere “nazionale” del melodramma, cui è legata una prima affermazione con Rudello, su libretto di M. Zucchetti, opera vincitrice del terzo premio al Concorso Sonzogno del 1889. Le opere da camera che si ascoltano su questo CD sono in prima registrazione discografica. Certamente più noto è il nome di Riccardo Zandonai. Anch'egli attivo su più fronti, all'attività compositiva affiancò quella di direttore d'orchestra e quella istituzionale. Il Trio-Serenata RZ 217 ha una collocazione del tutto particolare, essendo l'ultima opera portata a termine da Zandonai, in una Pesaro scossa dai bombardamenti nell'estate cruciale del 1943.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Vincenzo Ferroni Cover

    Didatta e compositore. Dopo aver studiato con A. Savard e Massenet al conservatorio di Parigi, dal 1888 al 1929 insegnò composizione al conservatorio di Milano, creando una celebre scuola dalla quale uscirono R. Pick-Mangiagalli, I. Montemezzi, E. Pozzoli, V. Mortari, G. Gavazzeni. Lasciò 3 opere teatrali, 2 sinfonie, musica da camera, per organo, per pianoforte, liriche e musica sacra; inoltre, un trattato di contrappunto e fuga. Approfondisci
Note legali