Categorie

Josh Bazell

Traduttore: L. Conti
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2009
Pagine: 322 p. , Brossura
  • EAN: 9788806195588

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luigiru

    28/03/2016 12.53.27

    Veloce come un colpo di pistola. Ottimo esordio, davvero divertente.

  • User Icon

    Zuckerman

    14/11/2015 17.59.20

    Certo è un problema controverso per un "mafioso" che per tradizione "deve uccidere", essere uno stimato chirurgo che altrettanto normalmente le vite le deve salvare. Nulla di straordinario ma non troppo inverosimile per il genere e, a tratti, piuttosto divertente; si lascia leggere senza particolari pretese.

  • User Icon

    Eli

    22/05/2013 12.06.39

    Davvero un buon libro.. 4 stelle meritatissime..

  • User Icon

    antoscip

    26/03/2013 17.14.00

    Fantastico! Bazell è un genio assoluto.

  • User Icon

    Ferdinando

    08/12/2012 20.48.13

    Il libro è stata una piacevole scoperta. Il personaggio protagonista è davvero originale e ben costruito. Anche la storia risulta ben congeniata e a tratti esilarante. Tuttavia, c'è un qualcosa nel ritmo del racconto e negli elementi contestuali che non fanno gridare al capolavoro.

  • User Icon

    davidino

    12/07/2012 08.57.26

    Il libro l'ho trovato a dir poco geniale :) Sembra di godersi un film di Tarantino, pulp, pulpissimo. Si ride di gusto in ogni pagina e per i detrattori del finale... bhè, con un grottesco e humour nero cosi, cosa vi aspettavate?! :) In una parola, SPASSOSO.

  • User Icon

    Bicio

    20/04/2012 16.02.05

    Scritto male???? non capisco! Questo esordio può anche non piacere ma arrivare addirittura a scrivere questo!! Libro adrenalinico, a tratti grottesco e di chiaro taglio "cinematografico" molto divertente e cinico. Un Hard boiled MODERNO.. e non suoni come un offesa, anzi.

  • User Icon

    Claudio M.

    07/05/2011 14.21.19

    L'idea di fondo è intrigante e seduce all'acquisto, ma il risultato è un racconto "unto" e volgare, costruito con una metrica disordinata che induce a una lettura faticosa, interrotta da lunghissimi intercalari. Molto più interessanti del testo, il contenuto di alcune note a piè pagina. Nel complesso, un romanzo per niente esilarante, decadente e allucinato: niente di cui avessi bisogno.

  • User Icon

    kz

    08/12/2010 18.19.25

    Classico esempio di pubblicità ingannevole. La parte finale poi ti fa venir voglia di tirare il libro contro il muro.

  • User Icon

    umberto

    30/10/2010 23.48.02

    Ok a tratti il protagonista ricorda Rambo,cmq mi piace lo stile di Bazzell. Un buon romanzo d'esordio,lo consiglio

  • User Icon

    cri

    16/07/2010 14.39.42

    concordo con chi dice che da come era stato pubblicizzato ci si aspettava di più, forse per questo mi ha deluso un pò, ma del resto è un bel romanzo, dinamico, personalmente mi sono piaciuti molto i momenti in cui l'autore descriveva minuziosamente i movimenti che il protagonista doveva compiere per "mettere al tappeto l'avversario" attraverso i pensieri dello stesso protagonista che via via spiegava le conseguenze di ogni colpo che gli avrebbe inferto(attingendo dalle sue conoscenze in campo di medicina generale). Per il resto non realmente ironico come ci si aspettava e spesso molto poco realistico, comunque un buon romanzo. Consigliato.

  • User Icon

    paolo

    16/06/2010 01.58.06

    Ma dai, come si fa a dare 1 a un libro del genere. Innanzi tutto c'è una storia, una trama. Un miracolo di questi tempi. Ti fa rimanere incollato alla pagina (un altro miracolo, considerato poi che è scritto in prima persona). E poi le descrizioni cliniche sono fantastiche. Volgare sì ma ci sta alla grande nel personaggio. Non un capolavoro ma un gran bel libro.

  • User Icon

    Ricky

    29/05/2010 18.10.23

    La narrativa è fantasia, e si deve accettare tutto: dalle magie di Harry Potter alle stragi di Rambo, da Biancaneve ai principi azzurri. Ma che il protagonista di questo romanzo, utilizzando una lama rudimentale da lui stesso costruita, si squarci il polpaccio dal tallone sino al ginocchio, entri con le dita nel varco creatosi, si strappi il perone che utilizzerà poi come lancia per trafiggere e uccidere i suoi aguzzini...questo mi pare troppo, non lo accetto. Inoltre la minuziosa descrizione dell'operazione produce anche voltastomaco.

  • User Icon

    JOE

    26/01/2010 10.20.06

    Onestamente da come era stato pubblicizzato mi aspettavo qualcosa di più soprattutto dal punto di vista dell'ironia, comunque un libro piacevole che si lascia leggere. Una prima sufficiente!

  • User Icon

    rosarino

    10/01/2010 13.25.21

    Mi è piaciuto moltissimo. Un pò crudo, come certi aspetti della vita reale sono. Esilarante, in alcuni passi. Scorrevole da leggere. Adatto a chi ha la dote dell'ironia e dell'autoironia.

  • User Icon

    STEFANO

    30/10/2009 11.59.34

    Scritto male o tradotto peggio ???? Questo è in realtà il dilemma più grande che si può affrontare leggendo questo libro. Si forse l'unico pregio è che l'architettura è insolita ma da lì a stare in piedi ce ne corre.

  • User Icon

    Alex Cane

    29/09/2009 12.01.33

    Ho appena terminato di leggere questa grande novità del 2009... L'alternarsi dei capitoli tra il presente "ospedaliero" ed il passato "mafioso" rende assai scorrevole il libro. Ironico, crudo ed appassionante allo stesso tempo. Il protagonista è già un piccolo grande personaggio della letteratura contemporanea. Non dò il massimo dei voti perchè attendo Bazell alla prossima prova... Con maggior maturità potrà fare ancora meglio! Comunque, una gran bella sorpresa.

  • User Icon

    Patrizia

    25/09/2009 10.41.47

    ORRENDO!!!!! tenta, senza riuscirci, di imitare Spillane, ritenta, sempre senza riuscirci, di essere umoristico, riritenta, riuscendoci in pieno, di essere volgare, senza alcuna necessità di esserlo. Scritto male, senza senso, un disastro assoluto!

  • User Icon

    Silvia

    14/09/2009 18.43.53

    Storia inverosimile, scritto male, scimmiotta la letteratura di genere. Godibili solo i passaggi ambientati in ospedale (è davvero come lo racconta l'autore!)

  • User Icon

    Emiliano73

    09/09/2009 12.46.52

    Storia davvero travolgente e appassionante carica di ironia, umorismo e suspance con scene mozzafiato e a volte veramente crude. Pur con un finale esageratamente da "film all'americana", è comunque un libro che ti tiene incollato alle pagine e da leggere tutto d'un fiato.

Vedi tutte le 36 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione