Widow's Children

Widow's Children

Paula Fox

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 489,64 KB
  • EAN: 9780007391097

€ 10,18

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A classic American novel from the author of ‘Borrowed Finery’. On the eve of their trip to Africa, Laura Maldonada Clapper and her husband, Desmond, sit in a New York City hotel room, drinking scotch-and-sodas and awaiting the arrival of three guests: Clara, Laura’s timid daughter from a previous marriage; Carlos, Laura’s flamboyant brother; and Peter, a melancholy editor whom Laura hasn’t seen for over a year. But what begins as a bon voyage party soon becomes a bitter, claustrophobic clash of family resentment. From the hotel room to the tiny restaurant to which the five embark, Laura presides over the escalating innuendo and hostility with imperial cruelty, for she is hiding the knowledge that her mother, the family matriarch, has died of a heart attack that morning. Intense and unerringly observed, ‘The Widow’s Children’ is a tour de force from the incomparable Paula Fox.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Paula Fox Cover

    (New York 1923) scrittrice statunitense. Un’infanzia turbolenta, i trasferimenti in molti paesi e un matrimonio da giovanissima sono la sua biografia. Ha esordito negli anni ’60 con libri per bambini e ragazzi (Il gatto con un solo occhio, One-eyed cat, 1984) e romanzi, tra cui Cercando George (Poor George, 1967), emblema della passività dell’esistenza. Ma è solo negli anni ’90, grazie al sostegno di J. Franzen che l’ha eletta tra le maggiori scrittrici statunitensi, che si è affermata a livello internazionale. Il libro che l’ha segnalata è Quello che rimane (Desperate characters, 1970), racconto della rottura tra due coniugi a causa di un gatto randagio. Il malessere interiore e la fragile ipocrisia dei rapporti familiari caratterizzano... Approfondisci
Note legali