Categorie

Editore: Giunti Editore
Collana: Art Game
Anno edizione: 2013
Pagine: 208 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788809785205
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    18/11/2013 21.58.13

    Un' antologia di quadri più o meno famosi di corpi femminili e maschili ritratti dall'arte universale a partire dall'antichità, per arrivare ai contemporanei. Non c'è pornografia, ovviamente, né gusto morboso per l'esibizione anatomica: a volte il piacere sottile della seduzione, o l'ironia della provocazione. Comunque e sempre un inno alla bellezza ("Vieni tu dal cielo profondo o sorgi dall'abisso, bellezza?", scriveva Baudelaire), perché, secondo Schiele, "nessuna opera d'arte erotica è oscena se è artisticamente rilevante". Le riproduzioni sono commentate da frasi o aforismi della letteratura di tutti i tempi, dalla Genesi e Saffo, fino a Woody Allen, Frank Zappa e alla nostra Alda Merini. Tra gli artisti sono rappresentati i geni del rinascimento italiano, e poi i francesi più classici (David e Ingres) e quelli di fine 800 (Degas, Manet, Renoir, Lautrec, Cézanne...), quindi gli austriaci Schiele e Klimt, e naturalmente la celebrata "Origine du Monde" di Gustave Courbet. Non mancano i nostri Modigliani e Casorati, ed è presente anche una fotografia di Fosco Maraini. Adamo ed Eva sono citati in mosaici e affreschi medievali; due eleganti stampe giapponesi di Kitagawa Utamaro ci ricordano quanto l'erotismo possa nascere da allusioni di soffusa sensualità. Corpi, quindi, come offerta d'amore e tentazione, richiami alla naturalezza della fisicità o allo sconquasso della passione: ma sempre chiamati a testimoniare che, come recita una frase di Billy Wilder, "il mistero della vita sta nella ricerca della bellezza".

Scrivi una recensione