12 Studi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Claude Debussy
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 27 settembre 2012
  • EAN: 5028421943718
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dodici Études per pianoforte; Tre Estampes (Pagodes; La soirée dans Grenade; Jardins sous la pluie); Deux Arabesques; L’isle joyeuse
Pochi compositori sono difficili da eseguire (e spesso anche da ascoltare) come Claude Debussy, autore tanto originale da sfuggire a qualsiasi etichetta, prima tra tutte quella di “impressionista” che continua a venirgli affibbiata. Gli studiosi sono concordi nell’affermare che l’anima più autentica di Debussy è contenuta nella produzione pianistica, nella quale il compositore francese seppe trasfondere con impareggiabile efficacia le sue impressioni e i suoi stati d’animo. Reduce dalla strepitosa registrazione degli Studi trascendentali di Franz Liszt, la pianista italiana Mariangela Vacatello dedica al compositore francese un disco incentrato sui dodici Études, ai quali fanno corona le Estampes, gli Arabesques e L’isle joyeuse, nei quali sfoggia la sua tecnica sicurissima e una notevole personalità. Questo disco è corredato da note di copertina in italiano.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Claude Debussy Cover

    Propr. Achille-Claude Debussy. Compositore francese.L'itinerario artistico e le opere principali. Figlio di piccoli commercianti di porcellane, entrò al conservatorio di Parigi nel 1872, studiando il pianoforte con A.-F. Marmontel e la composizione con E. Giraud. Nel 1884 ottenne il Prix de Rome con la scena lirica L'enfant prodigue (Il figliuol prodigo). A Roma, dove soggiornò dal 1885 all'87, scrisse La demoiselle élue (La fanciulla eletta), su testo di D.G. Rossetti. Rientrato a Parigi, prese a frequentare il salotto di Mallarmé e altri ambienti artistici legati al simbolismo e all'impressionismo. S'interessò, nel frattempo, all'o­pera di Wagner (viaggi a Bayreuth nel 1888 e nel 1889), al Boris di Musorgskij, alle musiche giavanesi ascoltate all'Esposizione di Parigi nel 1889. La maturazione... Approfondisci
Note legali