-15%
13 storie inospitali - Hans H. Jahnn - copertina

13 storie inospitali

Hans H. Jahnn

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Lavieri
Collana: Arno
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 1 gennaio 2011
Pagine: 192 p., Brossura
  • EAN: 9788889312599
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

13 storie inospitali

Hans H. Jahnn

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


13 storie inospitali

Hans H. Jahnn

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

13 storie inospitali

Hans H. Jahnn

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 16,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un orologiaio promette al figlio che a fine giornata vedrà la sua creazione più bella, un orologio che si concretizza per magia davanti agli occhi del bambino, trasformando il negozio in un tempio. Appare un piccolo organo barocco, le cui canne sprigionano il corale "che nota dopo nota va scalando tutte le armonie" per rendere omaggio al giorno trascorso prima che sprofondi nella tomba della notte. Oltre che ne L'orologiaio, anche in altri racconti affiora lo stupore per macchinari che imitano gli ingranaggi del corpo umano e trasformano l'aria in suoni, come l'organo meccanico visto dalla prospettiva di un bambino sgomento (Un fanciullo piange). La minuzia delle descrizioni si deve al fatto che, oltre che scrittore, il tedesco Hans Henny Jahnn (1894-1959), vissuto in Norvegia dal 1915, rientrato in Germania ed emigrato in Danimarca durante il nazismo, era inventore, costruttore e restauratore di organi, nonché drammaturgo e editore di musica per la Ugrino Verlag, che prese nome dalla comunità di artisti vagheggiata insieme all'amato Gottlieb Harms. D'altra parte nella vita di Jahnn scrittura e musica erano inseparabili, un po' come per Robert Schumann e Ernst Theodor Amadeus Hoffmann. In lui però la componente romantica di una scrittura che cerca di afferrare la musica si unisce a torsioni sperimentali alla Joyce, mentre l'angoscia esistenziale assume tinte espressioniste.
Veri racconti non sono, questi, ma pagine cavate da opere maggiori: Perrudja (1919) e l'incompiuta opera-mondo Fluss ohne Ufer ("Fiume senza rive"), entrambe mai pubblicate in Italia. Per questo è meritoria e coraggiosa la scelta di tradurre la silloge, curata dallo stesso scrittore nel 1954, che offre una scelta di temi calati in atmosfere da saga nordica o fiaba orientale, in un clima allucinato che fa pensare a certi apologhi kafkiani: il doppio, il rapporto servo-padrone, l'incesto, il disfacimento di un corpo amato. L'amore omosessuale ritorna in due testi interessanti anche per l'epoca e il contesto in cui furono scritti, Il tuffatore e I mangiatori di marmellata, oltre che nelle descrizioni di corpi maschili disseminate in altri racconti. Nel primo, il narratore è affascinato dal corpo di un ragazzino morto, consegnato alle grinfie di un medico inquietante. Questa sorta di furiosa adorazione richiama l'intreccio di mito e autobiografia di Fluss ohne Ufer, dove la morte e l'imbalsamazione del compagno riscrivono la leggenda di Gilgamesh e Enkidu, una delle narrazioni di riferimento per la cultura omosessuale, analizzata da David M. Halperin in One Hundred Years of Homosexuality (Routledge, 1990).
Ancor più pregnante, il tema dello sguardo. L'intensità dello sguardo sul corpo maschile accende pagine che spiccano con la forza di una ribellione, rispetto agli assunti nichilisti che i personaggi esprimono nei gesti e nelle parole, come ne I mangiatori di marmellata, in cui una donna sola, confinata in casa, osserva il corpo del lattaio e del garzone del pane con un desiderio che moltiplica la capacità di percezione. Le sei righe più erotiche della raccolta sono dedicate al garzone del pane, che per vocazione salva i matrimoni altrui dal naufragio, accoppiandosi con le clienti trascurate dai mariti in cambio di cibo. "Lo sguardo di una donna insoddisfatta è per me intollerabile", dice per giustificare una vita che, secondo Harald, figlio dell'insoddisfatta di turno, conferma la teoria comunista della collettività dell'amore. Ancor più disperato è il desiderio con cui la donna osserva le ginocchia del figlio sprofondato nel sonno, nelle quali confluisce la bellezza di un corpo sgraziato. "Non ci si soddisfa con gli occhi", la aggredisce lui, in una scena cruda e bellissima in cui passa il soffio dell'incesto. Poi la madre invita il garzone timido e l'assatanato, insieme alla sua moglie bambina, a una merenda innaffiata dal vino, che diventa una scena senza senso, prova "della follia della creazione". Colpo di coda è la schiarita finale, dopo la violenza e il senso di soffocamento che circolano in questa come nelle altre storie, la cui prosa, tradotta con scioltezza, è davvero inospitale per un lettore in cerca di consolazione. La traccia, un semplice accenno, è quella di assumere serenamente una sessualità dal respiro panico, innocente. Il garzone timido lascia la casa e le coppie novelle impegnate ad amarsi. Si fa trascinare dalla folla, incontra un ragazzo, i due si piacciono, si scoprono simili, mangiano un gelato, si perdono nel bosco e decidono di andare a uomini. Nell'ultima immagine accerchiano un ragazzino spaurito e se lo rimorchiano con leggerezza.
Marco Emanuele
Note legali