copertina

1876

Gore Vidal

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Vintage
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,25 MB
  • EAN: 9780525565772
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 11,12

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

        
The third volume of Gore Vidal's magnificent series of historical novels aimed at demythologizing the American past, 1876 chronicles the political scandals and dark intrigues that rocked the United States in its centennial year.
------Charles Schermerhorn Schuyler, Aaron Burr's unacknowledged son, returns to a flamboyant America after his long, self-imposed European exile. The narrator of Burr has come home to recoup a lost fortune by arranging a suitable marriage for his beautiful daughter, the widowed Princess d'Agrigente, and by ingratiating himself with Samuel Tilden, the favored presidential candidate in the centennial year. With these ambitions and with their own abundant charms, Schuyler and his daughter soon find themselves at the centers of American social and political power at a time when the fading ideals of the young republic were being replaced by the excitement of empire.
------"A glorious piece of writing," said Jimmy Breslin in Harper's. "Vidal can take history and make it powerful and astonishing." Time concurred: "Vidal has no peers at breathing movement and laughter into the historical past."
------With a new Introduction by the author.

  • Gore Vidal Cover

    Nato nel cuore della vita politica statunitense, da bambino ha vissuto a lungo con il nonno Thomas Pryor Gore, senatore, che in seguito sarebbe stato un oppositore di Franklin Delano Roosevelt. Dopo aver militato nel Pacifico settentrionale come volontario durante la Seconda Guerra Mondiale, debuttò con Williwaw (1946), che raccontava esperienze belliche (come ben riassume presentandosi come personaggio in L’età dell’oro), cui fece seguito un’opera simile, In a yellow wood. La sua notorietà esplose però con The city and the pillar del 1948, intitolato successivamente nelle varie versioni italiane La città perversa, Jim e La statua di sale. La storia di Jim Willard, marchetta e maestro di tennis, ossessionato da un amore romantico e irraggiungibile,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali