2112 (Remastered)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Rush
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Mercury
  • EAN: 0731453462625
Salvato in 12 liste dei desideri

€ 10,50

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 10,10 €)

Disco 1
1
2112
2
A Passage To Bangkok
3
The Twilight Zone
4
Lessons
5
Tears
6
Something For Nothing
5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Kabro

    24/09/2010 14:20:04

    Album assolutamente essenziale per chi come me mastica Rock e non ha il paraocchi solo su certi "sottogeneri" (o sfumature) musicali. A distanza di quasi 35 anni nessuno è riuscito ad eguagliare una simile magia compositiva. Fantastico.

  • User Icon

    Alex Lugli

    24/11/2009 23:59:33

    I Rush sono un gruppo Rock canadese composto da Alex Lifeson (chitarra), Geddy Lee (basso/tastiere/voce) e Neil Peart (batteria). Il 1976 è l'anno di uscita di "2112", da molti considerato il loro primo gioiello, la prima opera con una forte base che li potesse distaccare definitivamente dal ruolo di gruppo-scia dei Led Zeppelin. All'omonima suite (basata su una novella di Ayn Rand nella quale un giovane scopre la musica - sotto forma di una chitarra - in un'epoca in cui un regime totalitario ha tolto all'uomo ogni spazio di libertà creativa), si alternano canzoni più brevi ma non meno intense, come l'esotica "A Passage To Bangkok", l'acustica "Lessons", la triste e romantica "Tears", la cadenzata "The Twilight Zone" e la splendida, conclusiva, "Something For Nothing", che rappresenta la summa delle tematiche più care ai Rush. Lo si può considerare il primo album del periodo Progressive della band, che include anche i successivi "A Farewell To Kings", "Hemispheres" e secondo alcuni prosegue almeno fino a "Signals". Anche la suddivisione in brani si avvicina (come già nel precedente "Caress Of Steel", 1975) a quelle tipiche di gruppi Progressive come Yes o Genesis, con un brano, la suite "2112", che occupa un intero lato del vinile. In questo brano celebre, la voce di Geddy Lee, i tecnici assoli di Alex Lifeson e la batteria di Neil Peart creano le atmosfere spaziali che fanno da sfondo a una storia ambientata in un futuro antiutopico in cui la musica è stata bandita (una storia analoga sarà narrata qualche anno dopo in un altro brano celebre, "Red Barchetta" sull'album "Moving Pictures"). Il disco è da sempre considerato uno dei migliori album del trio canadese. Un classico assoluto del Progressive/Hard Rock dalle trame musicali inarrivabili e basilari per bellezza e contenuto.

  • User Icon

    Dobermann

    23/06/2005 13:59:43

    Che cosa si può dire di 2112, a distanza di tanti anni, che non sia stato detto? Io mi limeterò solamente a dire che se il Rock, nella sua componente più Hard e progressiva, ha raggiunto oggi i massimi livelli è grazie a questa straordinaria opera che ha fatto storia. Questo disco deve essere posseduto da tutti affinchè si possa comprendere la nascita e l'evoluzione di un determinato tipo di musica, musica fatta di passionalità, genialità, perizia tecnica ed inventiva! Questo disco è stato una sorte di spartiacque tra la musica di ieri e quella di oggi, un disco dal quale non si può prescindere! Grazie Neil, Geddy ad Alex per il capolavoro assoluto della musica moderna!

| Vedi di più >
Note legali