4 Cities. Sonate per violoncello

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Plg
Data di pubblicazione: 24 febbraio 2017
  • EAN: 0190295867249

€ 20,90

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In questo album il pianista e compositore Fazýl Say e il violoncellista Nicolas Alstaedt si incontrano per un progetto eclettico che spazia da Debussy a Janacek, a Shostakovich. A dare il titolo all’album è però la sonata scritta da Say e intitolata 4 Cities, una celebrazione in musica di quattro città turche care al compositore.
Originariamente commissionata dalla BBC, 4 Cities è stata eseguita in prima assoluta nel Giugno del 2012 durante il City of London Festival da Nicolas Altstaedt e José Gallardo.
“4 Cities è un’immersione nel mondo poetico e mistico, nella storia, nei segreti e nelle passioni dell’Oriente.
[In questa sonata] il violoncello si trasforma in flauto, in violino, in strumento a percussione fino a diventare la voce stessa di un popolo che, attraverso la musica, ci invita ad entrare in un mondo facendocelo sentire quanto mai vicino”.
Nicolas Alstaedt.
Disco 1
1
I – Sivas (Fazil Say, Four Cities, sonata for violoncello and piano)
2
II – Hopa (Fazil Say, Four Cities, sonata for violoncello and piano)
3
III – Ankara (Fazil Say, Four Cities, sonata for violoncello and piano)
4
IV – Bodrum (Fazil Say, Four Cities, sonata for violoncello and piano)
5
Prologue (Claude Debussy, Sonata for violoncello and piano)
6
Sérénade (Claude Debussy, Sonata for violoncello and piano)
7
Final (Claude Debussy, Sonata for violoncello and piano)
8
I Con moto (Leos Janacek, Works for violoncello and piano: Pohadka. A Tale)
9
II Con moto (Leos Janacek, Works for violoncello and piano: Pohadka. A Tale)
10
III Allegro (Leos Janacek, Works for violoncello and piano: Pohadka. A Tale)
11
Presto (Leos Janacek, Works for violoncello and piano: Pohadka. A Tale)
12
I Allegro non troppo (Dimitri Shostakovich, sonata for violoncello and piano op.40)
13
II Allegro (Dimitri Shostakovich, sonata for violoncello and piano op.40)
14
III Largo (Dimitri Shostakovich, sonata for violoncello and piano op.40)
15
IV Allegro (Dimitri Shostakovich, sonata for violoncello and piano op.40)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Claude Debussy Cover

    Propr. Achille-Claude Debussy. Compositore francese.L'itinerario artistico e le opere principali. Figlio di piccoli commercianti di porcellane, entrò al conservatorio di Parigi nel 1872, studiando il pianoforte con A.-F. Marmontel e la composizione con E. Giraud. Nel 1884 ottenne il Prix de Rome con la scena lirica L'enfant prodigue (Il figliuol prodigo). A Roma, dove soggiornò dal 1885 all'87, scrisse La demoiselle élue (La fanciulla eletta), su testo di D.G. Rossetti. Rientrato a Parigi, prese a frequentare il salotto di Mallarmé e altri ambienti artistici legati al simbolismo e all'impressionismo. S'interessò, nel frattempo, all'o­pera di Wagner (viaggi a Bayreuth nel 1888 e nel 1889), al Boris di Musorgskij, alle musiche giavanesi ascoltate all'Esposizione di Parigi nel 1889. La maturazione... Approfondisci
  • Dmitri Shostakovich Cover

    Compositore russo.Gli anni di formazione e la fase modernista. Allievo del conservatorio della città natale, si accostò ai più attivi movimenti dell'avanguardia rivoluzionaria, con Prokof'ev, Majakovskij, Meyerhold ecc. Nel 1926 la Sinfonia n. 1 lo rivelò sul piano internazionale, mettendo in luce una spregiudicata e originale assimilazione dei più vari ritrovati della musica contemporanea europea, sorretti da una straordinaria disinvoltura tecnica. Oltre a influssi di Rimskij-Korsakov e Prokof'ev, la sua produzione giovanile (sinfonica, da camera e teatrale), risente del neo-oggettivismo tedesco e francese, in particolare di Hindemith: vi domina un piglio aggressivo dai tratti grotteschi e ironici, timbricamente esuberante ed estroso nel ritmo; il suo linguaggio armonico ora sfocia nell'atonalità... Approfondisci
  • Leos Janacek Cover

    Compositore ceco.Le vicende biografiche e i primi lavori. Figlio del maestro elementare di un piccolo paese, trascorse un'infanzia povera. Compì i primi studi musicali a ­Brno, continuandoli poi alla scuola d'organo di Praga (1874-75) e ai conservatori di Lipsia (1879-80) e di Vienna (1880); ma si formò sostanzialmente da autodidatta. Ritornato a Brno, prese a svolgervi un'intensa attività di insegnante e di direttore d'orchestra e di società corali. Intanto si dedicava, anche in collaborazione con l'etnomusicologo F. Bartos, allo studio del canto popolare moravo e a ricerche approfondite di psicologia e di fisiologia acustica. Dopo l'opera teatrale Sárka (terminata nel 1887 e rielaborata nel 1924), ancora di ispirazione romantica sui modelli di Smetana e di Dvorák, scrisse lavori di indirizzo... Approfondisci
Note legali