Categorie

Giorgia Würth

Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2014
Pagine: 250 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804638391

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    eli203

    29/08/2015 09.42.20

    interessante e scritto bene. Argomento delicato trattato con naturalezza e sobrietà

  • User Icon

    Tinama

    27/02/2015 11.56.57

    Il titolo potrebbe apparire inequivocabile sull'argomento trattato, ma l'emozione e i messaggi che trasmette sono tutt'altro. Si entra in un mondo tutto da scoprire, ma in cui non è facile, non si vuole, si ha paura di entrare. Solo chi c'è già dentro o chi per un puro caso del destino si è trovato ad esserci, come la protagonista, può capire senza giudicare una realtà così drammatica e fragile. Potrebbe anche turbare il pensiero che si debba ricorrere ad un "assistente sessuale" per dare sollievo a tante sofferenze ma se "nessuno si scandalizza se qualcuno legge per i ciechi, perché allora indignarsi se qualcuno si occupa di far sperimentare la tenerezza a una donna o a un uomo intrappolati nel proprio stesso corpo?...Giorgia Wurth tocca il nervo scoperto di tante nostre paure, prova con semplicità e con forza a immaginare un mondo più umano per tutti noi." L'autrice è riuscita a raccontare con la sensibilità propria di una donna, senza scadere nella volgarità e con il coraggio di chi sa di remare contro corrente.

  • User Icon

    MICHELA

    15/01/2015 11.35.54

    Con questo romanzo è stato amore a prima vista! Mi ha attratto il titolo, alquanto originale, la copertina, nonché la trama che, inutile negarlo, in un paese chiuso di mentalità come lo è l'Italia, fa quasi gridare allo scandalo. Gioia è una ragazza che sembra avere tutto dalla vita: un lavoro da infermiera appagante, una storia consolidata con Giuseppe e un padre che la adora. Il suo equilibrio, però, crolla quando perde il posto di lavoro, il fidanzato la lascia e il padre ha problemi di salute. E' in questo momento che si ritrova a dover rinventarsi una vita e scopre un mondo tutto nuovo: quello delle assistenti sessuali. Dopo un iniziale tentennamento decide di mettersi in gioco e grazie ai suoi clienti vedrà i suoi pregiudizi crollare. Il suo sarà un viaggio nell'universo dell'amore da cui ne uscirà inaspettatamente cambiata e arricchita. Giorgia Wurth affronta un tema di cui si parla troppo poco: la sfera intima delle persone disabili. Siamo spesso, infatti, convinti che le persone con questi problemi siano asessuali e quindi diversi dai normodotati, ma su questo ci sbagliamo, e non poco! L'autrice, dopo quattro anni di ricerche e contatti diretti con disabili e "accarezzatrici", che in alcuni paesi, tipo la Svizzera, svolgono questo lavoro legalmente in quanto è riconosciuto anche dallo Stato, ha pubblicato questo libro che si presenta come un romanzo ma che ha lo scopo di accendere i riflettori su un argomento che in Italia è ancora tabù. Brava la scrittrice che ha saputo affrontare un tema come il sesso senza risultare mai volgare, ma, anzi, avvalendosi di una delicatezza che padroneggia dall'inizio alla fine della storia. Lo consiglio a tutti perché penso sia arrivato il momento di aprire gli occhi e sfatare alcune convinzioni e preconcetti che ci portano ad essere ipocriti e negano diritti e felicità al alcune categorie di persone, come per appunto i disabili. Un libro che ci ricorda che "il sesso è, in fondo, l'unico linguaggio davvero universale."

Scrivi una recensione