Salvato in 39 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Acido solforico
12,35 € 13,00 €
LIBRO
Dettagli Mostra info
Acido solforico 120 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Acido solforico - Amélie Nothomb - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Acido solforico Amélie Nothomb
€ 13,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Un reality show dall'inequivocabile nome Concentramento, basato su regole che ricordano il momento più orribile della storia dell'umanità. Per le strade di Parigi si aggira una troupe televisiva inviata a reclutare i concorrenti, che vengono caricati su vagoni piombati e internati in un campo dove altri interpretano il ruolo di kapò. La vita di tutti si svolge sotto l'occhio vigile delle telecamere e il momento di massima audience arriva quando i telespettatori decidono l'eliminazione-esecuzione dallo show di un concorrente attraverso il televoto. Gli strali della scrittrice da sempre al centro di polemiche colpiscono questa volta, con meno leggerezza ironica e più disgusto, una società in cui la sofferenza diventa spettacolo.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2006
1 gennaio 2010
131 p., Brossura
9788888700533

Valutazioni e recensioni

3,54/5
Recensioni: 4/5
(24)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(8)
4
(7)
3
(3)
2
(2)
1
(4)
simona proietti
Recensioni: 1/5

Deludente, troppo sotto la media di Ameliè. L'invenzione di un reality estremo, la ricostruzione di un campo di concentramento con veri prigionieri, veri kapò, vere esecuzioni. tante questioni etiche messe in gioco in questo massacro, dalla spersonalizzazione dell'essere umano alla spettacolarizzazione dell'omicidio al televoto. Troppe e troppo grandi, non ne viene fuori nulla di coerente (come invece nelle Catilinarie). Completamente strumentale l'evocazione di Primo Levi (nel personaggio di Pietro Livi). Un pasticcio. Peccato, adoro Ameliè.

Leggi di più Leggi di meno
luigi
Recensioni: 4/5

Secondo libro della Nothomb che leggo e seconda volta che resto impressionato positivamente. Nella sua assurdità totale il racconto distopico colpisce per quanto sia affilato nel denunciare l'oscenità del voyeurismo che i reality hanno fatto scivolare sottopelle ai telespettatori, la capacità del peggio di andare sempre un po' oltre, superando tutti i limiti della decenza. C'è anche il tema della politica, che è sempre talmente tanto indietro nel comprendere la modernità da non riuscire a fare scelte o da compiere scelte senza senso o anacronistiche. Interessanti i personaggi, il libro si legge in poche ore ma offre spunti di riflessione per molte. Notevolissimo!

Leggi di più Leggi di meno
Caterina
Recensioni: 2/5

Leggendo le numerose recensioni positive ho deciso di leggere anch'io questo libro. Purtroppo sono rimasta delusa. I temi sono sicuramente molto attuali e l'autrice è tagliente, ma davvero non mi ha colpita. Anzi, alcuni passaggi sembravano un po' banali. Belle però le riflessioni che ne possono scaturire.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,54/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(8)
4
(7)
3
(3)
2
(2)
1
(4)

Voce della critica

Al suo tredicesimo romanzo breve poco più d'un racconto la fortunata e originalissima scrittrice belga ora quasi quarantenne punta il dito sul recente fenomeno del reality show inventando che questa volta la televisione non ha puntato su gente comune al chiuso o all'aperto di qualche isola esotica ma ha ricostruito la vita e la morte in un lager tedesco. Per millenni è sopravvissuta nell'immaginario occidentale la caduta di Troia ma il secondo Novecento e noi stessi abbiamo un indimenticabile analogo che è l'orrore senza pari del nazismo. Quest'orrore getta ancora sui nostri tempi mediocri come un'ombra fuori misura forse una sorta di grandezza e ogni libro o film che vi faccia riferimento ha buon gioco. Che la televisione potrebbe ricostruire un reality dai lager è assurdo ma chi dice che per offrire sempre nuove emozioni a un pubblico sazio e svagato non potrebbe farlo?

In Francia Acido solforico ha suscitato pubbliche proteste da parte dei giornalisti televisivi; forse anche reazioni silenziose in quelli che davanti al La vita è bella del nostro Benigni avevano pensato: no dei lager non è lecito fare una favola a lieto fine. Nothomb ne ha fatto però un j'accuse una violenta satira del sadismo ipocrita e incosciente del pubblico che deplora l'orrore ma non ne perde poi una puntata. Questa è la forza e la serietà del libro.

La sottotrama del racconto è costituita dal rapporto fra una bellissima prigioniera dal bizzarro nome di Pannonique e la volgare capò Zdena giovani entrambe entrambe catturate per strada dagli organizzatori dello show e dall'amore infelice di quest'ultima per la prima un amore che poi la redime rendendo possibile un lieto fine – la distruzione del fittizio lager con delle finte molotov. La coppia bella-bestia l'inno alla virginea bellezza della gioventù non sono una novità nei libri di Nothomb colta elitaria nemica della bruttezza e della stupidità corrente (vedi Igiene dell'assassino Attentato Mercurio e in qualche misura Anticrista) e anoressica per disgusto della nostra grevità sulla terra (in Biografia della fame) ma questa volta il sacrosanto sdegno di fronte al consumo televisivo le fa perseguire fra taglienti battute e paradossi un visibile scopo educativo. La speranza è tuttavia quasi nulla: la scrittrice è convinta che la nostra civiltà non abbia ancora toccato il fondo del degrado. E cosa resta se non il piacere di scrivere?

L'idea del lager è magnifica ma i racconti che partono da un'idea troppo buona spesso non si reggono sino alla fine: la sorpresa si concentra all'inizio il dopo è per forza più pallido. In Acido solforico c'è ancora un bel coup de théatre a due terzi della storia – il pubblico chiamato a votare quali prigionieri devono essere le prossime vittime: delle uccisioni in diretta sono tuttavia impossibili a narrarsi di per sé ma soprattutto in un racconto finora solo grottesco. L'ultima parte del libro perde tensione: il rapporto fra la bellissima e la capò si spiritualizza in un congedo ferroviario con un appello a un bene duraturo al di sopra del sesso. All'ultimo incontro con un onesto ex compagno di lager dal significativo nome di Pietro Livi la bellissima si propone di dedicarsi a “far felice la gente”. Oddio pensa Livi non vorrà diventare dama di carità. Non è questo: la bellissima imparerà a suonare il violoncello. Perché il violoncello? “Perché è lo strumento che somiglia di più alla voce umana”. Il violoncello è chiaro che sta per l'arte e al tempo stesso è un messaggio d'umanità. Però la bontà artisticamente non rende.


Anna Maria Carpi

Leggi di più Leggi di meno

La recensione di IBS

Una troupe televisiva fa una retata nelle strade di Parigi per reclutare i partecipanti a un reality show dal titolo "Concentramento", scegliendo a caso tra la popolazione. I partecipanti vengono caricati su vagoni piombati e internati in un campo dove altri concorrenti recitano il ruolo di kapò. Sotto l'occhio vigile delle telecamere i prigionieri vengono picchiati e umiliati in ogni modo; il momento più atteso arriva quando, ogni settimana, i telespettatori decidono l'eliminazione-esecuzione di uno di loro dallo show con il televoto.
L'ultimo libro della Nothomb, un'autrice da sempre al centro di polemiche, per questo romanzo che sta dividendo critica e pubblico: pagine terribili, metafora di una società in cui la sofferenza diventa spettacolo.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Amélie Nothomb

1967, Kobe (Giappone)

Scrittrice belga. Figlia di un ambasciatore membro di una delle famiglie più in vista del suo paese ha trascorso l'infanzia in Giappone, per poi trasferirsi in Cina al seguito del padre diplomatico.I suoi libri hanno ormai conquistato milioni di lettori e fans appassionati. L’esordio a soli ventitré anni con Igiene dell’assassino, cui ha fatto seguito, ogni anno, un romanzo accolto con identico successo. Laureatasi, decide di ritornare a Tokyo per approfondire la conoscenza della lingua giapponese studiando la «langue tokyoïte des affaires»: assunta come traduttrice in una enorme azienda giapponese, vive un'esperienza durissima che racconta in seguito nel libro Stupore e tremori, che riceverà il Grand Prix du Roman dell'Académie...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore