L' albero degli zoccoli

29° nella classifica Bestseller di IBS Film - Drammatico - Storico

Disponibile anche in altri formati:

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 8,30 €)

Descrizione

In una cascina vicino a Bergamo alla fine del secolo scorso, cinque famiglie di contadini vivono, lavorano, amano, soffrono

Tra l'autunno 1897 e l'estate 1898, quattro famiglie vivono in una cascina della Bassa Bergamasca. Tra i componenti di questa comunità esiste un profondo legame spirituale e culturale che li porta a vivere insieme cose belle e cose tragiche, avvenimenti ordinari e avvenimenti straordinari.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lalori

    23/04/2019 17:26:22

    Gran film, da tenere sempre nella mia cineteca

  • User Icon

    Gostvraiter

    10/03/2019 14:29:40

    Ambientato alla fine dell’Ottocento, «L’albero degli zoccoli» racconta un anno nella vita di una comunità di contadini della Bassa bergamasca. Ermanno Olmi narra la quotidianità di un mondo e di un’epoca lontanissimi con rigore esemplare, fondendo documentario e finzione: le fatiche, i dolori, la miseria, le violenze subite, gli amori, la rassegnazione dei contadini e i loro rapporti con il padrone sono descritti in modo totalmente asciutto, senza la benché minima concessione alla retorica, restituendo tutta l’autentica e spietata “normalità” delle situazioni reali. In ogni singola scena di questo potente affresco il cattolico Olmi, con umiltà e una sensibilità religiosa mai superficiale, riesce a rievocare tutta la sacralità di una civiltà contadina ormai scomparsa; non a caso, la pellicola è scandita dal passare delle stagioni, che regolavano inesorabilmente la vita nelle campagne. La poesia che permea il film, girato in dialetto bergamasco, è legata anche alla straordinaria naturalezza della recitazione degli attori, tutti non professionisti. «L’albero degli zoccoli» ha ricevuto la Palma d’oro per il miglior film al Festival di Cannes del 1978.

  • User Icon

    Monica67

    21/02/2019 17:13:34

    L'ho visto all'epoca delle scuole elementari e poi da adulta. L'ho sempre trovato noioso, inutilmente lungo. Olmi ha fatto film migliori.

  • User Icon

    V.M.

    09/05/2018 10:34:10

    Ho guardato (mOOOlte volte) il film in dialetto bergamasco-per chi non lo comprende ci sono i sottotitoli in italiano, io ho fatto così- e ogni volta vorrei che non finisse mai...I gusti sono gusti, ma "pesantissimo" è un aggettivo che non userei mai per questa pellicola: dura, poetica, asciutta e infinitamente sincera, così la definisco.

  • User Icon

    Euge

    01/07/2016 19:10:40

    Doppiato in italiano forse è ancora sopportabile, io l'ho visto in dialetto bergamasco coi sottotitoli ed è pesantissimo. Sono arrivato in fondo solo perchè ero in compagnia e sorseggiavamo birra, così commentavamo le scene. E' un peccato perchè ci sono diverse vicende e atmosfere suggestive e toccanti, ma nel complesso la durata è esagerata, poteva essere tranquillamente compresso.

  • User Icon

    Ernesto

    02/04/2014 22:14:23

    Quasi come risposta a "Novecento" di B.Bertolucci, due anni più tardi arriva "L'albero degli zoccoli" di E.Olmi, un'altro capolavoro del nostro cinema. Ambientato sul finire del XIX secolo nelle campagne della bergamasca, racconta la vita di quattro famiglie contadine con storie di normale quotidianità. Il film è interamente interpretato da attori non professionisti. Consiglio la visione con i dialoghi in dialetto bergamasco. Ovviamente per chi lo comprende.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Ermanno Olmi ritrova fiato ed estro poetico mettendo in immagini le storie contadine dei suoi nonni

Trama

In una cascina vicino a Bergamo alla fine del secolo scorso, cinque famiglie di contadini vivono, lavorano, amano, soffrono. Una ragazza sposa uno dei giovani. Il loro viaggio di nozze a Milano è movimentato dalle repressioni, da parte delle truppe di Bava Beccaris, delle manifestazioni popolari. L'albero del titolo è quello che uno dei contadini taglia per fare gli zoccoli per il figlio. Il padrone viene a saperlo e scaccia la famiglia.

  • Produzione: General Video, 2012
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Durata: 179 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Italiano (dialetto) (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area 2
  • Contenuti: Menù interattivi e animati - Accesso diretto a 24 scene - Intervista a Ermanno Olmi