Categorie

Jason Goodwin

Traduttore: C. Mennella
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: 382 p. , Brossura
  • EAN: 9788806190460
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati oppure usato:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    loretta labanti

    15/01/2013 18.38.36

    Io arrivo solo ora, l'ho scoperto adesso questo libro.. Credevo di doverlo ordinare invece c'era in libreria, che bello l'ho letto subito, non troppo in fretta per non finilo in due giorni, ma se inizi non e' facile smettere di leggerlo. -a me e' piaciuto tantissimo!! E mi meravigliano le critiche negative che ho letto, comunque ognuno dice quel che vuole, io lo amo. Amo il libro. Amo l'autore. Amo Yashim. Ho trovato bellissime le descrizioni di Istanbul nel 1800 e le descrizioni dei piatti e ovviamente mi e' piaciuto tanto Yashim, come lo ha descritto, creato e inserito nella storia, non un super eroe ma un uomo intelligente che se la cava in tante situazioni. I suoi amici poi Preen e l'ambasciatore polacco li ho amati anche loro.!! Unica lacuna, si la trama gialla non e' superba, ma insomma nessuno e' perfetto. A me e' piaciuto e questa e' la mia recensione. :)

  • User Icon

    Maunakea

    13/09/2012 18.13.38

    non tanto l'argomento di per sè, nel senso che poteva anche essere interessante un delitto anbientato in quell'epoca a Istambul... è proprio la soporifera scrittura dell'autore a far perdere il mordente ed a renderlo noioso dopo le prime pagine. Peccato.

  • User Icon

    Maunakea

    13/09/2012 18.13.19

    non tanto l'argomento di per sè, nel senso che poteva anche essere interessante un delitto anbientato in quell'epoca a Istambul... è proprio la soporifera scrittura dell'autore a far perdere il mordente ed a renderlo noioso dopo le prime pagine. Peccato.

  • User Icon

    lucrezio

    08/07/2011 00.57.24

    In totale dissenso dagli altri commenti, un libro avvincente e ben scritto , ricostruisce splendidamente l' ambientazione dell' istambul del primo ottocento . Ovviamente è questo il punto centrale del romanzo,non il plot poliziesco. Chi pensava di comprare un giallo mondadori è ovvio che rimanga deluso

  • User Icon

    Terry

    14/09/2010 14.14.28

    Sono d'accordo con i commenti precedenti. Lo sto leggendo e proseguoa rilento. E' noioso e poco avvincente. Non scorre e non lascia presumere nulla di interessante. Mi costringo a finirlo solo perchè non amo abbandonare la lettura di un libro. Lasciatelo perdere.

  • User Icon

    babayaga

    18/06/2010 17.09.24

    Solo un'annotazione per chi ha un po' giustificato questo libraccio per l'erudizione: trovare un morto dentro un calderone e non pensare subito ai giannizzeri è come trovare oggi un cadavere avvolto in una svastica e gingillarsi per un po' di pagine a pensare cosa diavolo vorrà significare quello strano marchio!

  • User Icon

    babayaga

    18/06/2010 17.08.31

    Solo un'annotazione per chi ha un po' giustificato questo libraccio per l'erudizione: trovare un morto dentro un calderone e non pensare subito ai giannizzeri è come trovare oggi un cadavere avvolto in una svastica e gingillarsi per un po' di pagine a pensare cosa diavolo vorrà significare quello strano marchio!

  • User Icon

    senzanick

    13/11/2009 12.46.26

    L'autore avrebbe dovuto decidere se scrivere un libro saggio sui giannizzeri e istanbul o un romanzo giallo. Tutto il romanzo mi pare un pretesto per scrivere di questa magnifica città, peraltro molto mal riuscito, a mio modesto avviso, dato che non se ne respira l'aria misteriosa, la bellezza, l'anima insomma. Nomi su nomi, ingressi cinematografici di personaggi inutili, storia carente: insomma, verso pagina 85 mi sono chiesta: ma sto leggendo un film o un libro? E lì l'ho lasciato, perchè la lettura deve essere un piacere non un dovere, anche se ho speso soldi inutili. Non lo consiglio.

  • User Icon

    Alan

    31/07/2009 22.45.23

    Bello il giallo ma bella soprattutto l'ambientazione storica riccamente dettagliata. Non capisco il metro di giudizio di chi ha cassato il libro...fossero tutti cosi' i libri "brutti"! :-P

  • User Icon

    Fabio

    21/07/2009 17.45.08

    Il romanzo pur essendo centrato sull'indagine pseudo-poliziesca di Yashim, dà il suo meglio quale riferimento storico descrivendo il modo di vivere ad Istanbul durante l'impero ottomano. La trama in questo senso diventa anche di difficile seguimento. Libro discreto, non il migliore della "saga".

  • User Icon

    Cristiano

    01/07/2009 15.17.55

    L'idea è molto buona, la struttura del romanzo pure, nonostante questo a mio parere il risultato finale non è eccezionale. La lettura presente diversi momenti di stanca fin dai primi capitoli, a volte sembra riprendersi quando ci sono i colpi di scena, ma nel complesso non mi ha entusiasmato e neppure mi ha coinvolto. Un peccato, perché anche dal punto di vista dell'ambientazione e del periodo storico in cui si svolge la storia... poteva venir fuori un romanzo migliore.

  • User Icon

    Dani

    16/03/2009 02.01.40

    L'eccessivo descrivere la città e le sue abitudini, la vita dei suoi abitanti ecc., va a discapito della trama in sè. Abbastanza originale come storia ma il libro risulta un po' prolisso.

  • User Icon

    sergiof

    02/03/2009 18.04.45

    noiosissimo. l`eunuco e' un arrogante presuntuoso.

  • User Icon

    danilo

    04/09/2008 12.07.23

    Non ce l'ho fatta ..non si riesce a leggere una storia noiosa piena di erudizioni completamente inutili veramente una trovata editoriale considerando che doveva essere un giallo mamma mia che sonno!

  • User Icon

    pasquale

    29/08/2008 16.33.45

    Non mi ha entusiasmato. Solo la descrizione di Istanbul e' veramente intrigante. L'eunuco non e' un personaggio che ti affascini piu' di tanto. Discreto. Voto 3,5

  • User Icon

    gianfranco

    29/04/2008 22.36.47

    concordo pienamente con Paul; bella l'ambientazione spazio-temporale, ottima competenza, ma come "giallo" è davvero fiacco, la costruzione non convince. Sinceramente mi aspettavo di più, ha vinto un premio importante! Un voto in più solo per l'amore che porto per Istanbul.

  • User Icon

    Paul Rideout

    09/04/2007 19.16.07

    Capisco la competenza dell'autore nella storia di Istanbul e delle cose ottomane e ben venga la passione che è alla base di tali conoscenze ma per Giove! Se si vuole scrivere un giallo, per quanto simpaticamente ambientato, si deve saper scrivere un giallo! Qui c'è il personaggio curioso, un'ambientazione azzeccata ma un giallo che non esiste! Lo pseudo-detective evirato non risolve un bel niente e, anzi, è il caso che si disbriga da sè. Fiacco il thriller, suspense inesistente, qualche personaggio appare persino inutile. Editori e dettaglianti ci si sono messi di vero impegno per far trangugiare al pubblico internazionale questo mero personaggio dal maloparto giallo-storiografico e nella speranza di aprire un nuovo caso editoriale. Fregato una volta, non ci casco più.

  • User Icon

    trip

    30/01/2007 13.21.34

    Devo dire che questo libro mi ha fatto venire voglia di documentarmi su un mondo a me fino ad ora quasi sconosciuto, sicuramente la prima parte la trovo esaltante, non riuscivo a smettere di leggere..la seconda si perde un pò, ma merita tutto di finirlo.

  • User Icon

    _ila797_

    12/01/2007 22.01.30

    Sicuramente non e' stato il libro della mia vita , ma non mi sento nemmeno di giudicarlo negativamente ... piacevole , ben scritto , molto descrittivo ... consigliato a chi ama i gialli ed e' alla ricerca di un pizzico d'Oriente .

  • User Icon

    sara

    01/12/2006 10.40.47

    nel complesso direi sufficientemente interessante, peccato però il finale che fa precipitare disastrosamente la tensione e i buoni propositi.. aspetto positivo: mi ha riportato con la memoria al viaggio appena fatto in Turchia

Vedi tutte le 45 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione