Categorie

Francesca Padula

Editore: Manidistrega
Anno edizione: 2008
Pagine: 272 p.
  • EAN: 9788890311819

Alessandra De Bosis, biologa e mamma di un bambino di nove anni, rimasta sola, diventa un Ufficiale del Reparto Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri. Il romanzo racconta cinque anni della sua vita, i suoi studi, le sue emozioni, le sue vicende tra famiglia, lavoro e amore, in un'atmosfera appassionante ed emozionante. Decisamente coinvolgente, tanto da "sembrare un film", mentre lo si legge.
Dall'introduzione di Luciano Garofano, Comandante del RIS di Parma: "Non è facile scrivere di Carabinieri e, in questo libro, non solo lo si fa egregiamente, ma si introducono due novità nel panorama letterario italiano: si parla di una donna carabiniere che è per giunta un capitano del RIS… un racconto pieno di sentimento, di emozioni, di umanità, ma anche di contrarietà, di momenti di tristezza e di gioia, dove non mancano certo i colpi di scena… ti permette di immaginare e di vivere i personaggi con grande realismo ed altrettanta partecipazione emotiva…"
Dalla prefazione di Leonardo Gori, scrittore: "… non manca certo la suspense, l'azione, l'inevitabile storia sentimentale… Non annoia mai. Non ha imperdonabili ingenuità di trama. Non cerca di prendere il lettore per il naso, raccontando senza crederci cose false…"

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ili

    01/11/2012 21.07.32

    Ho letto con piacere questo libro che mi ha anche commosso. E' una storia semplice ma vera che mette in evidenza diversi conflitti che possono contemporaneamente sussistere in una donna(lavoro/famiglia; amore/amicizia; passato/futuro) ma che con la forza della volontà e con anmore possono essere superati. Brava Francesca! L'unico neo che ho trovato è che spesso sono state fatte troppe ed esagerate precisazioni, a mio parere, in diversi campi.

  • User Icon

    Francesca P.

    09/01/2010 15.32.57

    IL ROMANZO HA VINTO, nella sezione Editi, la XII Edizione del Premio Firenze Capitale d'Europa (anno 2009); questa la motivazione: "Per la profondità e l’espressività dei temi affrontati nel libro, per l’incalzante stesura realizzata dalla scrittrice senza che la stessa conceda niente a formalismi di maniera, per l’impegno e per la testimonianza di una esperienza umana e civile che fa riflettere, per l’originalità e il verismo del contesto narrativo che producono nel lettore una forte emozione e una condivisione della drammaticità che sta attraversando la nostra attuale società politica, civile e sociale."

  • User Icon

    sara

    03/09/2009 18.02.18

    voce fuori dal coro. l ho letto in aereo , durante un volo piuttosto lungo, sarà stato che non ero al massimo del relax, sarà stato che ero distratta, sarà stato tutto quel che volete, ma l ho trovato noioso, banale, scontato......... Non mi è piaciuto.

  • User Icon

    Chiara

    02/02/2009 14.47.57

    Bello e coinvolgente. Racconto molto relistico della vita nel reparto scientifico dell'Arma, che non trascura la piacevolezza dell'intreccio. Il fatto di essere scritto in prima persona lo rende se possibilie ancora più coinvolgente. Da leggere tutto d'un fiato.

  • User Icon

    Davide I.

    01/11/2008 15.21.14

    Quando leggo non amo perdermi in discorsi divaganti e descrizioni interminabili e in questo romanzo ho proprio trovato ciò che mi piace. Lo stile con cui è scritto conduce da una situazione all'altra stimolandoti a voler sapere cosa accadrà subito dopo. Parma, "dipinta" in un modo che sembra di viverci e i dialoghi brillanti fanno sì che le vite dei personaggi sembrano scorrere come fotogrammi di un film: se lo girassero, sarei in prima fila a guardarlo! Mi è piaciuta molto anche la coralità con cui sono rappresentati sia i carabinieri che le altre persone legate alla protagonista: è come se tutti, quasi allo stesso modo, fossero personaggi principali; tutti importanti, tutti partecipi della sua vita, ma tutti presenti con le loro vite, le loro emozioni, i loro vibranti sentimenti.

  • User Icon

    Michele D.

    31/10/2008 21.49.14

    Quando ho visto la copertina pensavo di trovarmi di fronte ad un giallo in piena regola, dalla prima all'ultima pagina. Invece, ho trovato ben altro ed è stata una grande scoperta. In questo romanzo c'è tutto: tanti casi gialli; vita militare; passione; amicizie vere e affetti profondi; nozioni scientifiche; arte; addirittura una trama nera che appare e scompare... Insomma, una storia che avvince e può catturare l'attenzione di una vasta tipologia di lettori: BELLISSIMO!

  • User Icon

    Federico B.

    31/10/2008 20.46.50

    Chi racconta storie sui carabineri dei reparti scientifici, e mi riferisco in particolare alle serie televisive, spesso crea situazioni d'effetto, per generare sensazione in chi le guarda: si avvicina così più a contesti di altri paesi, che non al nostro. In questo romanzo, invece, la vita degli uomini e delle donne dell'Arma rispecchia quella vera, tanto nel lavoro che nelle emozioni. L'autrice deve conoscerli davvero per averli descritti tanto bene.

  • User Icon

    Grazia G.

    22/10/2008 22.23.44

    Finalmente! Ecco un romanzo, forse il primo in Italia, che racconta della vita e del lavoro dei tecnici del Reparto Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri in modo reale, genuino, senza influenze esterofile, senza spettacolari esagerazioni. Amore, scienza, amicizia sono amalgamati perfettamente, i casi "gialli" sono incastonati nella vita affettiva della protagonista come pietre preziose legate da un filo invisibile, ma forte, essenziale e ricco al tempo stesso. Grazie all'autrice e all'editrice che hanno permesso che un tale lavoro entrasse a far parte - e aggiungo - con grande merito, del nostro patrimonio letterario!

  • User Icon

    Cristiana

    22/10/2008 15.13.04

    La storia di Alessandra colpisce per la sua grande umanità e per la forza e paura con cui riesce ad affrontare la vita, ma soprattutto per come reagisce di fronte alle difficoltà di dover ricominciare da capo. Tutto questo per amore del figlio, come solo una mamma riesce a fare. Il romanzo si legge velocemente grazie alla stesura lineare ed alla scrittura chiara. Avvincente nella parte che riguarda le indagini come biologo del RIS, corredate da numerose informazioni tecniche dettagliate e nello stesso tempo romantica nelle parti che descrive la vita privata ed il figlio, priorità assoluta dei pensieri della protagonista. Una storia attuale, che rende partecipi emozionalmente alla vita di Alessandra e ci apre il mondo un pò rinchiuso delle mura della caserma militare mostrandone anche l'aspetto umano spesso poco evidenziato. La mia opinione non può essere che ottima.

  • User Icon

    Maria G.

    20/10/2008 23.27.18

    Appassionante, entusiasmante, coinvolgente: è scritto con un linguaggio diretto, in un modo che invoglia a continuare la lettura senza interruzioni, dalla prima all'ultima pagina. Ci sono dei passi di pura poesia, dei brani talmente emozionanti che mi commuovono ogni volta che li rileggo. Decisamente bello e completo in ogni sua parte (la scientifica è molto accurata e Parma è descritta talmente bene che al lettore sembra di averci sempre vissuto). Ben definita la caratterizzazione dei personaggi, sia i principali che quelli più di contorno, anche se niente in questo lavoro può definirsi marginale. La personalità del figlio della protagonista è quella che mi ha colpito di più: un ragazzino dalle qualità straordinarie, al quale è impossibile non affezionarsi!

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione