Categorie
Editore: Hacca
Anno edizione: 2007
Pagine: 216 p., Brossura
  • EAN: 9788889920114
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 6,48

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Simone

    09/06/2009 08.58.59

    E' sicuramente un bel libro. Una storia di abbandono e di ritorno. Il dolore è forte ma sempre in sottofondo, c'è sempre un urlo che deve uscire, ma in qualche modo non esplode mai. Il calcio è un ottimo sfondo per narrare questa storia in cui tra alluminio ed acido troppe persone sono scomparse.

  • User Icon

    stefano

    04/12/2008 16.04.08

    un esordio notevole. Una capacità di scrittura rara, e speriamo che Cojazzi sappia mantenere la promessa. In particolare, la struttura del libro - con le pagine di apertura delle sezioni che da sole meritano l'acquisto. Secondo aspetto, grande maestria e creatività nell'uso della punteggitura, e siccome hanno dichiarato morto il punto e virgola, que viva chi li sa usare! stefano

  • User Icon

    Canalini Michele

    18/10/2008 14.31.50

    Questo è un bel libro, anzitutto. E' scritto in modo semplice ma con un andamento narrativo diretto e mai banale. La storia è narrata in prima persona da un giovane nell'Argentina della fine degli Settanta, quando la vicenda dei desaparecidos non era ancora conosciuta e agli occhi del mondo apparivano soltanto i Mondiali di Calcio del 1978 con il loro sfavillare di stelle, spettacolo e con la celebrazione del governo militare di Jorge Videla e degli altri comandanti delle forze armate. Ma quella di "Alluminio" è una storia narrata dall'interno, da chi ha partecipato a quegli eventi trovandosi però dall'altra parte, quella cioè degli studenti che si ribellavano ai soprusi della dittatura, degli operai che consumavano la loro vita nello squallore delle periferie, dei giovani che cercavano speranza nel calcio, quello praticato sugli spiazzi di cemento, in mezzo alla polvere e alla miseria, durante le pause del lavoro. Amore e morte, calcio e tortura, libertà e oppressione, Cile e Argentina sono gli estremi in cui si dipana la storia di Dani, giovane cileno sfuggito alle maglie della dittatura di Pinochet e alla ricerca di una nuova vita. La sua vicenda, intrecciandosi con altre storie altrettanto significative e simboliche, è animata dal desiderio di comprensione: capire perché possano succedere quelle cose, perché ad un'intera generazione sia negata la possibilità di esprimersi, di manifestare la propria libertà; anzi, quella stessa libertà diventa un atto di accusa implacabile che perseguita e alla fine condanna migliaia di vite, bollandole con il tragica marchio di "desaparecidos", termine oggi tristemente noto e conosciuto. In "Alluminio" la storia ufficiale, quella dell'Argentina che vinse i Mondiali di calcio davanti agli applausi dei militari e alle telecamere internazionali, cede il passo alla storia "minore", quella vera di migliaia di dispersi, uomini e donne torturati, incarcerati o gettati nell'oceano dall'altezza degli aerei. E questo bel romanzo di Luigi Cojazzi è anche un invito a non dimenticare.

  • User Icon

    Barbara

    28/04/2008 00.24.52

    Un libro essenziale e bellissimo.

  • User Icon

    Roberto

    01/03/2008 13.06.57

    Bravo! Un libro che colpisce, da consigliare a coloro che come me hanno vissuto i mondiali del 78 con l'allegria e la spensieratezza dei 13 anni per vedere il dramma delle dittature attraverso una lente di ingrandimento (il calcio) che non può servire da anestetico.

  • User Icon

    sergio

    05/01/2008 15.12.21

    Un bellissimo libro di un autore esordiente. Si legge con piacere.

  • User Icon

    yuri

    30/10/2007 15.05.01

    È bello leggere un libro e tenerselo stretto in mano per un po': questa è la sensazione provata al termine della lettura dove in un vortice di sentimenti profondi, visioni poetiche ed emozioni violente Cojazzi costruisce una storia provvista di ali. Davvero bello.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione