Categorie

Stefano Livadiotti

Editore: Bompiani
Collana: Tascabili
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine: 245 p. , Rilegato
  • EAN: 9788845263958

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Tullio Pascoli

    18/10/2011 19.34.17

    Radiografia di scandalose anomalie consolidate dal dopoguerra di chi dovrebbe tutelare "lavoratori". Ma chi sono i "lavoratori"? Indipendenti con incarichi di dirigenza, non stipendiati non danno il loro contributo? Le iniziative di "lavoratori" in proprio danno opportunità, distribuendo valore a molti individui; spesso iniziano con il solo proprio capitale umano; con poco sul conto, realizzano innovazione; con il successo non accumulano solo denaro per se stessi, ma creano progresso tecnologico. Ahimè l'Italia subisce l'assedio e l'assalto da invidia ed ideologia collettivista. Qui troviamo le colpe del nostro corporativismo che sfrutta debolezze di politici incapaci di capire il libero mercato. I risultati li vediamo, con il sistema che non premia l'iniziativa: il merito passa in secondo piano; i diritti hanno sostituito i doveri. Politici, burocrati e gestori della solidarietà coatta governano a favore di se stessi e dei propri alleati, costituendo L'ALTRA CASTA di cui l'autore fornisce tanti dettagli. Ai "fuori casta" resta la ricchezza che si consuma in picchiata e la povertà in espansione; come in Argentina viviamo il "Giustizianalismo" di una vera repubblica dei sindacati. Impareremo con l'acqua alle narici, private dell'olfatto che non distinguono più fragranza dal fetore; bene dal male, bello dal brutto, l'utile dal nocivo, il merito dall'indegno, il sacro dal profano, il lecito dall'illecito: i valori sono stati invertiti. Ma l'agiatezza non viene dai proclami di demagogia, dottrine ed ideologia. Dobbiamo riscoprire il merito vero: la dignità non è un diritto, è una conquista che si realizza con lo sforzo giorno per giorno, non importa se fisico od intellettuale. Octavio Paz dal marxismo è approdato al liberalismo e nel suo bellissimo saggio - EL OGRO FILANTROPICO (Il Mostro Filantropico) - scrive che il merito e la libertà sono conquiste; e per potersi dichiarare liberi bisogna saper accettare la solitudine che è una condanna che è una benedizione.

Scrivi una recensione