Categorie

Mario Rigoni Stern

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: 212 p.
  • EAN: 9788806189310

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    claudio

    02/09/2015 07.53.42

    Sembrano tutti stessi i lavori di Rigoni Stern: e invece, pur a volte raccontando uno stesso episodio raccontato in altri libri, si respira un'aria diversa, un'aria di libertà, di passione e anche di nostalgia. Il rapporto di Rigoni Stern con la natura è un rapporto di fiducia, di vita.

  • User Icon

    zombie49

    26/11/2009 17.02.38

    Storie semplici di paese e di guerra, episodi che rivivono nella memoria dell’autore e trascritti perché non se ne perda il ricordo: un cannone faticosamente trasportato a valle e fuso x diventare una campana di pace; l’inchiostro che in un inverno dei primi anni ’50 gelava nell’ufficio del catasto dove l’autore era impiegato; i segreti contadini x fare un formaggio delizioso se c’è la luna giusta; un capriolo ferito adottato dai partigiani; un cane amico di tutti e nessuno; le tradizioni di Pasqua e delle feste di paese. Forse i libri di Rigoni si somigliano un po’ tutti, non sono romanzi ma ricordi di un’Italia contadina e montanara che va scomparendo, ma sempre rasserenanti nell’armonia con la natura e senza rancori verso gli altri, mai sentiti, neppure in guerra, nemici.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    30/09/2008 22.52.41

    Quarantaquattro racconti, divisi in quattro capitoli, costituiscono questo libro, che di fatto è una vera e propria autobiografia. Del resto in tutte le sue opere c’è la presenza attiva dell’io che non è solo narrante, ma che ripercorre le tappe del suo passato a beneficio del lettore. Sono esperienze maturate o fatti dei quali, se pur non presente, ha avuto dettagliata notizia, insomma sono il ricordo di Mario Rigoni Stern. Spesso si tratta di racconti brevi, quasi di piccole annotazioni, ma che hanno il pregio di aprire uno squarcio su un mondo che ormai non c’è più; in tutti è sempre presente una grande pacatezza, una capacità di comunicare dolcemente, tanto che si ha l’impressione di avere l’autore dinanzi a noi, seduto comodamente e intento a raccontarci. Si comprende benissimo quanto Rigoni Stern abbia amato il suo paese e la sua gente, quanto radicato sia stato in lui il concetto di patria rappresentato da quell’altopiano a cui i suoi avi sono giunti molti secoli fa. Fra i boschi innevati che gocciolano al primo tepore della primavera e i voli degli uccelli che festeggiano l’avvento della bella stagione l’autore ritrova tutto il significato della vita, in una perfetta armonia con la natura che gli infonde una sensazione di serenità talmente profonda da riuscire a trasmetterla al lettore. In Rigoni Stern è sempre presente il piacere di vivere, quel desiderio di percorrere la strada della propria esistenza senza spintonare, ma sapendo cogliere a ogni passo quanto di buono ci viene offerto. L’ultimo racconto, L’aratro dell’Angelo, è un commosso ricordo di quattro amici che sono scomparsi, che sono arrivati alla fine di quell’ultima stagione calpestando gli ultimi metri del percorso che ci accomuna e che lui, il nostro Mario, ha concluso nel giugno del corrente anno. Amore di confine è un libro bellissimo.

Scrivi una recensione