€ 4,00

€ 7,99

Risparmi € 3,99 (50%)

Venduto e spedito da IBS

4 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Descrizione
Marco è un trentenne benestante che vive da solo in una casa che mostra chiaramente il passato della sua famiglia. La vita del giovane è per così dire "borderline". In cura da tempo presso uno psichiatra, Marco è soggetto ad attacchi di ira, che vengono scatenati prevalentemente dal contatto con i congegni elettrici. Durante una seduta dal suo psicologo, il giovane riceve l'invito a unirsi ad una gita, organizzata per persone con turbe psichiche, a bordo di una barca a vela dal nome "Andarevia". Il medico è convinto che un'esperienza di questo tipo possa fargli molto bene. Il ragazzo decide di imbarcarsi. Sulla banchina, pronti a salpare assieme a lui sulla " Andarevia" ci sono Eva, una ragazza con problemi di amnesia a breve termine, Stefania, una donna affetta da rupofobia, Pablo, un signore anziano apparentemente muto e Valerio, un giovanotto fin troppo sicuro di sé.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mauro Lanari e Orietta Oribaldi

    04/07/2014 16:51:05

    2013: se Chandor sforna "All Is Lost", un capolavoro sull'archetipo Uomo-barca-mare con una sceneggiatura costellata di sfide ambientali devastanti il corpo e l'animo, il romano Di Biagio, classse '89, debutta con un film sul medesimo tòpos, altra splendida opera ma dall'approccio opposto e complementare. Stavolta l'Uomo è una moltitudine identitaria, una pluralità schizoide e conflittuale dove ogni protagonista rappresenta un volto incarnato delle nostre caleidoscopiche sfaccettature, della soggettività prismaticamente in lotta con se stessa, d'un'antropologia psicologica basata sul caos dell'Io interiore scisso (in italiano cf. "Stati caotici della mente. Psicosi, disturbi borderline, disturbi psicosomatici, dipendenze", a cura di Luigi Rinaldi, Raffaello Cortina, 2003). Il taglio d'antipsichiatria, col suo tipico ribaltamento ("scuffiamento" filmico) che pone in discussione il distinguo fra normalità istituzionale e disagio della mente, è reso pure a livello espressivo tramite il succedersi secco e violento di piani-sequenza, steadycam, scenari epici, inquadrature liriche, svolte feroci, frangenti d'angoscia, oasi precarie di serenità ed equilibrio. Non c'è un happy ending poiché ancor prima non c'è un epilogo se non quello fornito dalla vita vera: diaspora e dissolvenza, proseguimento "in solitario" del proprio tragitto, rotta, traiettoria, percorso durante il tempo concesso a ciascuno di noi. Memorabile. Ps.: il regista ha dichiarato di rifarsi a Nolan, Refn e Tarantino. Per fortuna non poi così tanto. Pps.: su Wikipedia la voce dedicata a quest'esordio, forse il miglior film nostrano dell'anno scorso, era giudicata "di dubbia enciclopedicità" finché non abbiamo provato a dimostrare il contrario.

Scrivi una recensione
  • Produzione: Rai Cinema, 2013
  • Distribuzione: Rai Cinema - 01 Distribution
  • Durata: 85 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,78:1
  • Area2