Angeli a pezzi

Dan Fante

Editore: Marcos y Marcos
Collana: Mini Marcos
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 11 febbraio 2010
Pagine: 271 p., Brossura
  • EAN: 9788871685267
Usato su Libraccio.it - € 5,40

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alino

    19/12/2013 20:22:51

    Capolavoro..ottimo libro, scorre in maniera uniforme, per certi versi spietato ma molto vicino alla nostra quotidianita'... IO su un romanzo del genere ci farei un film. ALtamente consigliato.

  • User Icon

    gianni

    03/09/2010 14:21:23

    Questo romanzo mi è piaciuto ma non quanto speravo dalla lettura delle due recensioni che ho trovato sul sito di IBS. Il romanzo è buono e la scrittura di Fante (figlio) è buona, ma siamo ben lontani dalle vette toccate dal padre, e direi anche dalle vette di Bukowski. Mi sembra che il libro rimanga un po‘ in superficie, nel senso che viene messa molta carne al fuoco ma non si arriva mai ad una profondità che in un libro di questo tipo direi che dovrebbe essere obbligatoria. Esempio: si capisce chiaramente qualcosa del rapporto conflittuale con un padre estremamente ingombrante, ma non ci si addentra in nessunissima analisi del rapporto stesso. Sembra quasi che la storia scorra velocemente sulla pelle del protagonista, che invece queste cose le ha vissute in prima persona, essendo il libro autobiografico. Mi sarei aspettato qualcosa di più. Detto questo, il libro è comunque un buon libro: prosa scorrevole, scritto bene, si fa leggere. Ma non tenterei, per favore, accostamenti troppo arditi, come un confronto con il padre o con Charles Bukowskim per favore…….

  • User Icon

    policlo

    08/04/2010 15:13:21

    Concordo con la splendida recensione di Graziano. La stessa "paura" che mi ha fatto rimandare la lettura di Dan Fante per il confronto con il padre, si avverte in tutto il romanzo da parte dell'autore. Paura giustificabile ma a posteriori infondata, in quanto Angeli a Pezzi, pur essendo stilisticamente distante dal padre (manca forse la poesia), è uno dei romanzi che ti capitano poche volte tra le mani e da cui non vorresti mai staccare gli occhi. Straconsigliato.

  • User Icon

    G.

    04/04/2010 11:04:16

    Romanzo cui ci s'avvicina esitanti, chiedendosi se Dan ce l'abbia fatta a scrollarsi di dosso, da dentro, le catene che lo legano da sempre al fenomenale padre. O se il destino suo non sia, altrimenti, quello di non farcela, in nulla, un perdente di buon talento sfiancato dall'alcool e dal cognome. Angeli A Pezzi è una cavalcata feroce, intensa, dolorosa anche quando è esilarante. Colpisce forte e lo fa senza aver muscoli scolpiti e luccicanti, perché il suo corpo è sfiancato dall'alcool e dai dolori della vita, ferito da mille lame anche reali, e se si regge in piedi e mena pugni è grazie al carattare, all'ostinazione dei perdenti, non certo per merito di ore di palestra ed estetisti. Il finale, da solo, è una progressione spietata, aggrovigliata attorno al cuore. Dolore più vero e sincero, più Vitala, di qualsiasi carezza consolatoria. Dan ha vinto, c'ha messo quarant'anni a convivere con il suo defunto e talentuoso padre, ad amrne il talento e l'umanità, ed ora son liberi, padre e figlio. Quanto al citato Bukowski, ed a leggere Angeli A pezzi si pensa ai suoi racconti, l'intera sua carriera non vale questo romanzo, per quanto mi riguarda: quanto appannate e felici sembrano, al confronto, le sue macchiette, quanto finto il loro dolore.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione