Editore: Anima Edizioni
Collana: Il clandestino
Anno edizione: 2006
Pagine: 143 p., Brossura
  • EAN: 9788889137581
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 5,40

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    vraiment

    23/03/2006 12:50:20

    Un'analisi onesta ma anche "un racconto" avvincente e chiarificatore.

  • User Icon

    Bandito

    22/03/2006 10:10:16

    Berlusconi visto da chi lo ha conosciuto "dietro le quinte" e ne conosce la natura, i pregi e i difetti. Una narrazione serena e sincera

  • User Icon

    paolo

    22/03/2006 10:07:11

    Un bel libro che si fa leggere con leggerezza. tratta temi pesanti, racconta il vero del premier la sua ascesa e le tecniche di imbroglio. L'autore è onesto e scrive bene, e affronta il tema senza rancore e risentimento. E' un libro che ti fa riflettere e pensare meriterebbe un editore più importante.

  • User Icon

    Stefano

    20/03/2006 10:30:23

    Crespi racconta il suo lavoro alla corte di B., culminato con l'idea del celebre "contratto con gli italiani". Non contiene rivelazioni epocali, ma è moderatamente istruttivo sul funzionamento del marketing politico in generale e presso il biscione in particolare.

  • User Icon

    timoteo falcone

    09/03/2006 19:11:39

    DS: CHITI, SILENZIO SOSPETTO DELLA CDL E DI BERLUSCONI SU LIBRO CRESPI ''Si legge nelle anticipazioni del libro 'L'Antidoto' di Pierluigi Crespi: 'Silvio mi disse di fare un passo indietro, dimettermi e cedere tutto alla Banca Popolare di Lodi che avrebbe salvato le mie imprese ed evitato l'onta del fallimento che era anche suo'. Buono a sapersi''. Lo afferma Vannino Chiti, coordinatore per le relazioni politiche e istituzionali della segreteria nazionale Ds, a proposito delle rivelazioni di Crespi, ex prediletto sondaggista del premier, nel corso della trasmissione 'Era la Rai 21:15', in onda ieri su Canale Italia. ''Questo la dice lunga - aggiunge Chiti - sugli interessi del Presidente del Consiglio, sulla commistione con gli affari che da sempre accompagna il suo ruolo politico. Sarebbe opportuno che la Presidenza del Consiglio anziche' nascondersi ogni volta dietro la cortina fumogena di presunte campagne ostili dicesse agli italiani parole chiare su queste vicende. In ogni paese europeo suonerebbe gia' strano il silenzio di queste ore''.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione