Appunti di semiotica del testo. Lo spazio artistito in Jacopo da Pontormo

Giovanna Zaganelli

Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 653 KB
  • EAN: 9788868740696
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 1,99

Venduto e spedito da IBS

2 punti Premium

Scaricabile subito

Aggiungi al carrello Regala

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Descrizione
Il lavoro propone un'analisi semiotica del Diario di Jacopo da Pontormo. Si tratta di un testo del tutto particolare, un diario d'artista perché all'incrocio tra i generi "libro di famiglia", "libro d'amministrazione" e "libro illustrato". Le illustrazioni (40 disegni) che corredano le annotazioni del diario si riferiscono al periodo in cui il pittore è impegnato a completare gli affreschi nella chiesa di San Lorenzo a Firenze tra il 1554 e il 1556. La direzione di lettura che il volume intende dare del Diario è quella di un testo in cui, pur nella secchezza schematica delle note, l'autore (narratore-protagonista) mette in scena una storia, la sua storia. In ciò aiutati (l'autore e la storia) dalla presenza dei disegni che si soffermano strategicamente sui passaggi importanti della narrazione. In altre parole sia le note che i disegni (posizionati in modo nient'affatto casuale) puntando l'attenzione sui momenti più duri e al tempo stesso importanti della vita dell'autore, si strutturano come una narrazione. Recuperare la narratività di questo terreno testuale servendosi degli strumenti offerti dalla semiotica (narratologica) significa rivedere e ammorbidire la categorica posizione di partenza: il diario è qualcosa in più di un semplice susseguirsi di note, o un sistema estraneo a qualunque forma di apertura psicologico-narrativa; esso è una forma di racconto, in cui anche i disegni occupano una posizione significativa. Perciò la parte linguistica, anche assorbendo dai disegni questa capacità narrativa, se riletta in questo senso, restituisce in maniera fedele alla realtà, molto più esplicitamente di quanto non si sia portati a pensare ad un primo sguardo, una tranche de vie.