L' arciere di Azincourt - Bernard Cornwell - copertina

L' arciere di Azincourt

Bernard Cornwell

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: TEA
Collana: Tea più
Anno edizione: 2020
Formato: Tascabile
In commercio dal: marzo 2020
Pagine: 449 p., Brossura
  • EAN: 9788850256983

€ 9,50

In uscita da: marzo 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Può, chi nasce sotto una cattiva stella, sfidare la sorte e vincere? Può, un solo uomo, tener testa a un intero esercito e cambiare l'esito di una guerra? Quella di Azincourt è una delle battaglie più famose della storia, teatro di uno scontro disperato tra l'esercito inglese e quello francese. Era il 25 ottobre 1415. Per gli inglesi rappresentò una straordinaria vittoria, che assunse dimensioni epiche molto prima che Shakespeare la immortalasse nel suo Enrico V... Nicholas Hook è un arciere inglese di umili origini che, per salvarsi da una condanna a morte, parte come mercenario per difendere Soissons, la città in mano al duca di Borgogna. Le informazioni che riporta in patria sulle atrocità dell'assedio, unite alla sua abilità nel combattere, gli fanno guadagnare credito presso re Enrico V, che lo vuole con sé nella campagna diretta alla conquista della corona francese. Là, sulla piana di Azincourt, i nemici, in netta superiorità numerica, verranno sconfitti in una battaglia nella quale Hook avrà un ruolo cruciale. Dal maestro del romanzo storico Bernard Cornwell, un'opera che rappresenta un unicum nella sua produzione: una vicenda costruita su una rigorosa documentazione, capace di far rivivere in tutta la sua realtà una delle battaglie più drammatiche della storia.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,88
di 5
Totale 17
5
16
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fabrizio

    15/10/2019 19:13:40

    Nella sanguinosa cornice della guerra dei cent'anni si compie il destino di un giovane e sfortunato guardiacaccia inglese che, sospinto dagli eventi innescati da una faida fra la sua ed un'altra famiglia, si ritrova in terra di Francia, coinvolto in un vortice di avvenimenti che ne determineranno il futuro. Come al solito, Cornwell ci offre un racconto coinvolgente e credibile, un affresco dipinto a colori vivaci di un periodo oscuro e violento, nel quale ritaglia però ancora uno spazio alla speranza. Da leggere, anzi divorare.

  • User Icon

    Alessandro

    05/05/2018 14:15:26

    Cornwell ci riporta magistralmente nei sanguinosi e affascinanti tempi della Guerra dei Cent’Anni, molti anni dopo la fine della ricerca del Santo Graal, seguendo le vicende di un altro giovane arciere. Le similitudini con la trilogia di Thomas di Hookton sono molte, dall’ambientazione alla scelta del protagonista, tuttavia si tratta di una storia ben diversa, per nulla scontata e che segue un andamento tutto suo. È un libro scorrevole e intenso, con molti personaggi profondi e unici, e per certi versi scritto con una narrazione più cruenta, più cupa delle avventure di Thomas. Come al solito la ricostruzione dell’epoca è ottima, in particolare le varie scene delle battaglie. La Battaglia di Azincourt è stata egregiamente costruita, in modo realistico e vivido. Anche se non capisco perché sia tanto esaltata, fu una grande vittoria per gli inglesi, ma Crecy e Poitiers non mi sembrano da meno. Un pregio di quest’opera sta sul non basarsi su lotte di potere, cospirazioni o intrighi, non gira attorno ad amori tormentati o a ricerche di oggetti speciali. Alcuni di questi elementi ci sono, ma rimangono fondamentalmente marginali. La trama si basa sugli eventi concreti, sulla spedizione di Enrico V, il che lo rende a mio giudizio ancora più godibile di altri romanzi storici schiacciati da questi elementi e da tutte le forzature e inesattezze che comportano. Alcuni criticano Cornwell perché guarda le cose da un punto di vista inglese. Ma non ha senso: lui è inglese! Trovatemi un francese contemporaneo che nella Guerra dei Cent’Anni condanni la Francia.

  • User Icon

    Fabrizio

    23/10/2012 20:51:49

    L' altissima media voti parla da sè. Bernard Cornwell è il maestro del romanzo storico. Ha acquisito una tale padronanza che riesce a coinvolgere il lettore nelle battaglie, nell'onore, nella morte, nell'orgoglio, nella vendetta e nell'amore, nelle storie e nei personaggi del lontano medioevo, soprattutto in questo capolavoro.

  • User Icon

    fabien

    14/07/2012 15:58:25

    un libro che,presentato sotto la veste di un romanzo,porta il lettore a calarsi in una delle più celebri battaglie della storia, sì da diventare quasi un arciere al servizio del devotissimo re Enrico V. Appassionante e con precisi riferimenti stroici:sia per quanto riguarda la strage di Soissonm quanto per l'assedio di Hairfleur e la mitica battaglia nella piana di Azincourt. fabien

  • User Icon

    Sergio Baldin

    11/11/2010 10:48:58

    Ho dato il voto massimo sebbene non mi sia sembrato uno dei migliori libri di Cornwell. Altra cosa sono quelli con Sharpe! Comunque, l'ambientazione e la sensazione che il lettore ha di essere calato in quell'epoca, io l'ho percepita come in tutti i suoi libri. Un particolare che ho trovato una forzatura è stato quello dei Santi che parlavano ad Hook. Figura questa illustrata in tutta la sua positività, forse anche troppo, però piace di più così. Pure il clima cameratesco con Sir John è forse un pò eccessivo. Interessante come sempre la ricerca ed il tentativo di mantenere il maggior rigore storico possibile.

  • User Icon

    Marco

    03/10/2010 09:47:38

    Un libro assolutamente meraviglioso, anche in questo caso l'autore ci azzecca.... una trama coinvolgente e appassionante....una pagina tira l'altra,non vorresti mai staccarti dalla storia...quando arrivi alla fine hai un misto di delusione perchè l'hai concluso e appagamento perchè senti di aver letto una storia unica.Lo consiglio a tutti gli appassionati di lettura storica e non.

  • User Icon

    GIORGIO

    20/07/2010 22:57:39

    Bello e avvincente come tutti i libri di Cornwell. La lettura è sempre piacevole e scorre veloce. L'unica pecca sono le descrizioni un pò troppo particolareggiate e cruente delle uccisioni durante le battaglie. Un pò azzardato il colloquio di Hook con San Crispiniano. Un libro comunque da leggere per gli appassionati del genere.

  • User Icon

    jasper

    03/07/2010 19:18:07

    Bellissimo libro, la narrazione delle varie fasi della guerra è molta realistica, alcune torture inflitte ai prigionieri sono molto violente, ma fanno capire bene la guerra e le sue innumerevoli crudeltà..... Grande Cornwell, ho già comprato un altro suo libro

  • User Icon

    Denis

    29/05/2010 19:37:58

    Penso che sia uno dei libri "storici" più belli che abbia mai letto. Il modo di descrivere l'assedio e la battaglia finale è veramente unico e avvincente.

  • User Icon

    Roberto

    26/04/2010 13:00:31

    Ancora una volta Cornwell colpisce nel segno. Il romanzo è avvincente, i personaggi sono caratterizzati ottimamente (sia quelli storici che quelli inventati), le battaglie sono emozionanti e dettagliatissime. Leggendo i romanzi di Cornwell ho imparato molto di più sulla storia inglese che attraverso i testi canonici. Questi libri sulla Guerra dei Cento Anni non parlano semplicemente di fatti o date, ma di persone, di abitudini, di credenze e memorie popolari. Il tutto arricchito dalla narrazione romanzata di un grandissimo scrittore.

  • User Icon

    Francesco

    22/03/2010 17:20:22

    Molto bello!!! La battaglia finale mi ha tenuto incollato alle pagine fino alla fine. La descrizione degli scontri, degli stati d'animo dei soldati, del campo di battaglia sono perfette.. Grande Cornwell!!!

  • User Icon

    Francesco

    19/03/2010 13:28:10

    E' difficile esprimere un giudizio dopo aver letto i precedenti commenti e le relative valutazione.Sarò un incontentabile, ma la senzazione di aver letto questo grande capolavoro, io non l'ho avuta.Ho trovato il racconto piatto,prolisso, privo di colpi di scena e suspance. I riferimenti storici sono puntuali, ma non è nemmeno un saggio di storia. Molto lontano da altri autori che si confrontano con lo stesso filone storico.

  • User Icon

    davided

    18/03/2010 15:04:48

    Romanzo grandioso!!!!!

  • User Icon

    gianni

    14/03/2010 13:25:35

    Epico!! Stupendo!! sembra di essere lì in mezzo al fango..affianco a Hook a dare battaglia ai francesi. Grandioso Cornwell (come al solito)

  • User Icon

    davide

    24/02/2010 16:22:51

    Semplicemente supefacente! è il primo libro che leggo di questo autore e devo dire che mi ha letteralmente catturato. Ottimi i riferimenti storici, deliziose e "amabilmente" crude nei particolari le descrizioni degli scontri in quel di Azincourt. Libro che può definirsi un vero e proprio CAPOLAVORO. Ho acquistato anche la trilogia del sacro Graal e non vedo l'ora di iniziarne la lettura perchè sono sicuro che non potra fare a meno di catturarmi come ha fatto il "geniale" Hook

  • User Icon

    maurizio

    22/01/2010 18:44:34

    Grandioso. Se Cornwell non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Non solo è bravissimo, ma mantiene costante nel tempo la qualità della sua produzione, affinandola e moltiplicandola, in grado com'è di sfornare un buon libro ogni 6 mesi(senza cadere, almeno apparentemente nello scandalo dei ghostwriters e senza dare alle stampe prove mediocri: nell'ultimo ventennio, a mio parere, il suo libro "peggiore" è stato Stonehenge e, come direbbe Totò, "ho detto tutto"). In ogni caso i suoi romanzi sono ottimamente documentati e ambientati e descrivono mondi assai lontani tra loro, dalle lotte tra i Sassoni e i Vikinghi, alle guerre napoleoniche agli scontri mediovali tra arceri inglesi a cavalieri francesi. La precedente trilogia con i suoi aspetti "misticheggianti" a tratti poteva lasciar perplessi, qui invece abbiamo un romanzo crudo e diretto che racconta in pratica la fine della Cavalleria, intesa come nobile arte della guerra, già sopravvissuta a stento allo scontro di Crecy. Anche questa volta un gruppo di professionisti venuti dal popolo affronta e schianta (pur in un contesto fortunoso) le speranze di gloria di tanti nobili cavalieri. Se volete potete anche scorgerci un riferimento attuale, con il richiamo a piccoli nuclei di combattenti, ma ben addestrati e decisi a tutto, che riescono a tenere in scacco eserciti sulla carta assai più potenti e sicuramente meglio equipaggiati.

  • User Icon

    massimo

    21/01/2010 19:59:41

    Seguito ideale della trilogia dell'arciere, anche se ambientato praticamente un secolo dopo, ne riprende le stesse atmosfere. Questa volta c'è da restar basiti a fronte della celerità con cui la penultima opera di Cornwell (cronologicamente parlando ..) è stata tradotta da Longanesi. Oddio, evidentemente la serie di Sharpe può continuare a procedere con la solita lenta cadenza di un romanzo/anno per non parlare del disperso Starbuck (chi era costui ??). Comunque non lamentiamoci più di tanto e godiamo di questo affresco ambientato tardo Medio Evo (quasi Rinascimento) con la feroce lotta tra arceri e cavalieri catafratti, ennesimo esempio di come sul campo di battaglia (relativamente) pochi valorosi, ma decisi e ben diretti, possano prevalere (con un pizzico di fortuna, anche metereologica) sui tanti, anche se apparentemente meglio equipaggiati. Come sempre il nostro riesce a farci calare nel clangore della battaglia senza troppi fronzoli, ma con una storia semplice e lineare.

Vedi tutte le 17 recensioni cliente
  • Bernard Cornwell Cover

    Bernard Cornwell, dopo aver lavorato per anni alla BBC, si è dedicato alla narrativa e, oltre alla serie di romanzi avventurosi ottocenteschi incentrati sul personaggio di Sharpe (I fucilieri di Sharpe, La sfida della tigre, Assalto alla fortezza, L'eroe di Trafalgar, Sharpe all'attacco, Le aquile di Sharpe e L'oro di Sharpe), pubblicati da Longanesi, ha scritto moderne avventure di mare (Scia di fuoco e Figlia della tempesta).Ha trovato la più fortunata delle sue ispirazioni nelle saghe di avventure medioevali. Dopo la trilogia di L'arciere del re (Longanesi, 2001), Il cavaliere nero (Longanesi, 2003) e La spada e il calice (Longanesi, 2004), ha dato vita a un'appassionante epopea ambientata tra l'Inghilterra e i mari del Nord durante il primo medioevo: L'ultimo re (2006), Un... Approfondisci
Note legali