L' attesa - Gaëlle Josse - copertina

L' attesa

Gaëlle Josse

Scrivi una recensione
Traduttore: E. Cappellini
Editore: Solferino
Anno edizione: 2019
Pagine: 201 p., Rilegato
  • EAN: 9788828201298
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 14,45

€ 17,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 17,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quanto a lungo può aspettare una madre? Fino a che limite può sostenere il peso di un'assenza, il senso di colpa per i gesti mancati, per le parole non dette, per quello che non ha saputo comprendere in tempo? Anne de Quémeneur, vedova Le Floch, scruta l'orizzonte, quel mare che, per un piccolo borgo di pescatori in Bretagna, è l'estremo giudice della vita e della morte, un giudice ancora più minaccioso e spietato in tempi di guerra. Dopo la resa dei tedeschi, nel 1945, non si combatte più, i soldati nemici hanno abbandonato il paese, ma le ferite che hanno lasciato dietro di sé, nelle vite di uomini, donne e bambini, bruciano ancora. Anne ha perso Yvon, suo marito, e ha lottato insieme al figlio Louis, prima per sopravvivere, poi per ricominciare. Con un nuovo matrimonio, più agiato e confortevole del precedente, consacrato dalla nascita di altri figli, Gabriel e Jeanne, adorati. Fino a che, in un giorno d'aprile, Louis scompare senza una parola. Imbarcato, chissà per dove, e per quanto tempo. Anne non smette di guardare la fine del cielo, di sperare, di progettare una festa per il suo ritorno. Mentre ogni giorno si affanna per non far mancare niente al marito Étienne e ai bambini, il suo cuore è lontano, la sua solitudine assoluta, il pensiero costantemente rivolto al figlio perduto.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Paola

    15/03/2019 10:38:28

    "La mia casa è l'attesa.(...) Sotto i miei gesti quotidiani, non c'è altro che vuoto. Solo spazio per i sogni portati dal vento, per le parole narrate dalle onde." Un romanzo struggente, incentrato sulla perdita senza redenzione da parte di una madre che affida al mare la speranza del ritorno del figlio perduto che vive incessantemente nei ricordi del passato di un'infanzia segnata dalla guerra. L'attesa è un futuro immaginato, una festa, una certezza che si sgretola nel corso degli anni dominati dall'assenza

  • Gaëlle Josse Cover

    Gaelle Josse è nata nel 1960. Vive e lavora a Parigi. Le ore del silenzio (Skira 2012) è il suo primo romanzo. Ha riscosso notevole successo di critica e di pubblico in Francia, dove ha ricevuto il Prix Lavinal 2011. Approfondisci
Note legali