Categorie

Walter Mosley

Traduttore: C. A. Rizzi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2010
Pagine: 305 p. , Brossura
  • EAN: 9788806198329
Decimo romanzo della serie dedicata al detective Easy Rawlins, che Einaudi "Stile Libero Noir" ha deciso di proporre al pubblico partendo dal nono volume, Little Scarlet, già comparso nella medesima collana (2008). Il mancato rispetto dell'ordine di pubblicazione della serie, iniziata nel 1990 con l'acclamatissimo Devil in a Blue Dress (tradotto sempre da Einaudi "Stile Libero Noir", Il diavolo in blu, 2011), se può irritare il purista non compromette il godimento di questo solidissimo romanzo che si muove dal territorio del noir per scivolare senza difficoltà nella narrativa storica. Mosley, che è stato allievo di Edna O'Brien, offre uno spaccato dell'America della metà degli anni sessanta, e lo fa concentrando la propria attenzione non tanto sulla trama, che è ingegnosa mo non esageratamente complicata, quanto sui personaggi, sui loro rapporti, sulle loro scelte. Rawlins, i suoi amici Mouse e Saul Lynx, i sospetti e le vittime in quel che pare essere un semplice caso di persone scomparse, diventano i tasselli di un puzzle che ritrae una nazione a una svolta. Non a caso si è parlato di "poliziesco etico" per descrivere il genere praticato da Mosley, un autore con trentatre romanzi all'attivo su un arco di trentaquattro anni, e che non è mai stato intrappolato dalle pastoie del genere. Il fuoco della narrativa sta nelle scelte dei personaggi, nella loro capacità di restare aderenti a un codice etico, di rinunciare alla lusinga del male. Ed è lo stesso Rawlins che, nelle prime pagine del romanzo, deve compiere una scelta di questo tipo, ribadendo il proprio ruolo di modello imperfetto al centro della narrativa di Mosley. Un romanzo eccellente, per alcuni il migliore dello scrittore.
Davide Mana

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Trixter

    30/08/2011 10.58.44

    Romanzo godibile e ben scritto, molto fluido e divertente. Dialoghi frizzanti e, a tratti, davvero spassosi. Forse qualche lungaggine di troppo che, tuttavia, non inficia un giudizio assolutamente positivo. Lettura ampiamente consigliabile.

Scrivi una recensione