Editore: Mondadori Electa
Collana: Madeleines
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 9 settembre 2014
Pagine: 140 p., Rilegato
  • EAN: 9788837098582
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Milano, 1945. La guerra è finita, la città liberata, ma la vita quotidiana è segnata dalle ferite dei bombardamenti, la penuria di tutto, gli strascichi di odi e regolamenti di conti. È lo scenario che circonda la vita di Sveva ragazzina, protagonista di questo nuovo racconto autobiografico, dove piccoli fatti quotidiani assumono ai suoi occhi infantili grande importanza. Curiosa e anche un po' ribelle, osserva le dinamiche del mondo adulto e ne percepisce tutte le contraddizioni: convenzioni sociali, falsità, ipocrisie dai risvolti talvolta dolorosi. Al centro di un racconto molto personale e senza pudori è il rapporto sofferto con una madre severa e intransigente, che non esita a trattarla ingiustamente pur di salvaguardare la sua idea di perbenismo. Ma vi è anche l'affetto sconfinato per il padre, un uomo dolce e attento che non esita a proteggerla dalle piccole crudeltà della vita quotidiana. Dopo le prime pagine segnate dalle conseguenze della guerra appena finita, il racconto assume un registro ironico e leggero, che rispecchia la ritrovata serenità e la prospettiva di un benessere possibile. Il libro si chiude con un'appendice firmata dal fratello Lucio, nato dieci anni dopo di lei, che descrive dal suo punto di vista la vita di famiglia e in particolare la sorella, definita "la mia paladina".

€ 7,45

€ 14,90

Risparmi € 7,45 (50%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:

€ 8,05

€ 14,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 14,90 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    lalla

    05/05/2015 14:29:25

    Ho letto quasi tutti i suoi libri e questo è decisamente diverso da tutti gli altri, naturalmente perché è autobiografico. Scritto come al solito con notevole maestria. Sveva Casati Modignani riesce sempre a farmi entrare nel vivo dei suoi racconti dalla prima pagina e quindi ho avuto la sensazione di trovarmi lì insieme a lei nella Milano del dopo guerra. Un libro insolito ma molto piacevole. Da Leggere.

  • User Icon

    Marta

    21/01/2015 09:53:43

    Finale deludente e parzialmente incompiuto. Mi aspettavo di meglio data tutta la pubblicità che avevano fatto su questo romanzo. Descrizione delle situazioni/ eventi storici davvero molto interessante invece.

  • User Icon

    yle

    17/01/2015 18:26:31

    molto bello.. fa anche ridere soprattutto le frasi in dialetto sono molto simpatiche.. la scrittrice ha ripercorso la sua infanzia scrivendo un ottimo libro.

  • User Icon

    Chiara Sav

    05/11/2014 14:42:07

    Davvero una perla!!! La prosa è, come sempre, ottima, è un libro denso di ricordi, emozioni, sensazioni, sorrisi e spensieratezza, nonostante una piccola base di malinconia.

  • User Icon

    Bianca

    31/10/2014 12:23:24

    L'autrice è un'affabulatrice nata. Con sapiente maestria racconta episodi della sua infanzia. Niente di impegnativo ma per chi ama il genere prosa di prima qualità, vocaboli ricercati ma efficaci. Ancora una volta ha scritto un racconto scorrevole e godibilissimo.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

“Ho deciso di riacciuffare gli esili fili della memoria e approfondire altre pagine della mia infanzia. Ora che ho iniziato a scrivere mi viene il sospetto che lo stia facendo per me stessa, per ritrovare la bambina che sono stata e che avevo dimenticato per troppo tempo.”

Sveva rivive il suo passato stimolata dai suoi nipoti, cui dedica questo libro, che le offrono lo spunto per rivivere le esperienze passate. Attraverso uno stile di narrazione quasi liberatorio che coinvolge il lettore, spinge a riflettere sui diversi temi raccontati e ambientati nella Milano del dopoguerra: la ripresa della vita dopo la tragedia della guerra, la nuova realtà di una società stremata, impoverita emarginata. Ma anche la scuola e l’educazione, il rapporto con gli adulti, il pudore, il perbenismo legato alla chiesa, il ruolo degli uomini ma anche altri temi che offrono al lettore la possibilità di valutare come si siano evoluti nel tempo usi e costumi. Uno spunto prezioso per ripensare la nostra contemporaneità con le sue conquiste e le sue perdite.