Categorie
Traduttore: A. De Ritis
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 1997
Pagine: 180 p. , Brossura
  • EAN: 9788815062338

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lorenzo Panizzari

    27/05/2012 03.23.59

    Forse sono stato un po' stretto con il voto, ma il libro svolge egregiamente il suo lavoro: fornisce un quadro chiaro ed equilibrato della storia dei Balcani e dei motivi alla base della sua attuale critica situazione. La prima parte tratta i temi sociali storici e culturali dell'area con brevi cenni al classicismo, forte focus su Ottomani e sviluppo europeo degli Stati-Nazione, adeguata attenzione ai temi più recenti. Nella seconda parte si trattano casi specifici (GR, Yug, Bul, Rom, Alb) con attenzione alla contemporaneità, alle regioni contese ed agli Stati più piccoli; anche i più recenti. Nella terza si torna ad una visione d'insieme, esclusivamente contemporanea e si cerca di trarne prospettive future. Il libro presenta però anche tre difetti. Primo: molti, troppi "box" che toccano dettagli trattati nelle pagine principali; spesso didascalici e/o ripetitivi del corpo del lavoro, distraggono, rendono difficile lal lettura e raramente danno informazioni utili ed aggiuntive. Secondo: finale buonista un po' deresponsabilizzatore della società balcanica scaricando le responsabilità su Europa e/o grandi potenze. Al di là del buonismo, la cosa ha poco senso perché nel testo si rileva spesso l'incapacità della società stessa di evolvere verso la modernità per la sua preferenza verso familismo, localismo, clientelismo, ed una generica chiusura verso la diversità. Terzo: il libro è datato 1994; considerata la velocità dei cambiamenti dell'area, inizia ad essere troppo vecchio per una adeguata analisi della contemporaneità.

Scrivi una recensione