La ballerina dello zar - Adrienne Sharp - copertina

La ballerina dello zar

Adrienne Sharp

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Raffaella Vitangeli
Editore: Neri Pozza
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 25 novembre 2010
Pagine: 413 p., Brossura
  • EAN: 9788854504486
Salvato in 11 liste dei desideri

€ 9,45

€ 17,50
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È il 23 marzo 1890 a San Pietroburgo e, nell'ampio corridoio del teatro Mariinskij, è in corso una delle sfilate più emozionanti che sia dato vedere nella splendida città affacciata sul golfo di Finlandia. La famiglia reale è accorsa al gran completo per il saggio finale delle giovani allieve del corpo di ballo. Gli zar Romanov sono i finanziatori di buona parte dei Teatri imperiali e non mancano mai alle occasioni in cui è possibile scorgere le prime esibizioni delle future étoiles. Lungo il corridoio, l'imperatore Alessandro III avanza a grandi passi, seguito dall'imperatrice gracile e minuta. Più indietro ancora lo zarevic Nicola, detto Niki, un fauno, piccolo, esile nella sua uniforme, le guance morbide e graziose, i lineamenti fini. Raggiunta la tavola allestita per la sobria cena della scuola, l'imperatore fa sedere alla sua sinistra Nicola e, accanto a lui, la ragazza che più di tutte promette di essere una stella del Mariinskij: Mathilde Kschessinska, la figlia più giovane del grande Felix Kschessinsky, che ha danzato per i Romanov per quasi quarant'anni. L'intento di Alessandro III è palese: fare in modo che il figlio renda onore a una lunga tradizione che vuole imperatori, granduchi, conti e ufficiali scegliere le loro amanti tra le ballerine di danza classica. Per Mathilde Kschessinska è l'occasione di puntare dritta al cielo, un premio inaspettato al suo talento.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,6
di 5
Totale 10
5
6
4
4
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Martina

    24/09/2019 15:40:47

    Il mondo affascinate e, a volte, anche spietato del balletto russo, immerso nello splendore e lo sfarzo dell'Impero Zarista, raccontato in prima persona da una donna caparbia e ambiziosa, pronta a tutto per difendere il suo futuro e soprattutto il suo cuore; ma con lo scoppio della rivoluzione anche lei dovrà fare i conti con una nuova orribile realtà e assistere al suo inesorabile declino. Consiglio vivamente questo romanzo!

  • User Icon

    Attilio Alessandro Bollini

    20/02/2017 06:58:43

    La cosa più interessante di questo bellissimo romanzo è che dimentichi che è un romanzo e pensi all'autrice come alla ballerina che descrive la propria vita e soprattutto gli accadimenti storici che ha attraversato. Descrizioni perfette quasi cinematografiche. Moralmente abbietta la protagonista, in ogni caso. Cpnsigluato agli amanti del romanzo storico.

  • User Icon

    Daniela

    01/07/2013 15:09:59

    Mathilde : personaggio alquanto discutibile dalla dubbia moralità e animato da uno sfrenato opportunismo, attraverso il racconto della sua vita, ci regala un bellissimo affresco storico che, gli appassionati del genere come me, potranno apprezzare in tutte le sue sfumature cogliendo aspetti inediti e curiosi. La lettura e' fluida e scorrevole (a parte quando s'incontrano pletore di nomi russi decisamente impronunziabili) e solo in alcune parti, a mio avviso, si poteva alleggerire la descrizione senza nulla togliere alla già ricca ed esaustiva narrazione. Per finire trattasi di un ottimo connubio storia/romanzo consigliato anche a chi ha sempre snobbato il genere storico.

  • User Icon

    Lupo '58

    10/03/2013 13:04:26

    Lo scenario rappresentato è quello della Russia negli anni dal 1890 al 1917, dal regno degli ultimi due zar, Alessandro III e Nicola II, alla rivoluzione bolscevica. Lo sguardo quello privato di Mathilde Kschessinska, prima ballerina dei teatri imperiali e amante dello stesso Nicola II e di altri granduchi, vera protagonista ed io narrante di questo godibilissimo libro, che ha il grande merito di guidarci all'interno di una realtà poco conosciuta tra amori clandestini, intrighi di corte, attentati, guerre, rivolte popolari e nei lussi della corte zarista a San Pietroburgo. L'autrice ci presenta una serie di personaggi, storici e non, con grande sapienza narrativa. Ho trovato questo romanzo interessante e mi sento di consigliarlo decisamente.

  • User Icon

    Lisa

    13/09/2012 17:16:03

    Davvero molto bello ; sia per l'ambientazione storica che il romanzo

  • User Icon

    Isa

    27/08/2012 15:20:55

    Scorrevole connubio fra storia e romanzo!

  • User Icon

    Roberta

    19/12/2011 10:31:34

    Mathilde Kschessinska e' stata l'amante dell'ultimo zar Nicola II e fu' una grande ballerina russa dei teatri dell'impero. In questo racconto l'autrice tra finzione e realta' ne traccia un profilo ben descritto. E' stata una donna amata, ammirata, temuta e derisa ma con un carattere forte anche se molto arrivista ed egoista. Il periodo storico e' raccontato dettagliatamente, soprattutto la citta' di San Pietroburgo. L'unica cosa che mi ha disturbato nella lettura sono i diminutivi "Niki " e " Alix"che la protagonista usa per rivolgersi allo zar e alla zarina.

  • User Icon

    Valeria

    01/07/2011 21:46:46

    Bellissimo. Lo consiglio. Oltretutto è un "gradevole" ripasso della tragica storia russa che altrimenti potrebbe risultare pesante e noiosa. Bello, bello, bello!

  • User Icon

    simone

    30/04/2011 12:23:31

    Interessante e accurato affresco della vita dei nobili a San Pietroburgo poco prima delle Rivoluzione d'ottobre. Stupisce il lusso e lo sfarzo di cui si circondavano pochi elletti mentre la quasi totalità della popolazione viveva al limite dell'indigenza.Del resto,dopo poco meno di un secolo,in Russia la situazione non è molto cambiata:allora c'erano lo Zar,i suoi parenti e i nobili,oggi i supermiliardari, i politici e i loro patrimoni di origine discutibile..

  • User Icon

    Elisa

    30/04/2011 10:38:17

    Davvero appassionante! Letto tutto d'un fiato.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente
  • Adrienne Sharp Cover

    Adrienne Sharp ha studiato danza all'Harkness Ballet di New York. Insegna presso il Centro delle Arti Creative dell'Università della Virginia e vive in California. Con Neri Pozza ha pubblicato La ballerina dello zar (2010), finalista al California Book Award e tradotto in dieci lingue, e La magnifica Esme Wells (2019). Approfondisci
Note legali