Illustratore: I. Padovani
Editore: LaboS
Anno edizione: 2008
Pagine: 140 p., Rilegato
  • EAN: 9788890099557

€ 11,40

€ 12,00

Risparmi € 0,60 (5%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    tommi

    08/09/2008 16:20:39

    Il libro di Luciano è uno spasso. Sono storie (curate, originali, ben costruite) tutte diverse, ma con un filo conduttore; la scrittura e tutto quello ne consegue: idee, mezze idee, ispirazioni. Di più: Luciano è capace di parlare anche della mancanza di ispirazione, di quell'aggrovigliarsi tra mille fili logici e narrativi che non riescono a connettersi, rendendo avvincente la confusione che ne scaturisce. "Battaglia Navale" è un libro che parla della scrittura senza essere autoreferenziale, ma in modo indiretto e intelligente, indagando l'oscuro e spesso incomprensibile rapporto tra lettore e scrittore.

Scrivi una recensione

Il gioco della battaglia navale è un gioco di abilità e fortuna, un passatempo a due, un botta e risposta a carta e matita da banchi di scuola, di soppiatto, a decifrare un mare quadrettato, a indovinare navi di righe e colonne, lettere e numeri. La battaglia navale di Luciano Canova, illustrata da Inge Padovani, sfida il lettore ad incontrarsi in una geografia di racconti che si richiamano l'un l'altro, si afferrano per un braccio o proseguono a braccetto, racconti-navi su una scacchiera-libro. Al lettore, giocatore e avversario, l'azzardo divertito di lasciarsi andare al ritmo della partita, rilanciare la cadenza dei racconti, procedere attraverso personaggi audaci, duetti di storie sorprese da illustrazioni leggere; al lettore cercare di capire dove andare a colpire, inciampare in intrecci vivaci che procedono in contropiede, offrendosi come punti di osservazione inedita dell'ordinario e dell'esagerato che c'è nel quotidiano; al lettore lasciarsi provocare e affondare senza riserve, senza remore, nel piacere del gioco inatteso e creativo che offrono Luciano e Inge.