Categorie
Curatore: E. Bevilacqua
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1996
Pagine: IX-176 p.
  • EAN: 9788806141714
Usato su Libraccio.it - € 3,62

€ 5,70

€ 6,71

Risparmi € 1,01 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

BURROUGHS, WILLIAM S., La febbre del ragno rosso

BEVILACQUA, EMANUELE (A CURA DI), Battuti e Beati
scheda di Concilio, C., L'Indice 1996, n. 8

Un tascabile per il prossimo millennio: questa la proposta Einaudi che raccoglie una scelta antologica di testi per non dimenticare il mito della Beat Generation. Il titolo della raccolta allude al doppio senso in cui viene letto il termine "beat", coniato da Herbert Huncke; Ginsberg, invece, chiamava i suoi compagni di viaggio "i sotterranei", titolo poi ripreso da Kerouac in un suo romanzo. Genio e sregolatezza, come dire "sei poeti in cerca di un cavatappi", la formula di Diane Di Prima è utile per definire lo stile di vita-scrittura eccessivo e inventivo di questi "poeti maledetti" americani.Le lettere, le prose autobiografiche, le poesie di protesta, gli scritti inviati e dedicati agli amici annunciano un viaggio coast-to-coast anche attraverso la musica: il jazz diCharlie Parker che ispira Bob Kaufman, il blues, il be-bop versione Kerouac, il rock di Bob Dylan.Sesso, politica, sogno sono le parole chiave della poesia diGinsberg sulla primavera di Praga, ma la liberazione che i beatnik predicano si concretizza immediatamente nello stile di scrittura di cui vengono proposti in questa edizione i manifesti di Kerouac, LeRoi Jones e Frank O'Hara.E ancora, sesso, droga e filosofie orientali quali forme di una rivoluzione tematica e generazionale: i testi di Ginsberg e Henry Miller erano stati censurati perché giudicati osceni.Libertà, dunque, è anche libertà di lettura.La raccolta si chiude con un omaggio a Kerouac di Joyce Johnson: "Cosa avrebbe preteso la storia da Jack?Cosa si sarebbe aspettata una generazione dal suo avatara?" e le prossime generazioni che cosa si aspettano? Questa l'avventura lanciata come scommessa al 2000.Di Burroughs, invece, Adelphi ripropone La febbre del ragno rosso, un testo visionario corredato dalle illustrazioni dell'autore, che ripercorre le teorie evoluzionistiche e insieme la storia del cristianesimo e delle colonizzazioni.Le tematiche ecologiche offrono lo spunto per una critica a ogni forma di totalitarismo, mentre la proliferazione del virus-uomo, che ha portato all'estinzione molte specie animali, sembra ora minacciata dalla comparsa di nuovi virus.