-15%
Beirut, I love you - Zena El Khalil - copertina

Beirut, I love you

Zena El Khalil

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: S. Mobiglia
Editore: Donzelli
Collana: Mele
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 4 maggio 2010
Pagine: 237 p., Brossura
  • EAN: 9788860364524
Salvato in 10 liste dei desideri

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Beirut, I love you

Zena El Khalil

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Beirut, I love you

Zena El Khalil

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Beirut, I love you

Zena El Khalil

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

€ 8,64

€ 16,00

Punti Premium: 9

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 16,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Tutto comincia in quei 34 giorni della guerra del 2006. Zena el Khalil, una giovane artista libanese, decide di raccontare al mondo in tempo reale quello che sta accadendo a Beirut. Apre così un blog che immediatamente suscita un tam-tam mediático: a partire dal "The Guardian", alcuni dei più importanti quotidiani internazionali iniziano a pubblicare il diario di Zena, finché un agente letterario inglese decide di incoraggiarla a scrivere un libro... "Beirut, I love you" è la storia di una donna e la storia di una città, intrecciate nella fitta trama di un dialogo che si snoda lungo percorsi temporali diversi. Il passato di Zena - l'infanzia, gli anni all'università, le sue vite precedenti - si sovrappone a quello di Beirut, al susseguirsi di guerre e ricostruzioni, viscerali speranze di cambiamento e tremende delusioni. Tutto vissuto in maniera estrema e portato all'eccesso. Al centro c'è sempre la guerra, anche quando pare non esserci. E Zena riesce a farci percepire quasi fisicamente questo stato permanente di tensione e insieme un attaccamento forte alla vita, in tutte le sue espressioni. Nelle strade di Beirut le milizie armate delimitano il proprio territorio, mentre la città cerca di riprendersi nel caos della ricostruzione. Intere famiglie dormono in uno stesso letto, mentre biondine in tiro affollano i night, dove droga e alcol scorrono a fiumi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Pensare a Beirut, forse, per molti vuole ancora dire figurarsi una città semidistrutta dalla guerra. Eppure "la tentazione di parlare della città in guerra, di come essa ha dovuto adattarvisi" è da esorcizzare, sembra suggerire lo storico Samir Kassir nell'elegante introduzione al suo volume Beirut. Storia di una città (Einaudi, 2009; cfr. "L'Indice", 2010, n. 1). Ma rivela anche: "L'anomalia più straordinaria sta nell'ostinazione degli abitanti a voler vivere, comunque, in una maniera non troppo dissimile da quella normale mentre le condizioni vi si prestano così poco".
La joie de vivre straripa dalle pagine della giovane artista beirutina Zena el Khalil, e non è tanto voglia di normalità, bensì di trasgressione e di libertà anche espressiva. Zena a Beirut è tornata volontariamente dall'Amrika, dopo tre reincarnazioni, dopo il naufragio del Titanic, allora era Hussein, dopo la sua rinascita di bambina del mare Amal (speranza), e dopo aver vissuto a New York fino all'11 settembre 2001, come Zena, artista, nella vita presente. Se è vero che Beirut suscita una "suggestione nostalgica che innumerevoli intellettuali, adesso sparsi per il mondo, dichiarano di provare per una dolce vita beirutina la quale li univa al di là dei loro antagonismi", Zena rivendica proprio quella dolce vita, ma in chiave attuale, come farebbe un giovane in qualsiasi parte del mondo. Di giorno poter guidare per le strade della città per recarsi a una mostra o in spiaggia, e poi la sera uscire, bere e ballare fino all'alba, fare sesso, sposarsi e magari avere dei figli. Però a Beirut tutto è difficile: quando all'improvviso scoppia un'autobomba e non riesci a prendere la linea telefonica e qualcuno ti dice che il quartiere è quello dove tua madre si reca in ufficio, tutto ciò che stai facendo, pensando o progettando diventa futile; quando nelle strade i posti di blocco controllati da giovanissimi ti costringono – con l'arroganza del vantaggio di essere maschi e armati – a guidare in retro dentro un tunnel e devi studiare percorsi alternativi per andare al mare, nonostante tutto, Beirut esplode in tutta la sua follia.
Quello di Zena è un viaggio culturale, sentimentale e identitario nella Beirut un po' americana e un po' francese, di drusi, maroniti e islamici, con la difficoltà di essere artista e donna insieme, quando "ti rendi conto che in arabo non esiste neppure la parola per dirlo?"; con i divorzi di giovani donne – come l'amica Maya, morta di cancro, che ha girato la città vestita da sposa in un'ebbra corsa in auto – che imputano a Beirut modelli di mascolinità che ricalcano la follia propria della città: "Beirut, dammi la forza. Beirut, un altro uomo che mi lascia. Beirut, do la colpa a te. Beirut, ti odio". L'autrice intende de-centralizzare New York, capitale di rifugiati, che abbandona, e re-iscrivere Beirut nel contesto che da sempre storicamente le appartiene di città-crocevia del Mediterraneo, proprio per questo contesa tra sfere di influenza contrastanti, traversata da flussi di armi, capitali e interessi geopolitici che distruggono la città-Fenice o la lasciano dilaniata dagli attentati, dalle migrazioni e dall'arrivo di profughi.
Zena el Khalil, però, con il suo linguaggio vibrante, spregiudicato e sorprendente, graffiante e ardito, sembra voler rinnovare e "resistere" in senso postcoloniale, politico e civile (si veda il suo diario "beirutupdate.blogspot.com") a ogni immagine che possiamo crearci di Beirut, la cui complessità storica, religiosa e politica è inesauribile. Parlare di Beirut, da Beirut, vuol dire prima di tutto trovare un posto per sé, agire da artista come una specie di scossa sismica, anche affettiva, in una congerie cosmopolita che rischia in ogni momento di annientarti, ma che abbraccia la ricostruzione e la vita, in dialogo con la morte, come quando Zena, con un altro tocco di realismo magico, tira fuori Maya dalla tomba, e le parla, prima di lasciarla andare. Carmen Concilio
Note legali