Bel Canto - CD Audio di Vincenzo Bellini,Gaetano Donizetti,Giuseppe Verdi,Jesús León

Bel Canto

0 recensioni
Scrivi una recensione
Interpreti: Jesús León (tenore)
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Opus Arte
Data di pubblicazione: 25 giugno 2015
  • EAN: 0809478090359

Bellini: A te, o cara (da I Puritani), E serbata a questo acciaro (da I Capuleti e i Montecchi), Donizetti: Una furtiva lagrima (da L'elisir d'amore), Povero Ernesto...cercherò lontano terra (da Don Pasquale), Come un spirto angelico...Bagnato il sen di lagrime (da Roberto Devereux), Fra poco a me ricovero...Tu che a Dio spiegasti l'ali (da Lucia di Lammermoor), Amici miei, che allegro giorno! (da La figlia del reggimento), Verdi: Parmi veder le lagrime (da Rigoletto), La donna è mobile (da Rigoletto)Dal labbro il canto estasiato vola (da Falstaff)

  • Vincenzo Bellini Cover

    Compositore. Q la precoce formazione e i primi lavori. Figlio di Rosario B., organista, maestro di cappella e compositore di musica sacra, e di Agata Ferlito, dimostrò una precocissima attitudine alla musica, tanto che a sei anni scrisse la sua prima composizione. Prese le prime lezioni dal nonno Vincenzo Tobia, organista e compositore, e dal padre; presto si fece conoscere come organista e compositore di musica sacra e di canzoni nelle chiese e nei salotti della città, e nel 1819 il comune di Catania gli offrì i mezzi per recarsi a studiare al conservatorio di Napoli. Qui ebbe per maestri G. Furno, G. Tritto e N. Zingarelli; quest'ultimo lo indirizzò allo studio del melodramma napoletano e delle opere strumentali di Haydn e Mozart. Durante gli anni di conservatorio B. continuò a comporre... Approfondisci
  • Gaetano Donizetti Cover

    Compositore.La formazione e i primi lavori teatrali. Di umili origini, nel 1806 fu ammesso alle «Lezioni caritatevoli di musica» dirette da S. Mayr. Questi curò personalmente la sua istruzione in clavicembalo e composizione fino al 1815, inviandolo poi al Liceo Musicale di Bologna a perfezionarsi in contrappunto col dottissimo padre S. Mattei. D. ebbe dunque una preparazione professionale non solo organica e seria, ma di buon livello dottrinale, improntata, tramite Mayr, ai modelli classici viennesi: significativa la presenza, accanto ai tentativi teatrali giovanili, di sinfonie, cantate, quartetti ben costruiti alla Haydn e alla Mozart. Viceversa, i primi melodrammi rappresentati rivelano, oltre a quello di Mayr, l'inevitabile influsso di Rossini (Enrico di Borgogna, 1818, e Il falegname... Approfondisci
  • Giuseppe Verdi Cover

    Compositore.La giovinezza e i primi successi. Le origini assai modeste gli resero difficile l'accesso a studi regolari. Iniziò sotto la guida di Pietro Baistrocchi, organista di Roncole, ed esercitandosi su una spinetta acquistatagli dai genitori. Poi Antonio Barezzi, mercante di Busseto e suo futuro suocero, si interessò perché potesse seguire i corsi del locale ginnasio e avesse lezioni da Ferdinando Provesi, organista di Busseto. Intanto, ormai quindicenne, V. aveva cominciato a scrivere musica, profana e sacra, ad uso della locale Società filarmonica e di privati di Busseto; ma il suo desiderio di completare gli studi al di fuori dell'ambiente provinciale urtò contro numerose difficoltà: non ebbe il posto di organista nella chiesa di Soragna, non riuscì a ottenere sovvenzioni finanziarie,... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali