Bernardo Provenzano. Il ragioniere di Cosa Nostra - Ernesto Oliva,Salvo Palazzolo - copertina

Bernardo Provenzano. Il ragioniere di Cosa Nostra

Ernesto Oliva,Salvo Palazzolo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Rubbettino
Collana: Storie
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 12 aprile 2006
Pagine: 170 p., Brossura
  • EAN: 9788849815085
Salvato in 10 liste dei desideri

€ 6,48

€ 12,00

Punti Premium: 6

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Con l'arresto nelle campagne di Corleone si è conclusa la lunga latitanza del boss più pericoloso e ricercato di tutti i tempi. Ma chi è Bernardo Provenzano? È stato davvero u tratturi, ovvero il braccio violento al servizio della spietatezza di Riina o, come recenti indagini hanno poi dimostrato, si è trattato del vero regista della politica palermitana, l'amministratore di una mafia trasversale a quella ufficiale di cui sinora si è potuto appurare ben poco?
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'11 aprile 2006 si è conclusa una lunga fase della storia della mafia in Italia: quella contrassegnata dalla latitanza di Bernardo Provenzano, durata ben 43 anni grazie a un'incredibile rete di complicità e connivenze che attende ancora di essere svelata. Così come sono ancora avvolti nel mistero le strategie, gli accordi e le amicizie eccellenti che hanno permesso al capomafia di Corleone di imporsi ai vertici dell'organizzazione criminale siciliana di cui, dopo la cattura di Totò Riina, ricopriva il ruolo di capo indiscusso. Killer con Luciano Liggio in gioventù, stragista tra la fine degli anni Ottanta e i primi anni Novanta, soprannominato "il ragioniere" e presentato come lo stratega e il garante della "pax mafiosa", Bernardo Provenzano è stato senza dubbio "un uomo per tutte le stagioni", "una specie di Fregoli mafioso" (come lo definiscono con amara ironia gli autori di questo saggio), un capomafia di "larghe intese" che, dopo la stagione delle stragi Falcone e Borsellino, si è addossato il compito di traghettare Cosa nostra in una nuova epoca "di mediazione" con i poteri politici ed economici.
Di lui si sa ancora molto poco, troppo poco. I due giornalisti Ernesto Oliva e Salvo Palazzolo, veri esperti del personaggio (che hanno persino realizzato un sito Internet interamente dedicato a Provenzano), sono gli autori di questa prima biografia dell'ex "primula rossa" di Corleone che raccoglie tutto il materiale conoscitivo, sia giudiziario sia giornalistico, fino ad ora disponibile su di lui, un libro aggiornato agli ultimissimi avvenimenti della cattura che ne restituisce un attento ritratto e sollecita non pochi interrogativi, innanzitutto su chi ha coperto la sua latitanza e su quale futuro attenda Cosa nostra. Competente e dettagliato, il dossier di Oliva e Palazzolo cerca di ricostruire la complicatissima mappa di manovre, delitti, traffici e alleanze in cui Provenzano fu coinvolto nella sua lunga carriera, senza dimenticare la sua vita privata, il suo legame con i familiari, la compagna Saveria Benedetta Palazzolo e i due figli. Sono pagine fitte di avvenimenti, date e nomi di capimafia, politici, pentiti e vittime che hanno fatto la storia degli ultimi anni: da Salvo Lima a Vito Ciancimino, da Giulio Andreotti a Dell'Utri, da Carlo Alberto Dalla Chiesa a Pio La Torre, da Pino Lipari ad Antonino Giuffrè. E poi i traffici con gli appalti delle imprese di costruzioni, smaltimento rifiuti e sanità su cui Provenzano creò il suo impero economico e la nuova mafia, la "Cosa nuova" collusa con politici, amministratori locali imprenditori e professionisti.
Con la cattura del "ragioniere" si chiude dunque una pagina sanguinosa della storia mafiosa. Questo libro fornisce molti spunti interessanti per comprenderla attraverso la figura di un protagonista di primo piano, di cui gli investigatori stanno ancora ricostruendo il vero volto.

  • Salvo Palazzolo Cover

    Salvo Palazzolo è giornalista del quotidiano «Repubblica», vive e lavora a Palermo, dove da anni si occupa di mafia. È autore di diversi libri su "cosa nostra". Approfondisci
Note legali