-15%
Bernini pittore. Catalogo della mostra (Roma, 19 ottobre 2007-20 gennaio 2008) - Tomaso Montanari - copertina

Bernini pittore. Catalogo della mostra (Roma, 19 ottobre 2007-20 gennaio 2008)

Tomaso Montanari

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Silvana
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 25 ottobre 2007
Pagine: 240 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788836609604

€ 29,75

€ 35,00
(-15%)

Punti Premium: 30

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Bernini pittore. Catalogo della mostra (Roma, 19 ottobre 200...

Tomaso Montanari

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Bernini pittore. Catalogo della mostra (Roma, 19 ottobre 2007-20 gennaio 2008)

Tomaso Montanari

€ 35,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Bernini pittore. Catalogo della mostra (Roma, 19 ottobre 2007-20 gennaio 2008)

Tomaso Montanari

€ 35,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In nessun campo come nella pittura, il più grande artista dell'Italia del Seicento è libero dai condizionamenti della società. Bernini traduce questa libertà in una tecnica veloce e impressionistica. Come nella tradizione veneta e in quella caravaggesca, i suoi quadri sono eseguiti senza disegno preparatorio, ed egli si concentra più sul colore, sulla luce e sulla sfida di fermare gli aspetti più sfuggenti della realtà, che non su problemi di composizione o narrazione. Non avendo a che fare con un committente, Bernini può abbandonare il lavoro quando gli sembra d'aver raggiunto i risultati che desidera: di qui l'aspetto abbozzato di molte delle sue opere. Ed è alla stessa libertà che Bernini deve la possibilità di non occuparsi del costume, e di trascurare le convenzioni e perfino il decoro. Nella tensione a fermare per sempre un momento qualunque di una persona qualunque, in questa profonda passione per eternare nei colori e nella luce il volto di garzoni, di giovani artisti, addirittura di bambini e di donne non aristocratici (che era quasi dire il volto di nessuno) sentiamo una modernità che la meravigliosa scultura di Bernini - così felicemente abbarbicata ai valori contemporanei - non conosce, e che getta invece inconsapevolmente un ponte verso il futuro della storia dell'arte.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Il suo mestiere è dello scalpello, e non del pennello": in una lettera del 1637 a Francesco I d'Este, il poeta Fulvio Testi giustificava così, riportando le parole dello stesso Gian Lorenzo Bernini, il rifiuto opposto dall'artista alla richiesta di dipingere due quadri per il duca di Modena e Reggio. Sebbene Bernini non sia stato, quindi, pittore di professione, Filippo Baldinucci, nella sua biografia del 1682, gli assegnò genericamente oltre centocinquanta dipinti. Trattandosi di un insieme di quadri perduto, le ricerche volte a ricomporlo hanno condotto, negli ultimi anni, ad accumulare sul nome di Bernini tele non sempre omogenee.
Per la bella mostra a Palazzo Barberini, e nel catalogo che l'ha accompagnata, Tomaso Montanari ha dunque lavorato di vaglio, selezionando gli unici sedici dipinti noti che, per qualità di invenzione e di esecuzione, si possono ragionevolmente assegnare alla mano del "regista del barocco" (l'espressione era nel titolo della grande mostra dedicata a Bernini nel 1999, Gian Lorenzo Bernini. Regista del barocco, a cura di Maria Grazia Bernardini e Maurizio Fagiolo dell'Arco, catalogo Skira). Operare una selezione basata sulla qualità conduce però, nel caso di Bernini, a ottenere un corpus composto quasi interamente da ritratti, aventi per soggetto l'autore stesso o altri. Montanari motiva questa apparente predilezione dell'artista ricordando che nell'accademia di Bernini il ritratto, insieme al teatro, giocò un ruolo determinante per l'appropriazione all'arte di attitudini ed espressioni; è pressappoco quanto avveniva negli stessi anni anche nell'"officina di Rembrandt" descritta nel volume di Svetlana Alpers, da poco ristampato da Einaudi, al quale lo stesso Montanari si richiama (L'officina di Rembrandt. L'atelier e il mercato, 2006). Come esercizio, oppure come dono prezioso, Bernini ritrasse colleghi e persone della sua cerchia in un'attività forse non assidua, ma protrattasi, secondo lo studioso, dagli anni venti sino agli anni sessanta del Seicento. Non si limitò però ai ritratti: fra alcune intense figure dell'Antico e del Nuovo Testamento si segnala, in particolare, un notevole Cristo deriso, ritrovato da Francesco Petrucci, che esibisce i segni pittorici di un altissimo esercizio d'accademia (questa è l'unica attribuzione accolta da Montanari, tra quelle avanzate da Petrucci nella sua recente monografia Bernini pittore, Bozzi, 2006). Fonti e documenti d'epoca assegnano a Bernini anche numerosi dipinti di destinazione pubblica, ma è dimostrato che in quei casi egli si riservò la responsabilità dell'invenzione, lasciando l'esecuzione ai collaboratori.
Il volume è distintamente suddiviso in due parti. La prima, monografica, si deve interamente a Tomaso Montanari e comprende un saggio sulla pittura di Bernini e le schede di tutti i dipinti a lui attribuiti, cui si aggiungono le schede delle altre opere presenti in mostra: il busto di Costanza Bonarelli e sette dipinti attribuibili, per la sola parte esecutiva, a collaboratori o seguaci. Annesso alle schede è l'inventario dei dipinti, in cui sono elencati anche quelli irrintracciabili, quelli di bottega e quelli da rifiutarsi. Segue un'utilissima raccolta delle fonti, fino al 1750, relative all'attività pittorica di Bernini.
La seconda parte raccoglie interventi di altri studiosi su temi affini. Ann Sutherland Harris, specialista dei disegni berniniani, illustra i sei bellissimi fogli esposti; Alessandro Angelini, dopo aver rilevato le tangenze con la pittura romana dei primi decenni del Seicento, richiama alcune delle direttrici d'incontro tra decorazione dipinta, scultura e architettura nei cantieri berniniani; Tod A. Marder, dedicandosi allo studio del topos letterario, ricerca le possibili implicazioni teoriche dell'episodio, narrato dai biografi, dell'incontro tra Gian Lorenzo bambino e papa Paolo V; Steven F. Ostrow, anticipando il contenuto di un suo prossimo libro dedicato alla teoria artistica in Bernini, coglie nelle sue creazioni gli echi della disputa rinascimentale sul paragone delle arti. Questa parte del volume, aprendosi a tecniche diverse, invita quindi a considerare i dipinti di Bernini nell'ottica della speciale "unità delle arti visive" che egli seppe comporre nel corso della sua carriera (l'espressione è nel titolo del volume di Irving Lavin dedicato alla cappella Cornaro: Bernini e l'unità delle arti visive, Edizioni dell'Elefante, 1980). Il libro non risolve il problema, ma imposta solidamente il dibattito sul ruolo da attribuire, nell'ambito della multiforme attività creativa di Bernini, a una produzione pittorica notevole per qualità e modernità. Nicola Prinetti
  • Tomaso Montanari Cover

    Insegna Storia dell'arte moderna all'Università «Federico II» di Napoli. Si è sempre occupato della storia dell'arte del XVII secolo, cercando di rispondere alle domande poste dalle opere con tutti gli strumenti della disciplina: dalla filologia attributiva alla ricerca documentaria, dalla critica delle fonti testuali all'analisi dei significati, a una interpretazione storico-sociale. Per Einaudi ha scritto la postfazione ai due volumi de Le vite de' pittori scultori e architetti moderni di Giovan Pietro Bellocchio (2009), A cosa serve Michelangelo? (2011), Il Barocco (2012), Costituzione incompiuta (2013, con Alice Leone, Paolo Maddalena e Salvatore Settis), La libertà di Bernini. La sovranità dell'artista e le regole del potere (2016) e Contro le mostre... Approfondisci
Note legali