Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Bianca da morire - Elena Mearini - copertina

Bianca da morire

Elena Mearini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Cairo
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 28 gennaio 2016
Pagine: 132 p., Brossura
  • EAN: 9788860526199
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 12,35

€ 13,00
(-5%)

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Bianca da morire

Elena Mearini

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Bianca da morire

Elena Mearini

€ 13,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Bianca da morire

Elena Mearini

€ 13,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 13,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella Milano dei giardini verticali e della rinascita urbana, si muove Bianca, sedici anni, papà camionista e mamma casalinga, studentessa dell'Artistico, viso da diva anni Quaranta e unghie laccate di blu, quattro stelline bianche su ciascuna. Della vita sa due cose. Sa che non vuole diventare come sua madre, precocemente sfiorita in un sonnambulismo dei sentimenti e delle velleità, asservita ai bisogni di marito e figlio maschio, ma cieca davanti ai bagliori di speranza negli occhi della sua ex bambina. Sa che vuole diventare una star del cinema, oggetto di invidie femminili e di sogni maschili. E per farlo, è pronta ad ascoltare la più nera parte del cuore. Mentire, manipolare, sedurre. Uccidere. Per lei il corpo è un'arma letale, strumento di affermazione, di riconoscimento. Un corpo-arma per non morire anonima. Dove il linguaggio della cronaca e i sociologismi sul disagio giovanile non possono arrivare, Bianca da morire scava fino a toccare il grumo autentico di desideri e solitudine che partorisce azioni scioccanti. Bianca è l'incarnazione terribile delle nostre ambizioni frustrate, delle nostre paure infantili che non ci lasciano mai. Bianca è un Paese intero, che ha in Milano il suo specchio più illusorio. Bianca siamo noi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Tre Mandorle al Dì

    09/03/2016 12:34:49

    Il 21 marzo si celebra la Giornata Mondiale della Poesia e nel libro "Bianca da morire" la poesia è così prepotentemente presente da inchiodare il lettore davanti a parole che non fanno sconti. Le lettere si susseguono graffiando, fino a fare sanguinare, il concetto su cui, almeno una volta nella vita, ognuno di noi ha detto la sua: l'Amore. L'amore degli altri. L'amore per se stessi. L'amore mancato e quello mancante. Una poetica ammaliante, seducente, essenziale, a tratti pungente, ma sempre perfetta. Una trivellazione all'interno del sentimento più abusato, alla ricerca di una ragione che spinge a ottenere - a tutti i costi - ciò che si vuole. L'amore chiama amore, il tutto sta in come si risponde a questa chiamata. La sua fame corrode dentro a ogni età, ma soprattutto a 16 anni. E alla fine ci si trova a cercarlo in maniera disperata, senza accorgersi che ci sta accanto, magari in una forma diversa da quella che si immagina. O che ci sta addosso, riconoscibile in un tratto somatico impercettibile ai più. Ed ecco la strumentalizzazione dell'altro, usato come uno specchio per ammirare l'immagine che si vuole vedere e che ci si costruisce sulla base di sogni e ideali. Nessuno è senza colpa, nemmeno l'ambiente in cui viviamo, fatto di mura, strade e persone. E se cercare un getto d'aria calda, sufficiente a scongelare un cuore imprigionato in una gabbia di ghiaccio, portasse pensieri in origine puri a comportamenti concludenti avversi? E se la bianca purezza, da mantenere al di là di ogni ragionevole dubbio, cedesse il passo al nero vortice di sentimenti che scavano rabbiosi dentro l'animo umano? Leggendo questo libro si assiste all'esplosione di un sogno e allo sfondamento della superficialità a opera della sete d'amore. Si viene investiti da una polvere di stelle che ha la fattezza di schegge nel cuore e che Elena Mearini scandaglia con una profondità disarmante, strizzando l'occhio a una modalità poetica impeccabile.

Bianca da morire è la storia di Bianca, una ragazzina di sedici anni della Milano che sta raggiungendo la sua rinascita urbana, di quelle che ogni giorno vediamo sfilare per strada. Da sempre Bianca coltiva il sogno della celebrità, quello spettro irraggiungibile che rincorrono la maggior parte degli adolescenti, guidati dal bisogno malsano di apparire, ad ogni costo. Bianca però è diversa dalle sue coetanee, parte avvantaggiata nella salita verso la notorietà, a scuola è infatti oggetto delle invide femminili e dei ogni maschili, padrona di un corpo che non possiede veramente ma che usa come un arma letale per raggiungere i suoi scopi. L’abuso della bellezza per non morire anonima.

A casa però Bianca è invisibile, oscurata dall’ombra del fratello Valerio, futura promessa del calcio italiano sul quale riversano tutte le loro speranze per un futuro migliore. E i sogni di Bianca? Beh, lei dovrebbe volare basso per non ostacolare l’ascesa di Valerio, dovrebbe mettersi da parte per il bene della famiglia. Ma, in quella famiglia, nessuno conosce davvero Bianca, e le sue decisioni cambieranno per sempre il corso della loro vita. «Mamma ha scelto di non sentire, papà si è abituato a non vedere. Io, figlia muta e invisibile, per esistere ai loro occhi ho dovuto commettere il peggio che potessi fare.»(pag. 98)

Elena Mearini classe 1978 vive a Milano e conduce laboratori di scrittura  in comunità e centri di riabilitazione psichiatrica, Bianca da morire  è il suo sesto lavoro e forse il più intenso, nel quale è riuscita a colmare le distanze tra due generazioni ormai troppo lontane, entrando nella mente perversa dei nostri giovani. Questo romanzo non è solo la storia di un omicidio, è lo specchio della società moderna sempre alla ricerca di un pizzico di notorietà, perché se nessuno ci vede allora non esistiamo. In Bianca ho visto incarnati molti adolescenti di oggi, di quelli che bruciano tutte le tappe della vita senza godersi gli anni migliori, troppo occupati a rincorrere sogni illusori lanciati dai media ma che una volta raggiunti si scoprono essere semplici mulini a vento. Ma non solo: Bianca mostra come i buoni in realtà non vincano mai nulla, diventa qualcuno solo quando tradisce, mente e uccide, perché oggi solo il male si merita la prima pagina dei quotidiani. Attenzione, Bianca non è un’eroina, è tutto quello che di immorale crea la nostra società, è una ragazza che si è arresa troppo presto ed ha scelto la strada più semplice per eliminare il suo problema, passando da vittima a carnefice. Inizialmente è facile puntare il dito sui genitori, nessuno avrebbe mai resistito in una situazione familiare del genere, ma dopo che Gianluca uccide Valerio perché succube della bellezza di Bianca, di chi è la colpa?

In questo libro non esistono i buoni, ogni personaggio ha le sue colpe, perfino Valerio, questo perché vediamo la storia dagli occhi di Bianca, una bambina con i sogni infranti dalla sua stessa famiglia. Bianca è un personaggio ambiguo capace di suscitare nel lettore sentimenti contrastanti: passando dal disprezzo e dalla repulsione, fino al dispiacere e quasi alla comprensione. Ci rendiamo conto di essere tutti racchiusi in questo personaggio quando a un certo punto, per un secondo, si arriva a pensare che forse uccidere Valerio era davvero l’unica risposta a tutti i problemi. Ma il dubbio scompare in un attimo perché siamo troppo lontani da lei, perché nella sua perversione Bianca è poesia che ti lascia un vuoto dentro incolmabile.
«Non tengo più nulla per me, nemmeno un brandello si sogno, uno straccio di bugia, niente macchie né aloni, me ne vado vuota e pulita. Me ne vado bianca a morire.»

Recensione di Francesca Magni

 


Elena Mearini scrive ogni singola frase con la stessa terribile forza e la stessa fantasia visionaria di un eroe che si batta, da solo, per salvare il mondo. Raul Montanari

Un romanzo cupo e affascinante che restituisce la viva voce di un'adolescente ferita a morte nell'anima dalla ferocia di un mondo senza speranze.

Nonna diceva che somiglio a Greta Garbo. Lei vedeva le spine di una rosa nei miei capricci d’infanzia, la ruota di un pavone nelle mie giravolte sopra i sassi, le cinque punte di una stella nelle mie dita sporche di marmellata. Nata per sedurre il mondo, a cinque anni già si sbrana il cielo. Parlava così, mentre io leccavo via la costellazione delle ciliegie dai polpastrelli. Riusciva a capirmi, lei. Intuiva il seme acerbo della mia ambizione e lo annaffiava senza vederlo, certa che prima o poi sarebbe spuntato il frutto.

Bianca è una goccia di sangue sul candore delle lenzuola. La sua pelle ha il colore della luna piena, riflette luce di latte, il suo corpo è carne fresca e granitica che assoggetta ogni sguardo. Ha solo sedici anni Bianca, mentre sbatte le anche tra i banchi, mentre espone le sue curve allo sguardo famelico di ragazzini eccitati. Ha sedici anni Bianca, mentre cammina in una Milano alle soglie di Expo, città-cantiere che muove i suoi bracci meccanici per strappare il cuore a interi quartieri, per arrampicarsi verso la vertigine del cielo.
Nel quartiere di Isola vive la sua famiglia: la madre, casalinga affidata alle mani di Dio, passa le giornate a sgranare un rosario, ad abbassare gli occhi e curvare la schiena. Senza ambizioni nella vita e sogni ad alimentarla, vive all’ombra del marito e del figlio, mettendosi da parte e pretendendo lo stesso atteggiamento da Bianca. Priva dei colori del mondo, che l’assenza di sentimenti le ha portato via, vive nel coma profondo della sua coscienza, desiderando dalla figlia muta ubbidienza e un silenzioso posto di lavoro come commessa di calzature. Il padre, camionista che riempie i silenzi delle cene masticando a bocca aperta, dedica ogni suo risparmio al figlio prediletto, Valerio, aspirante calciatore. Valerio, la stella di casa. Valerio che presto avrà un posto sopra ogni copertina, in ogni schermo televisivo, il figlio promessa, orgoglio di tante fatiche, contenitore vuoto delle frustrazioni e dei sogni repressi di un padre infelice e inetto.
Bianca non ha molto spazio in questa famiglia. Il suo candore di luna si trasforma in neve di fango nel petto, l’affetto dei suoi genitori non l’ha mai scaldata perché sono sempre stati assorti a effondere i loro sguardi su Valerio, la promessa della famiglia. Nonostante l’aridità che l’ha circondata, la stima e l’amore di cui è stata privata, lei, figlia femmina, buona solo ad apparecchiare la tavola, è cresciuta con un sogno che ha messo le radici in tutto il suo corpo. Un sogno e una bestia, che è cresciuta nel suo ventre e l’ha divorata giorno dopo giorno. Bianca vuole diventare una star del cinema, vuole sublimarsi in oggetto d’invidia femminile, in carne saporita per fauci virili. Vuole salire sul palco e urlare il suo monologo a tutti quegli sguardi invidiosi e asserviti a tanto splendore:

L’ho amato fino a staccarmi le costole. Le lanciavo in aria una dopo l’altra, lui con un salto le afferrava tra i denti. Le mie ossa gli facevano da pranzo, cena e sogno. Ero felice di saperlo sazio del mio torace, pieno del mio respiro. Io, bambina con la sola voglia di darsi tutta in pasto al lupo.

La bestia, dentro il suo cuore, l’ha cresciuta, l’ha leccata e, un giorno, l’ha divorata. Non si sa se sia nata prima la bestia o prima quel corpo attraente che Bianca usa come un’arma, un mezzo di distruzione, pur di accaparrarsi ciò che le spetta di diritto: la luce della sua stella, il posto nella sua famiglia e nel mondo, al di là dello schermo. Uno schermo in cui essere ammirata, glorificata, e che mai le permetterà di morire come tutti gli altri, dentro e fuori, come sua madre.
La bestia l’ha svezzata a latte e bile, e Bianca è cresciuta masticata e rigurgitata. La bestia è la sua ambizione che l’ha portata a compiere il gesto più estremo pur di arrivare a partorire i propri sogni, le proprie frustrazioni indotte dal mondo malato che la circonda.
Fino a che punto un corpo può essere mostrato, imprestato e sezionato in una macelleria virtuale? Fino a che punto questo mondo può tormentare i nostri sogni spingendoci a vendere la nostra visibilità a prezzi stracciati? Bianca era pulita e santa e, ancora bambina, è affogata in un mondo che le ha chiesto il salario della visibilità. Ma la tenebra nel suo cuore ha finito per divorarla:

In questo mondo di buoni, se sei innocuo non esisti. Diventi poco interessante, fai tutto come si deve e non fornisci la scusa necessaria agli altri per sentirsi migliori di te. Devi sbagliare, cadere nell’errore e nel difetto, sporcarti col crimine e il peccato, così la gente ti si mette a fianco certa di vincere al paragone. Loro puliti e profumati, tu sudicio e perdente.

Elena Mearini getta Bianca nelle nostre coscienze e ci costringe a prendercene cura. Il suo candore s’impossessa di noi e ci intacca con la crudezza del suo linguaggio. La Mearini ci parla di un mondo che scorre troppo velocemente davanti ai nostri occhi, un mondo fatto di solitudini e di connessioni sociali al contempo, fatto di vetrine in cui buttiamo al macello le nostre vite, le nostre carni, le nostre esistenze ridotte a pochi caratteri. Incatenati da collegamenti inumani, non sappiamo più vivere nella solitudine perché la testimonianza della nostra esistenza deve per forza passare attraverso uno schermo. Nel delirium tremens della paura del fallimento, ci facciamo divorare dalle nostre bestie, pur di risolvere le ambizioni frustrate imposte da questa società-schermo. Fino a commettere, sempre più storditi dalla narcosi dell’egocentrismo, gesti estremi e scioccanti.
Uno scorcio di presente raccontato con la piena coscienza di una generazione nata perduta, un linguaggio che lecca i coaguli del disagio dei giovani e lo fa attraverso un’adolescente accecata dalla malvagità, vittima sacrificale a cui viene strappata l’innocenza. Come una goccia di sangue sul candore delle lenzuola.

A cura di Wuz.it

  • Elena Mearini Cover

    Elena Mearini si occupa di narrativa e poesia, conduce laboratori di scrittura in comunità e centri di riabilitazione psichiatrica. Nel 2009 esce il suo primo romanzo Trecentosessanta gradi di rabbia, (Excelsior 1881) con cui vince il premio giovani lettori “Gaia di Manici-Proietti”; nel 2011 pubblica Undicesimo comandamento (Perdisa pop) con cui vince il premio Speciale UNICAM - Università di Camerino e il premio giovani lettori “Gaia di Manici-Proietti”. Nel 2015 pubblica il romanzo A testa in giù (Morellini editore) e firma due raccolte di poesie: Dilemma di una bottiglia (Forme Libere editore) e Per silenzio e voce (Marco Saya editore). Nel 2016 esce Bianca da morire (Cairo Editore). Approfondisci
Note legali