Categorie

Giuseppe Granieri

Editore: Laterza
Edizione: 4
Anno edizione: 2009
Pagine: VIII-185 p. , Brossura
  • EAN: 9788842075646

Il blog (derivato dalla sintesi di web e log, cioè 'traccia su rete') è un programma che consente a chiunque di creare un sito dove pubblicare in totale autonomia qualsiasi testo, diario, storia, intervento, opinione, e ai lettori di interagire.
La maggior parte dei blog è destinata a un uso diaristico ma si stanno diffondendo i blog di informazione giornalistica che hanno prodotto cambiamenti sostanziali e modificato l'ecosistema dei media a partire dai rapporti tra cittadino e informazione.
In seguito alla diffusione dei blog, il ruolo della rete nella storia dei media e del loro rapporto con l'educazione, la politica e l'immaginario è cambiato. Attraverso la sua velocissima infrastruttura di comunicazione sta emergendo un nuovo modello di opinione pubblica, un network attivo che si sostituisce all'audience silenziosa.
Il volume analizza le caratteristiche e i meccanismi di questi nuovi spazi della comunicazione, con uno sguardo sempre rivolto ai casi concreti e alle prospettive di sviluppo.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    maurizio codogno

    02/05/2005 12.17.49

    Il 2004 è stato tutto un pullulare di libri sui blog, sui blogger e via discorrendo. Continuo a chiedermi da un lato se hanno un certo qual successo, e dall'altro se servono a qualcosa. In fin dei conti è anche vero che chi scrive su un blog tende a leggere più della media, e con le tirature medie italiane basta "leggersi addosso" per ottenere un discreto successo. Questo agile saggio nasce per spiegare il fenomeno da un punto di vista sociologico. Granieri è una figura molto nota nel campo, e il suo punto di vista è che la Rete permetterà una maggiore partecipazione dei cittadini alla "politica", intesa sia nel senso usuale che in quello etimologico di "scambio di informazioni e conoscenze tra le persone; il tutto favorito dai sistemi software di aggregazione di quanto noi rendiamo pubblico, che faranno sì che ognuno di noi si costruirà il proprio giornale interattivo. Il libro è scritto in uno stile che si mantiene quasi sempre scorevole, senza usare quei paroloni che danno l'aria di voler nascondere la scarsa conoscenza degli argomenti. Chi conosce il "guru" Granieri si potrà piuttosto stupire che non è stata mai usata alcuna faccina: è proprio vero che un sito web e un libro richiedono formalismi diversi. L'unica pecca che ho trovato è il tono a volte troppo trionfalistico, come se i blog fossero la Rivoluzione Totale e Definitiva invece che uno strumento utile ma non certo indispensabile. Forse però la mia è una visione prevenuta: in fin dei conti faccio già parte della Blog Generation.

  • User Icon

    Romolo Pranzetti

    01/04/2005 22.56.12

    15.000 blog nuovi al giorno l'anno scorso; forse quest'anno anche di più. Il libro ci spiega che cosa è un blog e come funziona: in che modo è la forma più matura di internet. La possibilità per ogni utente del web di avere un proprio punto di presenza, fa la differenza rispetto ai sistemi finora in uso: newsgroup, forum, e-mail, ecc. Inoltre il blog - dice ancora Granieri - inverte la sequenza letteraria cui eravamo finora abituati: esso prima pubblica e poi filtra. L'esigenza di tale filtro, ovviamente, dovrebbe portare (porta) alla scrematura della fuffa, e quindi far sì che solo la punta della piramide abbia una consistenza. Il resto è vanità! Granieri riferisce numerosi episodi per avvalorare l'incidenza dei blog anche nei confronti dei media tradizionali, che tendevano ad ignorarne la presenza. La lettura è piacevole oltre ad essere istruttiva.

Scrivi una recensione