Borrowed Finery (Text Only)

Borrowed Finery (Text Only)

Paula Fox

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 290,48 KB
  • EAN: 9780007394500

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

One of the most powerful memoirs of recent times. Shortly after Paula Fox’s birth in 1923, her hard-drinking Hollywood screenwriter father and her glamorous mother left her in a Manhattan orphanage. Rescued by her grandmother, she was passed from hand to hand, the kindness of strangers interrupted by brief and disturbing reunions with her darkly enchanting parents. In New York, Paula lives with her Spanish grandmother; in Cuba, she wanders about freely on a sugarcane plantation owned by a wealthy relative; in California she finds herself cast away on the dismal margins of Hollywood where famous actors and literary celebrities – John Wayne, Buster Keaton, Orson Welles – glitteringly appear and then fade away. A moving and unusual portrait of a life adrift. Paula Fox gives us an unforgettable appraisal of just how much – and how little – a child requires to survive.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Paula Fox Cover

    (New York 1923) scrittrice statunitense. Un’infanzia turbolenta, i trasferimenti in molti paesi e un matrimonio da giovanissima sono la sua biografia. Ha esordito negli anni ’60 con libri per bambini e ragazzi (Il gatto con un solo occhio, One-eyed cat, 1984) e romanzi, tra cui Cercando George (Poor George, 1967), emblema della passività dell’esistenza. Ma è solo negli anni ’90, grazie al sostegno di J. Franzen che l’ha eletta tra le maggiori scrittrici statunitensi, che si è affermata a livello internazionale. Il libro che l’ha segnalata è Quello che rimane (Desperate characters, 1970), racconto della rottura tra due coniugi a causa di un gatto randagio. Il malessere interiore e la fragile ipocrisia dei rapporti familiari caratterizzano... Approfondisci
Note legali