Offerta imperdibile
Salvato in 18 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Cambiare idea
7,00 €
LIBRO USATO
7,00 €
disp. immediata disp. immediata (Solo una copia)
+ 4,63 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Bibliografia Moderna
7,00 € + 4,63 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
10,26 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
18,05 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,05 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Bibliografia Moderna
7,00 € + 4,63 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
10,26 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Cambiare idea - Zadie Smith - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Zadie Smith, autrice di Denti bianchi, L’uomo autografo e Della bellezza, è una delle voci più importanti della letteratura anglofona contemporanea. Cambiare idea è stato incluso dalla rivista Time e dal Los Angeles Times nella classifica dei migliori libri di saggistica dell’anno.

Nei saggi e nei ritratti raccolti in Cambiare idea Zadie Smith rievoca la grandezza di attrici come Katharine Hepburn e Anna Magnani e riflette sulla potenza retorica di Barack Obama; scrive pagine rivelatrici sulla sua vita familiare e fornisce consigli preziosi agli aspiranti scrittori; descrive il proprio viaggio nelle bidonville della Liberia, ma anche il soggiorno a Los Angeles durante la settimana degli Oscar; analizza l’opera di maestri della letteratura come Vladimir Nabokov, Franz Kafka e David Foster Wallace. Il risultato è una ricognizione godibilissima quanto autorevole di mille aspetti del nostro panorama culturale; ma anche una sorta di diario personale in cui tocchiamo con mano la storia e la sensibilità di un’autrice di straordinario talento.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2010
3 settembre 2010
424 p., Rilegato
9788875212728

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
piera
Recensioni: 5/5

meraviglioso!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

"Quando tutto sembra diverso, è il momento di cominciare a riflettere", si legge in una delle Brevi interviste con uomini schifosi (1999) di David Foster Wallace. In questa sua prima raccolta di nonfiction, Zadie Smith sembra prendere l'invito alla lettera, dal momento che per ragioni estetiche ("l'incoerenza ideologica", scrive nella prefazione, "è, per me, un articolo di fede"), oltre che biografiche ("quando vieni pubblicata in giovane età, la tua scrittura cresce con te… e sotto gli occhi di tutti"), considera il diritto a Cambiare idea una vera regola d'arte. Dopo tre romanzi che l'hanno resa la voce più nota della sua generazione, la Smith dimostra di saperci fare anche con la teoria letteraria, i mémoires, i pubblici discorsi, le note di viaggio, le recensioni cinematografiche. Quattrocento pagine in cui l'entusiasmo di Denti bianchi (Mondadori, 2001; cfr. L'Indice, ???) è affiancato da una competenza letteraria invidiabile, sfoggiata discutendo con Vladimir Nabokov sulle regole della creatività, con Anna Magnani sui segreti della recitazione, con Barack Obama sui trucchi dei discorsi elettorali. Le raccolte di saggi assomigliano talvolta ad armadi di vestiti sciupati, soprattutto se non hanno nient'altro in comune che l'essere ancora uncollected. Non è il caso di Cambiare idea. Mentre scriveva questi pezzi, Zadie Smith stava preparando un "libro solenne e teorico sulla scrittura", che avrebbe dovuto intitolarsi "fallire meglio". Forse è stato meglio che quel progetto sia fallito, perché è proprio la svagatezza a dare invece a questi saggi il sapore dell'intelligenza al lavoro. E a delineare, nello stesso tempo, una preziosa teoria della lettura come nutrimento, vicina alle suggestioni dell'ultimo Roland Barthes. "Bisogna decidere cosa venerare", scrive in questo senso la Smith, citando ancora Wallace. John Keats, Herman Melville, George Eliot, Franz Kafka, Zora Hurston sono alcune delle possibili alternative proposte nei suoi saggi. Se in Denti bianchi la tradizione era definita come un "sinistro analgesico", ora la Smith sembra aver cambiato idea, poiché la considera il luogo ideale in cui, per usare un'espressione di Shakespeare, "infine l'anima ha spazio per respirare" (King John, V, 7, 3). È difficile dire quale sia il più bello dei pezzi di Cambiare idea. Una delicatezza soffusa illumina in particolare i brani nati da ricordi privati, come quelli sul rapporto della Smith con il padre. Ma tracce di autobiografia si potranno seguire anche nei saggi letterari, poiché ciascuno di essi finisce per mettere in scena un'ermeneutica del dialogo, in cui il significato originario dei testi vale molto meno del riconoscimento di quello che possono ancora donare oggi. Lo si vede bene nel testo su Edward Morgan Forster, per il quale la Smith nutre da sempre una sincera adorazione (tanto da aver modellato su Casa Howard il suo ultimo romanzo, Della bellezza, Mondadori, 2006: cfr. "L'Indice", 2006, n. 9). Se c'è un principio da cui, persino in questo libro, la sua scrittura non sa derogare è proprio il precetto forsteriano in base al quale tutto ciò che conta è riuscire a gettare nuovi ponti di comprensione tra mondi dell'esperienza diversi. Cambiare idea, in questo senso, significa vivere come quando leggendo si passa da una pagina all'altra, da un libro all'altro, da una biblioteca all'altra, in un indefinito affastellarsi di voci e di storie da cui lasciarsi sedurre e trasformare. Only connect. Luigi Marfè

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Zadie Smith

1975, Londra

Zadie Smith è nata a Londra nel 1975 da padre inglese e madre giamaicana. Si è laureata alla Cambridge University. A soli 23 anni ha scritto Denti bianchi, il suo primo romanzo, pubblicato in Inghilterra nel 2000 (in Italia l'anno successivo per Mondadori) e divenuto uno straordinario caso letterario capace di suscitare l'entusiastico consenso del pubblico e della critica negli oltre venti paesi in cui è stato pubblicato. Ha inoltre pubblicato L'uomo autografo (Mondadori, 2003), Della bellezza (2005), Cambiare idea (minimum fax, 2010), Perchè scrivere (minimum fax, 2011), NW (Mondadori, 2013) e L'ambasciata di Cambogia (Mondadori, 2015), Swing Time (Mondadori, 2017), Grand Union (Mondadori, 2020).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore