Cantate da camera

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Alessandro Scarlatti
Direttore: Enrico Gatti
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Tactus
Data di pubblicazione: 17 novembre 2014
  • EAN: 8007194106039

€ 10,50

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Alessandro Scarlatti nacque a Palermo il 2 maggio 1660. Nel 1678 sposò Antonia Anzalone, ebbe dieci figli, tra i quali il grande Domenico. Ancor giovanissimo, Scarlatti si impose all’attenzione dell’ambiente musicale romano con una favola pastorale, Gli equivoci del sembiante. Oltre che nel campo operistico, Scarlatti si cimentò in quello della cantata e in quello della musica sacra, cui doveva attendere per dovere di ufficio, dopo la nomina a maestro di cappella presso la chiesa di S. Gerolamo della Carità… Giovanni Bononcini nacque a Modena nel 1670. Fu allievo del padre Giovanni Maria e di G.B. Colonna. Iniziò giovanissimo la propria attività nella città natale come virtuoso di violoncello e come compositore. Dal 1692 al 1697 fu a Roma al servizio della famiglia Colonna. Nel 1697 Bononcini fu assunto alla corte asburgica e svolse le funzioni di maestro di cappella al servizio degli imperatori Leopoldo I e Giuseppe I; rimase a Vienna sino al 1713, spostandosi sporadicamente in altre città della Germania e dell’Italia.
  • Alessandro Scarlatti Cover

    Compositore.La vita. Una tradizione non convalidata da documenti vuole che sia stato allievo di Carissimi a Roma, dove si era trasferito giovanissimo con alcuni membri della famiglia. Iniziò l'attività di compositore, a quanto risulta, nel 1679 (vale a dire l'anno dopo il matrimonio, dal quale, oltre al grande Domenico, nacquero altri nove figli), facendo rappresentare a Roma la sua prima opera, Gli equivoci nel sembiante. Seguì un'attività prodigiosa e senza soste; dopo esser stato al servizio di Cristina di Svezia, nel 1684 si stabilì a Napoli come maestro di cappella reale. A Napoli fu attivo sino al 1702, producendo ben 35 melodrammi e un'infinità di brani d'occasione. Fu poi, col già più che promettente figlio Domenico, a Firenze, dove contava di entrare al servizio del granduca Ferdinando... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali