Cantate da camera a voce e basso continuo - CD Audio di Francesco Gasparini

Cantate da camera a voce e basso continuo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Francesco Gasparini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Tactus
Data di pubblicazione: 1 gennaio 2004
  • EAN: 8007194103007

€ 16,90

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Cantata sento che manca il cor - sento che manca il cor
2
Mira, deh mira
3
Se non volete farmi morire
4
Cantata queste voci dolenti - queste voci dolenti
5
Al mio pianto aure mirate
6
Oh, se il destin
7
Sareste troppo crude
8
Andate, o miei sospiri
9
Se vedete il cor d'irene
10
Ma di che mi lusingo
11
Se non v'accoglie in seno
12
Cantata nona - augellin vago e canoro
13
Pur senza mai posare l'ali
14
Io t'intendo canoro ugelletto
15
Ma del tuo duolo
16
Quanto invidio i tuoi bei voli
17
Cantata quinta - ch'io t'amo e che t'adoro
18
Sol diro' che i miei sospiri
19
Diro che se la sfera
20
Ma gia' sai
21
Dunque amero' tacendo
22
Ho un sospetto nel mio petto
23
Cantata decima - sento nel sen combattere
24
Conosco il mio periglio
25
Tiranno pensiero
26
Ah, passioni spietate
27
Placatevi o uccidetemi
28
Cantata duodecima - perdono, o luci amate
29
Gia' non parve al cuor sincero
30
Potrai sol di geloso
31
Amalo quanto puoi
32
Cantata seconda - caro laccio, dolce
33
Per te bell'idol mio
34
Lasciar d'amarti
35
Troppo vile quel core
36
Non sarebbe amor si caro
37
Cantata abbandonar fileno - abbandonar fileno
38
Vanne misero a morir
39
Quanto felice io fora
40
Restati, restati in pace
41
Se vedrai l'onde del mare
42
Cosi' piangea fileno
  • Francesco Gasparini Cover

    Compositore. Allievo di A. Corelli e B. Pasquini, fu attivo come insegnante a Roma fino al 1700, poi all'ospedale della Pietà di Venezia accanto a Vivaldi fino al 1713. In questo periodo ebbe come allievi B. Marcello, J. Quantz, D. Scarlatti. Nel 1714 fu a Firenze e nel 1717 si stabilì a Roma, maestro di cappella dapprima di S. Lorenzo in Lucina, quindi (1725) di S. Giovanni in Laterano. Compose più di 60 opere teatrali, 2 oratori, musica sacra, arie cantate (si ricorda la raccolta Cantate da camera a voce sola op. 1). Grande favore, per lungo tempo, incontrò il suo trattato L'armonico pratico al cimbalo. Regole, osservazioni ed avvertimenti per ben suonare il basso sopra il cimbalo (1708), fondamentale per comprendere la pratica del basso continuo. Approfondisci
Note legali