Canti popolari italiani vol.2 - CD Audio di Mario Del Monaco,Giuseppe Di Stefano,Beniamino Gigli,Tito Schipa,Aureliano Pertile

Canti popolari italiani vol.2

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Naxos
Data di pubblicazione: 20 luglio 2006
  • EAN: 0636943177327

€ 6,90

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Addio a Napoli, La Campana di San Giusto, Lolita...
L’età d’oro della canzone popolare e della lirica da camera italiana, in una registrazione che raccoglie le interpretazioni storiche dei più grandi tenori. (Vol.1: NAX 110768)

  • Mario Del Monaco Cover

    Tenore. Dopo il debutto a Pesaro (Cavalleria rusticana, 1939), dove aveva studiato, e a Milano in Madama Butterfly (1941), si dedicò inizialmente a ruoli lirici, passando poi a parti drammatiche dai primi anni '50. Il timbro brunito e il fraseggio stentoreo gli resero molto congeniali i ruoli di forza e arrivò presto a identificarsi col personaggio di Otello (Verdi), sostenuto in centinaia di repliche in tutto il mondo; mostrò invece minore duttilità nell'affrontare altri ruoli. Approfondisci
  • Giuseppe Di Stefano Cover

    Tenore. La voce chiara, di magnifico smalto, squisita nei pianissimi, unita a un fraseggio appassionato, gli assicurò una rapida carriera e popolarità internazionale. Inizialmente tenore lirico leggero e di mezzo carattere, affrontò poi anche ruoli di tenore lirico drammatico. Si ricordano le sue interpretazioni di Manon di Massenet, Elisir d'amore, Werther, Pescatori di perle, Bohème, Faust, Carmen, Cavalleria rusticana. Approfondisci
  • Beniamino Gigli Cover

    Tenore. Esordì nella Gioconda (1914), a Rovigo, ma fu il debutto alla Scala (1918), nel Mefistofele , a dare inizio alla sua trionfale carriera. Il colore e la compattezza di vibrazioni, la vellutata dolcezza della voce, nonché la duttilità del suono e un fraseggio ricco di abbandoni sentimentali lo imposero in tutto il mondo come uno dei maggiori tenori lirici della prima metà del secolo. Suoi «cavalli di battaglia» furono Lucia, Bohème, Tosca, Marta, Mefistofele, Andrea Chénier, Gioconda. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali