Categorie

The Captive. Scomparsa

(The Captive)

Titolo originale: The Captive
Regia: Atom Egoyan
Paese: Canada
Anno: 2014
Supporto: DVD
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,29

€ 9,99

Risparmi € 0,70 (7%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Un thriller dolente e crudele che scava costantemente la superficie delle apparenze

Trama
Sono passati otto anni da quando Cass, la bambina di Matthew e Tina Lane, è stata rapita. Da allora suo padre non ha mai smesso di cercarla. Schiacciato dal senso di colpa (di una distrazione fatale) e dal dolore della compagna, Matthew percorre ostinato le strade bianche di neve che hanno inghiottito la sua bambina. Mentre la polizia indaga, provando a infiltrarsi in una sofisticata rete di pedofili, e Tina perde la testa, sorvegliata (e provocata) dal mostro che le ha sottratto Cass, Matthew prosegue la sua personale indagine, infilando la strada battuta dall'orco.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mr Gaglia

    14/03/2016 14.28.30

    Atom Egoyan ci racconta un'altra favola nera sullo sperdi mento esistenziale. Cass, Matthew, Tina, Jeffrey e Nicole, i 2 detective assegnati all'indagine, hanno perduto il proprio orizzonte di riferimento. Prigionieri del proprio passato e dentro un paesaggio congelato, hanno ancora una chance di sopravvivere. Captive apre con Mozart e la sua Regina della Notte: il più alto e terribile momento de "Il Flauto magico" in cui una madre canta il bene strappato. Rievocata e ripresa, l'aria mozartiana è il principio musicale (e ideale) del film, che allude alla cattiveria latente della madre, ottenebrata dal dolore, che rispecchia la realtà del mostro, la coazione a ripetere di un modello cerimoniale-sacrificale, che intende i virtuosismi di follia dei protagonisti e l'intermittenza emotiva di un dramma ancora in corso. Cortocircuitando passato e presente, dolore subito e inferto, Egoyan guida i suoi personaggi verso un dolce domani e fuori da un cerchio magico che imprigiona e non dà tregua, messi in scena attraverso paesaggi di solitudine e disperazione. La presenza di strumenti di riproduzione dell'immagine, una costante nel cinema del regista canadese, alimenta la dialettica esterno/interno di un thriller dolente e crudele, che scava costantemente la superficie delle apparenze. Il regista restringe progressivamente il cerchio d'azione e degli spazi, mettendo a fuoco l'interiorità dei personaggi mentre il disegno del tempo cinematografico si frantuma con l'innesto di flashback liquidi e indistinguibili dal presente. Brani di tempo che si ricompongono un po' alla volta a delineare la storia e a interfacciare ieri e oggi. Come nei suoi film precedenti le vittime non si vedono, i bambini uccisi (di cui Cass è il volto biondo e scampato) stanno sotto la superficie, cristallizzati dentro lo schermo di un computer, inghiottiti dal ghiaccio incrinato, portati via; uccisi dentro.

  • User Icon

    tommaso

    23/02/2016 08.36.01

    film poco credibile,tradisce l'ambizione smisurata del regista la quale povero lui non è pari al talento..il meglio è Reynolds il che spiega tutto...

Scrivi una recensione
  • Produzione: Eagle Pictures, 2016
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 113 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: finale alternativo; scene inedite in lingua originale; trailers