Casa Agnelli. Storie e personaggi dell'ultima dinastia italiana

Marco Ferrante

Editore: Mondadori
Collana: Ingrandimenti
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 22 maggio 2007
Pagine: 252 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788804566731
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,45

€ 17,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

18 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 14,88

€ 17,50

Risparmi € 2,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

L'autore, giornalista economico del "Foglio", ammonisce che il suo non è un nuovo libro sulla Fiat, né l'ultima biografia di Gianni Agnelli, ma "una specie di ritratto di famiglia" che si dipana attraverso alcuni personaggi principali. E la figura dell'Avvocato, il cui ruolo, di patriarca della famiglia più ancora che di guida dell'azienda, fa inevitabilmente da filo conduttore della narrazione. Le idiosincrasie personali note alle cronache mondane come le controverse attitudini imprenditoriali di Giovanni Agnelli II, su cui gli storici si sono interrogati anche in tempi recenti, vengono ricostruite in undici quadri che si alternano ad altrettanti medaglioni sui molti rami famigliari – i cui alberi genealogici occupano venti pagine – attraverso cui la dinastia si è andata evolvendo. Le ragioni per cui Casa Agnelli sia l'unica a sopravvivere, nonostante crisi cicliche di varia natura, rimangono in parte sullo sfondo, mentre in primo piano emergono gli intrecci familiari che si svolgono intorno alla figura del monarca regnante. Ciò non impedisce, per la fortuna del lettore non troppo avvezzo agli umori un po' da rotocalco, che si affrontino anche i nodi essenziali nella storia di un'impresa che nei tempi d'oro rappresentava il 10 per cento del nostro Pil e che ancora oggi occupa uno spazio, pur non essendo più "uno stato nello stato" come in passato, di tutto rilievo nell'economia italiana: ossia l'intreccio, a volte solidale a volte conflittuale, tra capitalismo di stato e capitalismo di mercato; il rapporto, centrale nella storia della più grande industria automobilistica nazionale, tra proprietà e management, il nesso tra impresa e politica messo a nudo da Tangentopoli, alla cui tempesta l'azienda scampò miracolosamente, ma al prezzo della rottura tra Agnelli e Romiti.
  Nino De Amicis