La casa di bambù

House of Bamboo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: House of Bamboo
Regia: Samuel Fuller
Paese: Stati Uniti
Anno: 1955
Supporto: DVD
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 11,89 €)

In Giappone, un poliziotto americano si fa passare per un gangster al fine di entrare nella banda di un criminale, grazie anche all'aiuto della vedova di uno dei membri. Rifacimento di "La strada senza nome" 1948.
  • Produzione: A & R Productions, 2013
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 102 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo);Francese (Dolby Digital 2.0 - stereo);Spagnolo (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area0
  • Contenuti: trailers
  • Samuel Fuller Cover

    Propr. S. Michael F., regista statunitense. I suoi anni giovanili sembrano materiale ideale per un film: vagabondo per le strade d'America, reporter di cronaca nera dallo stile incisivo, soldato in Nordafrica e in Europa durante il secondo conflitto mondiale. Esordisce nella regia solo nel 1949 con Ho ucciso Jesse il bandito (1949), western atipico, percorso da fremiti omoerotici, che lascia il pubblico sconcertato. Con Corea in fiamme (1950) e I figli della gloria (1951) affronta il genere bellico senza ipocrisie e timidezze, mostrando la guerra in tutta la sua illogica violenza. Che si cimenti con un film di guerra o un poliziesco, F. – quasi sempre autore delle proprie sceneggiature – si mantiene fedele all'idea del set come un campo di battaglia, aggredendolo con uno stile energico e audace,... Approfondisci
  • Robert Ryan Cover

    Attore statunitense. Campione di box al college, dopo una serie di occupazioni provvisorie frequenta a Hollywood il Max Reinhardt Theatrical Workshop. Esordisce (1940) conquistando ruoli di supporto nel cinema d'azione (Giubbe rosse, 1940, di C.B. DeMille) e nel dramma (Tragico Orien­te, 1943, di E. Dmytryk) per la rko, cui alterna una fortunata attività teatrale. Nel dopoguerra la sua asciutta durezza, nel volto scavato e nevrotico, lo rende interprete ideale di personaggi ruvidamente positivi o più spesso ambigui malvagi sul filo della legalità. Il razzista violento di Odio implacabile (1947) di E. Dmytryk gli vale una nomination, mentre i suoi personaggi continuano a esprimere psicologie paranoiche (Atto di violenza, 1948, di F. Zinnemann) o sadiche (Presi nella morsa, 1949, di M. Ophüls)... Approfondisci
  • Robert Stack Cover

    "Nome d'arte di R. Langford Modini, attore statunitense. Scritturato nel 1939 dalla Universal, nel suo film d'esordio (Il primo bacio di H.?Koster) viene segnalato come il primo attore ad aver baciato D. Durbin. Il ruolo del giovane bello, atletico e romantico caratterizza gli inizi della sua carriera (per es. il giovane aviatore innamorato in Vogliamo vivere!, 1942, di E. Lubitsch) e il primo decennio del dopoguerra con i melodrammi di D. Sirk (Come le foglie al vento, 1956; Il trapezio della vita, 1958) e, in una cornice diversa, il film sulla corrida di B. Boetticher L'amante del torero (1951), con l'unica eccezione dell'ambivalente protagonista del western d'atmosfera di J. Tourneur L'alba del gran giorno (1956). Dopo essere stato Elliott Ness nella celebre serie televisiva Gli intoccabili... Approfondisci
Note legali