Categorie

Antonio Monda

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2014
Pagine: 138 p. , Brossura
  • EAN: 9788804634843

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    mary

    19/06/2014 12.25.40

    Purtroppo non è un gran che, lo finisci solo perché è corto e scritto in grande. Peccato. P.s.:non capisco cosa serva scrivere una recensione copiando "la quarta di copertina" del libro, boh...

  • User Icon

    sara

    27/04/2014 19.31.58

    Una telefonata per rivivere un passato quasi dimenticato, una giornata per rimettere in discussione un'intera vita, una notte per rimpiangere le proprie decisioni e rinunce, un nuovo giorno per ringraziare del viaggio trascorso. Un romanzo meraviglioso che in poche pagine obbliga la nostra protagonista ad interrogarsi sul mistero della vita di ogni essere umano: le nostre scelte ci hanno condotto alla felicità o viviamo nel rimpianto di una vita che non potrà mai essere?

  • User Icon

    Fabrizio

    01/04/2014 14.48.00

    "La casa sulla roccia", romanzo imperdibile di Antonio Monda (Mondadori), ossia una spremuta di emozioni e di sensazioni inarrestabili. Festa dell'anno a New York per il settantesimo compleanno di Warren, padre di tre figli e marito da trentotto anni di Beth Barron, che riceve una telefonata proprio quel giorno. La voce che sente dall'altro lato del filo la turba e la travolge, vinta da ricordi risalenti ad anni prima della celebrazione delle nozze. Le rimembranze vanno a Luis che diceva sempre "grazie", a quando lei era Elizabeth Dempsey, Liz per tutti e la gazzella per Luis. Ma la casa , la famiglia, lei, il marito, le due figlie e il figlio, sono costruiti sulla roccia: "Non so se sono stata una brava moglie, così dicono tutti a cominciare da Warren, né se sono stata una buona madre, ma quando sulla nostra casa è scesa la pioggia, sono straripati i fiumi, hanno soffiato i venti con tutta la loro forza, la casa non è mai caduta, perché è fondata sulla roccia. E' un passo del Vangelo che conosco a memoria, e lo tengo per me.". E' tempo di scelte per Liz, ma la casa è costruita sulla roccia e sull'oggi, oggi che è fatto anche di quei trentotto anni e sul futuro, un futuro impalpabile, incerto e schivo, ma che è fatto anche da quei trentotto anni con Warren, Caroline, Julie e Richard: "Mi sono chiesta cosa sappiamo degli altri, e mai sapremo cosa voglia il nostro cuore. Cosa significhi sentirsi padroni della nostra vita, e se lo saremo mai davvero. Cosa pensiamo ogni volta che scegliamo qualche cosa, e se mai capiremo cos'è giusto e cos'è sbagliato. Ammesso che abbia qualche importanza, di fronte all'indifferenza del tempo e alla nostra illusione di sconfiggerla??Ho visto spegnersi le luci a una a una, mentre il sole tornava a illuminarci tutti. La parola che è uscita dalla mie labbra è stata "grazie". Fabrizio Giulimondi

Scrivi una recensione