La cavalcata dei morti - Fred Vargas - copertina
Salvato in 41 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La cavalcata dei morti
11,00 €
;
LIBRO USATO
Dettagli Mostra info
La cavalcata dei morti Venditore: Binario nove e 3/4 + 4,90 € Spese di spedizione Solo una copia disponibile
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Binario nove e 3/4
11,00 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
IL PAPIRO
9,50 € + 7,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Binario nove e 3/4
11,00 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
IL PAPIRO
9,50 € + 7,00 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Nome prodotto
11,88 €
Chiudi
La cavalcata dei morti - Fred Vargas - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio che sembra scaturire dal medioevo. C'è un cadavere, sul sentiero dove da mille anni i prescelti vedono passare la Schiera furiosa. Ovvero la cavalcata dei morti, che trascinano con sé anche i vivi condannati a morire per i loro peccati. La giovane, luminosa Lina ha visto la Schiera. È solo una visionaria, o le foreste normanne celano segreti più spaventosi di una antica, cupa credenza?
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2011
428 p., Brossura
9788806209759

Valutazioni e recensioni

3,94/5
Recensioni: 4/5
(50)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(20)
4
(17)
3
(5)
2
(6)
1
(2)
Floriano
Recensioni: 4/5

Interessante settimo romanzo del commissario Un po' contorto nell esposizione finale e nel raggiungimento dell obiettivo, ma estremamente godibile

Leggi di più Leggi di meno
manzoroma
Recensioni: 1/5

Se descrivessi la mia stanza al buio farei meglio. Autrice oltremodo sopravvalutata.

Leggi di più Leggi di meno
Cooper
Recensioni: 4/5

Fred Vargas in grande spolvero. Trama molto interessante, la vicenda è ambientata in luoghi quasi magici. Il commissario Adamsberg è sicuramente uno dei personaggi piu simpatici della letteratura moderna . Giudizio piu che positivo.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,94/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(20)
4
(17)
3
(5)
2
(6)
1
(2)

La recensione di IBS

“Durante le mie ricerche sul Medioevo”, - spiega Fred Vargas – “mi sono imbattuta nella leggenda della ‘Schiera furiosa’, un gruppo di cavalieri spettrali che di tanto in tanto tornava in terra per punire con la morte i responsabili di delitti mai scoperti e quindi impuniti. Questi mostri che combattono a modo loro l'ingiustizia mi sono sembrati subito un ottimo punto di partenza per un romanzo noir”.

Ecco spiegato il motivo per cui il commissario Adamsberg, il personaggio forse più noto della giallista francese, sia costretto ancora una volta a lasciare la sua Parigi per un’ambientazione leggermente più gotica, la Normandia. Non che ne avesse tanta voglia, ne siamo certi. Il commissario sognatore è, insieme a Maigret, a Montalbano e a pochi altri, uno di quei commissari che si ritrovano in mezzo alle azioni senza avere nessun ruolo veramente propulsivo nella vicenda. Lui preferisce passeggiare e meditare, in attesa dell’intuizione che lo condurrà alla verità. Una fiducia ben riposta, non c’è che dire, dal momento che proprio le numerose inchieste di Adamsberg hanno portato alla ribalta internazionale i romanzi di Fred Vargas.
Per comprendere il segreto di un successo giunto tardivamente - il primo romanzo pubblicato in Italia nel 2000 Io sono il tenebroso arriva dopo che l’autrice ha già pubblicato in Francia altri sette romanzi – è sicuramente il passaparola dei lettori, che hanno trovato nello stile elegante della sua scrittura, nel suo modo di canzonare i suoi personaggi senza prenderli - e prendersi - troppo sul serio e nella sua abilità di intrecciare trame a volte complicatissime, la chiave vincente. Quelli di Fred Vargas in effetti sono romanzi noir un po’ alternativi, sia che si tratti della sua prima serie, quella che ha per protagonisti tre giovani storici, sia che si tratti delle inchieste di Adamsberg, quelli che solitamente vengono considerati i canoni tipici del genere vengono puntualmente sovvertiti.
Con uno stile particolarissimo, anche per via della tendenza a inglobare nella narrazione uno stuolo di personaggi vivacissimi e reali, dalla poliziotta bulimica al poeta, dallo zoologo al genio incompreso, Fred Vargas ci trascina ancora una volta in una trama poliziesca ai limiti della verosimiglianza, attraverso una spericolata incursione nel mondo delle leggende medioevali.
A distanza di tre anni dall’ultimo romanzo, Un luogo incerto, un giallo che virava nelle atmosfere horror grazie all’ingresso in scena di un vampiro serbo, Fred Vargas ritorna nei boschi della Normandia, già scenario di Nei boschi eterni, dove spettri e armate tenebrose sono pronte a sconvolgere la vita tranquilla degli abitanti del luogo. È proprio una di loro, una vecchia villica scontrosa, come nella migliore tradizione francese, a interpellare Jean-Baptiste Adamsberg, diventato ormai leggendario anche tra la gente dei boschi normanni, per portarlo sulle tracce dell’armata furiosa, La cavalcata dei morti.
Difficile credere che una vecchia leggenda popolare, quella di un esercito di morti che trova e rapisce le anime impunite di chi si è macchiato di atroci delitti, abbia qualcosa a che vedere con un omicidio molto concreto e terreno, come quello di un vecchio magnate della finanza e dell’industria che viene trovato morto nella sua auto. Eppure sarà una brillante intuizione di Adamsberg a farci trovare il bandolo della matassa e a collegare due casi che apparentemente non hanno nulla in comune. Alta finanza e leggende medioevali… che sia una questione di credulità?

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Fred Vargas

1957, Parigi

Fred Vargas è lo pseudonimo che la scrittrice francese Frédérique Audouin-Rouzeau ha deciso di adottare in omaggio alla sorella gemella Jo, una pittrice che nelle sue opere si firma appunto Vargas (Vargas è il cognome del personaggio interpretato da Ava Gardner nel film La contessa scalza). È figlia di una chimica e di uno scrittore surrealista. È ricercatrice di archeozoologia presso il Centro nazionale francese per le ricerche scientifiche (Cnrs), ed è specializzata in medievistica. Per cinque anni ha lavorato sui meccanismi di trasmissione della peste dagli animali all'uomo. Scrive ogni suo romanzo in ventuno giorni, durante il periodo di vacanza che si concede ogni anno. Rivede poi il testo per tre o quattro mesi, con il suo editor privilegiato:...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore