I cerchi nell'acqua - Alessandro Robecchi - ebook

I cerchi nell'acqua

Alessandro Robecchi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 982,79 KB
Pagine della versione a stampa: 416 p.
  • EAN: 9788838940668

nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Salvato in 35 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Carella si è messo a caccia. Da solo, senza dirlo a nessuno. Ferie arretrate, un po’ di soldi da parte, una vecchia faccenda da sistemare. E anche il Ghezzi è alle prese con un’indagine che lo riporta agli inizi della sua carriera. Due storie parallele, due storiacce di guardie e di ladri, due storie nere, anzi nerissime. È la Milano di Alessandro Robecchi, la capitale morale, l’epicentro dei Tempi nuovi, la città di Carlo Monterossi. E quelle due storie sono un romanzo di ossessione e riscatto, di giustizia solitaria e vendetta. Con il passato che sempre incombe, e si allarga ad avvolgere il presente, come i cerchi nell’acqua dopo una sassata.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,67
di 5
Totale 6
5
4
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giorgio g

    08/04/2020 13:16:58

    Ghezzi cerca un certo Salina, esperto scassinatore, che è sparito lasciando un sinistro messaggio alla sua donna, mentre Carella, ufficialmente in ferie, è stato visto spendere e spandere in locali non troppo perbene, e girare con una Maserati fiammante. Ci sono anche qualche sprazzo di umorismo, come nella frase: “un’Alfa dei Caramba che ferma qualcuno per far vedere ai bravi cittadini che controllano il territorio” e ci sono Carlo Monterossi e la domestica moldava. E poi c’è Vinciguerra. Insomma ci sono i personaggi delle storie di Alessandro Robecchi. C’è anche una piccola incongruenza: “questa attesa snervante è durata molte ore, magari di più”. Cosa avrebbe voluto dire? Comunque un giallo abbastanza interessante.

  • User Icon

    Marcello

    01/04/2020 12:14:05

    Noir stupendo, il migliore di Robecchi; coinvolgente, malinconico, ironico, specchio fedele dei tempi che viviamo, più di un libro di sociologia. E alla fine la tristezza che viene dalla consapevolezza che viviamo purtroppo in una società ormai allo sbando. Bravissimo.

  • User Icon

    Marcello

    28/03/2020 11:11:43

    Bel romanzo giallo scritto benissimo. Una pagina tira l'altra, come le ciliege. Ho scoperto tardi Alessandro Robecchi e nelle prossime settimane mi impegnerò a colmare la grave distrazione. Aggiungete un paio di stelle al massimodei voti previsto. Buona lettura a tutti

  • User Icon

    Daniele

    24/03/2020 16:51:23

    Forse anche più bello dei precedenti

  • User Icon

    n.d.

    20/03/2020 10:25:43

    Sicuramente da leggere, davvero un bel giallo, non annoia e riesce a prendere senza problemi.

  • User Icon

    Fabio

    19/03/2020 12:44:34

    Questo Autore è fortemente sottovalutato,perchè scrive storie molto belle,umane e originali,ambientate a Milano e nel suo Hinterland. Qui a mio pare dà il meglio di se,con personaggi vitali e credibili da hard boiled school,trama coinvolgente,atmosfere intense,dialoghi efficaci.Sicuramente da leggere,l'amarezza della storia stemperata dall'ironia.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Alessandro Robecchi Cover

    Alessandro Robecchi scrive per vari giornali, per la tivù e per il teatro. È stato editorialista di «Il manifesto» e una delle firme di «Cuore». È tra gli autori degli spettacoli di Maurizio Crozza. È stato critico musicale per «L’Unità» e per «Il Mucchio Selvaggio». In radio è stato direttore dei programmi di Radio Popolare, firmando per cinque anni la striscia satirica Piovono pietre (Premio Viareggio per la satira politica 2001). Ha fondato e diretto il mensile gratuito «Urban». Attualmente scrive su «Il Fatto Quotidiano», «Pagina99» e «Micromega». Ha scritto: Manu Chao, musica y libertad (Sperling & Kupfer, 2001) tradotto in cinque lingue,... Approfondisci
Note legali