Categorie

Lorenzo Licalzi

Collana: Narrativa
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 194 p. , Brossura
  • EAN: 9788817011495

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Eva

    28/12/2015 14.56.03

    Ironico,gentile,intelligente,vero,interessante leggetelo!!!!!

  • User Icon

    martinorg

    18/01/2015 21.36.39

    difficilmente do il massimo dei voti a libri che non siano i classici,ma questo,cosa ti aspetti da me,è davvero bello.da leggere assolutamente,per essere piu' consapevoli di quello che poi fa parte della nostra vita.

  • User Icon

    songia

    30/05/2014 13.30.31

    Un libro che mi ha emozionato. Arriva al cuore e tratta con delicatezza, sensibilità' ed ironia il tema dell'invecchiare. Argomento non molto popolare nei libri e anche per questo Che cosa ti aspetti da me merita di essere letto.

  • User Icon

    Francesco

    09/04/2014 20.50.22

    E' la storia di un fisico nucleare, ormai anziano, solo e colpito da ictus. E' la storia di un uomo che non spera più nella vita, che la rifiuta, e, sprezzante, la guarda "da fuori". E' una storia densa, commovente, coinvolgente, drammatica, ironica, acida, rabbiosa, eppure dolce perché c'è Elena. Ed Elena insegna, mitiga, modifica, ama. E "L'amore non è un sentimento a consumo, non si esaurisce mai, ne abbiamo riserve infinite. La vera difficoltà sta nello scoprirle, nell'oltrepassare il confine profondo tracciato dall'individualismo, dall'indifferenza, dall'egoismo, dal narcisismo, dalla paura, dall'attaccamento alle cose, dall'orgoglio, dall'odio, dalla vita stessa." Ed è tutta una poesia, sollievo per lo spirito.

  • User Icon

    Daniela

    22/01/2014 13.35.40

    Leggendolo mi sono divertita ed emozionata, il racconto offre interessanti spunti di riflessione, su quella stagione della vita, considerata ormai dai più, con distacco, superiorità ed un pizzico di "disprezzo". Lo consiglio!

  • User Icon

    Cristiana

    06/09/2013 08.03.33

    Che melensagine..., forse non scritto malissimo ma non mi è piaciuto questo ennesimo racconto della vecchiaia fatto da una persona probabilmente ancora troppo giovane.

  • User Icon

    federica

    30/05/2013 10.41.49

    Bel librino, si legge in poco tempo, scorre bene perché non c'è una frase di troppo (cosa rara) e soprattutto affronta con spirito ed onestà un argomento poco commerciale ma volendo fecondo di riflessioni: la vecchiaia, raccontata da dentro l'ospizio.

  • User Icon

    cristina

    21/05/2013 11.36.06

    Questo romanzo mi ha sorpreso, mi è capitato tra le mani per puro caso e non avrei creduto fosse così simpatico. Poi ho controllato la sua data di pubblicazione e credo di poter affermare che sia precedente al romanzo da cui è stato poi tratto il film di successo "Quasi amici", con cui ha alcuni punti di contatto. Completamente fuorviante la copertina del libro, secondo me, infatti se lo avessi visto sugli scaffali di una libreria non l'avrei mai preso in mano per leggerne il risvolto!

  • User Icon

    Dani M.

    12/03/2013 15.22.45

    Mi ha appasionato molto. La lettura è semplice e scorrevole, la storia è toccante. Non sono mancati momenti di commozione e risate. Lo consiglio vivamente.

  • User Icon

    Silvia M.

    16/01/2013 10.39.28

    un capolavoro della narrativa italiana contemporanea che ha toccato il cuore di tutti coloro a cui l'ho regalato o a cui ho consigliato di leggerlo. Bellissimo!!!!!!

  • User Icon

    francesca

    31/08/2011 16.43.35

    io mi occupo di formazione agli infermieri: consiglierò questo libro agli studenti, perchè ti porta dal punto di vista dell'anziano nell'ospizio, e ti fa capire come si sta dall'altra parte...veramente arricchente, dal punto di vista umano e professionale

  • User Icon

    DONATELLA.64

    17/11/2010 16.04.43

    Un libro che porta ad una riflessione: ti sbatte in facccia,con una disarmante sincerita',un aspetto della vita al quale noi pensiamo spesso,con superficialita', come una soluzione. Assolutamente da leggere.

  • User Icon

    diego

    14/10/2010 09.35.43

    La prima metà del libro è davvero amara. Sicuramente fotografa la realtà dei fatti...ma l'ho trovata molto dura. Dolcissima la seconda parte. Scrittura lineare e pulita.

  • User Icon

    Manu

    06/09/2010 09.13.06

    Sublime!

  • User Icon

    laura

    01/09/2010 21.45.54

    ho riso e pianto assieme dursnte la lettura, e non mi era mai capitato finora! l'ho persino riletto una volta messo giù e lo tengo in bella vista per riprenderlo ogni tanto! bello davvero!

  • User Icon

    Alberto

    20/07/2010 14.51.30

    "Un prete una volta mi ha detto che la sofferenza ha un valore che noi non possiamo razionalmente afferrare, che esiste un beneficio assicurato dal dolore grazie al quale a tutti coloro che hanno veramente sofferto nella vita sarà concesso un posto privilegiato nella auspicata eternità, una maggiore vicinanza alla Pienezza Divina. E allora? Anche se fosse così? Almeno fatemi scegliere!, perchè io avrei preferito soffrire un po' meno su questa Terra e poi trastullarmi con una eternità un po' meno beata."

  • User Icon

    Frenz

    19/07/2010 09.09.40

    Primo libro di Licalzi che leggo. Letto in 4 ore. Ho pianto e riso di cuore. Bellissimo e toccante.

  • User Icon

    Larissa

    22/05/2010 18.39.01

    Come spesso mi accade anche con Licalzi la conoscenza è partita al contrario. Ho letto prima "La vita che volevo" e poi "Io no" e mi sono piaciuti tanto. Così sono andata avanti con "Il privilegio di essere un guru" e "Vorrei che fosse lei" e mi sono così divertita che davvero sono entrata un po' in crisi quando di lui non avevo più niente da leggere. Ho scoperto più avanti questo piccolo miracolo (Che cosa ti aspetti da me?) e l'ho trovato incantevole. Non c'è e dico davvero nessun passaggio banale, scontato. Non c'è una sola parola inutile. È tutto così misuratamente giusto che Licalzi con questo libro ha fatto centro. È una grande storia d'amore e di realtà. È un ritratto impeccabile del mondo dell'anziano e delle sue contorte sfaccettature, è un insieme perfetto di riso, pianto e tanta presa di coscienza.

  • User Icon

    fraggg

    22/04/2010 13.10.41

    bellissimo! un libro che ti rimane dentro anche dopo..

  • User Icon

    raffaele

    10/11/2009 09.07.06

    "ogni notte muore quello che siamo stati ieri e ogni mattina nasce ciò che saremo oggi": la vita è questa. bravo lorenzo....

Vedi tutte le 39 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione