Categorie

David Grossman

Traduttore: A. Shomroni
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
Pagine: 336 p. , Brossura
  • EAN: 9788804588191

In un gruppo di persone, un uomo vede una donna sconosciuta che con un gesto quasi impercettibile sembra volersi isolare dagli altri. Commosso, Yair le scrive, proponendole un rapporto profondo, aperto, libero da qualsiasi vincolo, ma esclusivamente epistolare. Più che una proposta è un'implorazione e Myriam ne resta colpita, forse sedotta. Un mondo privato si crea così fra loro, ognuno dei due offre all'altro ciò che mai avrebbe osato dare ad alcuno, e in questo processo di svelamento Yair e Myriam scoprono l'importanza dell'immaginazione nei rapporti umani e la sensualità che si nasconde nelle parole. Finché Yair si rende conto che le lettere di quella donna stanno aprendo un varco dentro di lui, gli chiedono con imperiosa delicatezza una svolta nella sua vita interiore. Il risultato è un romanzo avvolgente e "impudico" che ci mostra quanta strada bisogna percorrere per vincere la paura e arrivare a toccare liberamente, con pienezza, l'anima (e il corpo) di un altro essere umano.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    claudia

    29/07/2016 13.50.56

    Confesso con rammarico che anche io mi sono fermata dopo le prime venti pagine...non ce la facevo piu... ripetitivo..un po' paranoico...letto ai tempi di internet e dei social totalmente anacronistico e non credibile...

  • User Icon

    Edith

    27/04/2016 18.17.05

    Sono arrivata a questo libro avendo sentito i pareri ottimi di varie persone. Per me, al contrario, è stato un supplizio. Confesso che ho saltato varie parti e, a sorpresa, quando riprendevo non era cambiato nulla! Si salva solo la parte dove scrive lei. Ma non mi pare sufficiente.

  • User Icon

    Irene

    19/07/2015 22.57.40

    Ho letto questo libro qualche anno fà e l'ho trovato molto intenso ed emozionante. Mi capita spesso tutt'ora di aprire delle pagine a caso e rileggere alcuni passi. Alcune parti bisogna leggerle più volte per via del tipo di scrittura non semplice, però a parte questo penso sia un libro che meriti davvero di essere letto. Grande Grossman!

  • User Icon

    Silvia

    31/01/2015 14.43.31

    Leggendo le recensioni precedenti, pare che questo libro divida completamente i lettori: c'è chi lo ama profondamente e chi non riesce ad apprezzarlo per nulla. Purtroppo faccio parte di questa seconda schiera di lettori: benchè Grossman scriva molto bene e sia capace, nelle varie lettere, di lanciare spunti e riflessioni interessanti sull'animo umano, non può bastare questo per costruire un romanzo degno di questo nome. Una storia (?) lenta, noiosa e a tratti davvero fastidiosa nel suo essere così assurdamente improbabile: due sconosciuti che si auto-affliggono scrivendosi lettere che sono piuttosto dei flussi di coscienza, a volte sconfinando nella psicosi. Concludo dicendo che sono riuscita a leggere solo la prima decina di pagine: avrei cercato di approfondire anche oltre il libro, ma scorrendo le pagine e rendendomi conto che per 300 pagine il tenore era sempre lo stesso, ho desistito con un vago senso di irritazione.

  • User Icon

    silvia

    22/07/2014 13.19.03

    Amo questo libro,l'ho letto due anni fa ma spesso ci ritorno leggendo alcune pagine. Penso sia difficile da interpretare, bisogna leggerlo più volte, si troverà sempre una nuova interpretazione.. Penso sia una cosa meravigliosa questo rapporto tra lui e lei, ed il libro diviso in due parti è favoloso. DA LEGGERE se si è appassionati di scrittori che compongono metafore strane ma profonde.

  • User Icon

    NORMA

    13/02/2014 17.40.44

    Benchè sia un'idea esplosiva la comunicazione tra i due personaggi appare priva di ardimento e di fatti concreti. Mi sarei aspettata una lama di un coltello ed, invece, il libro risulta pedante, celebrale e privo di eventi significativi. La lama di un coltello è una metafora che ha a che fare con l'animo ma anche con il corpo; un coltello pungola o pugnala, taglia e viviseziona ma, purtroppo, lo scambio epistolare è troppo insipido e freddo e non arriva al cuore.

  • User Icon

    il franco tiratore

    11/11/2013 15.39.36

    Potenzialmente è un bel libro. Bello spunto, l'idea di una passione epistolare che si alimenta proprio dalla mancanza di fisicità e quindi cresce nella mente, come in un amore ideale. Purtroppo, ho ritrovato anche in questo caso come in "Qualcuno con cui correre", che lo stile di Grossman è abbastanza pesante e lento, a tratti noioso e poco logico; ciò non toglie niente a questo bellissimo libro. Contiene alcune frasi davvero stupende, rare ed uniche che colpiscono nel profondo e fanno riflettere; se non fosse per la mia mania di curare i libri in modo impeccabile questo romanzo epistolare sarebbe pieno di sottolineature.. Sicuramente lo apprezzerò molto di più in una seconda lettura.

  • User Icon

    NIK91

    18/10/2013 19.48.05

    A me personalmente questo libro è piaciuto tantissimo, cosi profondo e introspettivo, ci sono delle frasi che ti toccano il cuore...in più parti mi sono sentita così vicina al protagonista... bello ...

  • User Icon

    Manuela

    11/07/2013 21.08.20

    E' un libro noioso, che procede a fatica e la storia ha davvero poco senso. Non mi è piaciuto per niente e non lo consiglio.

  • User Icon

    Mark Child

    21/04/2013 21.15.46

    Un romanzo, credo, per definirsi tale debba avere come minimo una trama, dei personaggi, un tempo ed un luogo. Una scrittura impeccabile non può sopperire alla mancanza di tutto questo. Mi dispiace, bocciato (ed interrotto a poco meno di metà dopo avere sbirciato le pagine avanti e constatato che rimaneva per tutta la durata sullo stesso registro).

  • User Icon

    fra

    20/01/2013 00.57.45

    Un libro che rimane dentro e che tocca tutte le corde dell'anima. stupendo

  • User Icon

    Beatrice

    24/11/2012 22.51.59

    Ho intrapreso la lettura di questo romanzo do aver letto positive recensioni in Internet, ma ne sono rimasta profondamente delusa. Il protagonista appare come uno squilibrato, ossessivo e pedante. Il romanzo invece non segue una vera e propria trama, ma è composto da lettere scritte dai due amanti, che fungono da tramite nel raccontare la storia dei due. Una storia tormentata, di cui non si comprende bene il senso, se non quello di rappresentare un'ossessione nella mente del protagonista maschile. Noioso, inconcludente, a tratti squallido. Forse sono io che non sono riuscita a capire nel profondo questo romanzo, o che non gli ho dedicato abbastanza spazio e riflessione..

  • User Icon

    Valentina

    17/11/2012 07.09.12

    pesante, logorroico, improbabile. un tormento mentale senza fine.

  • User Icon

    Annalisa

    21/10/2012 21.38.43

    Un libro difficile, lento ma inesorabile. Un libro che arriva nel profondo del nostro essere...un libro davvero difficile da dimenticare...la pregnanza nei termini rende impegnativa la lettura, spesso si sente il bisogno di una pausa per respirare e per riflettere su quanto appena letto, ma e' anche un libro che restera' nel cuore. Meraviglioso

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione