Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chi sono i nemici della scienza? Riflessioni su un disastro educativo e culturale e documenti di malascienza - Giorgio Israel - copertina

Chi sono i nemici della scienza? Riflessioni su un disastro educativo e culturale e documenti di malascienza

Giorgio Israel

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Lindau
Collana: I Draghi
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 1 gennaio 2008
Pagine: 352 p., Brossura
  • EAN: 9788871807232
Salvato in 21 liste dei desideri

€ 22,80

€ 24,00
(-5%)

Punti Premium: 23

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Chi sono i nemici della scienza? Riflessioni su un disastro ...

Giorgio Israel

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Chi sono i nemici della scienza? Riflessioni su un disastro educativo e culturale e documenti di malascienza

Giorgio Israel

€ 24,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Chi sono i nemici della scienza? Riflessioni su un disastro educativo e culturale e documenti di malascienza

Giorgio Israel

€ 24,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 22,80 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Molti in Italia lamentano una crescente ostilità nei confronti della scienza. Il modo di curare questa situazione consisterebbe nel propinare una overdose di informazione scientifica sui giornali e in televisione. In realtà, secondo Israel, questa soluzione è parte del malessere di cui soffre oggi la scienza, ridotta sempre più a mera tecnica e a spettacolo, un malessere che affonda le radici nel più ampio dissesto della scuola italiana, che ha rigettato l'idea fondamentale per cui l'istruzione è soprattutto un processo educativo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,67
di 5
Totale 6
5
3
4
1
3
0
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    un'occasione persa

    18/08/2020 07:44:47

    Un libro estremamente deludente, l’autore, con evidenti condizionamenti ideologici di tipo religioso e politico, individua i principali nemici della scienza negli insegnanti, politici e giornalisti, non parla minimamente di tante altre categorie in primis degli ambientalisti o di tutti quegli scienziati che si vendono al miglior offerente o alla politica. Inoltre cita solo gli scienziati che confermano le sue idee, mentre tutti gli altri sono definiti cialtroni, cretini, imbecilli, stupidi, a seconda dei casi e le loro idee ridicolizzate con battutine infantili e banali, invece che con valide tesi scientifiche. Il nome dello scienziato viene spesso accompagnato dal suo credo religioso, non si capisce a che scopo. Stranamente l’autore ammette che nella scienza possa entrare dio, il trascendente e la filosofia, ma non l’astrologia, ad es., molti filosofi del passato erano anche astrologi. Insomma un libro che si può anche evitare di leggere, non porta alcun beneficio al lettore o alla sua cultura.

  • User Icon

    Alessandro

    23/05/2013 07:53:54

    Ieri il Senato ha approvato alla unanimità una legge che vieta gli OGM in Italia, anche la sperimentazione. Oltre a questo nel Bel Paese abbiamo progettato centrali nucleari a sicurezza intrinseca, il cosiddetto Rubbiatrone, ma è vietato realizzarne un prototipo. E l'autore si crede veramente che i nemici della scienza siano i fantomatici scientisti? Erano più credibili i Rosacrociani o i Templari di Dan Brown, se cerca nemici veri vada in parlamento e dia una occhiata tutto attorno, politici ignoranti e senza scrupoli votati da cittadini ignoranti che vogliono solo che il sistema scolastico non metta in imbarazzo i loro figli, ignoranti anche più di loro, bocciandoli ai test Invalsi. Li mi trovo d'accordo con Israel, sulla ipotetica cura a base di merito ed eccellenza che ha però le stesse probabilità degli OGM o del nucleare di essere usata in Italia. Per chiudere Le radici d'Europa? in una parola Euclide

  • User Icon

    Monica

    09/02/2013 17:07:48

    Libro appassionante che trasmette quanto la questione, affrontata con le dovute argomentazioni, stia a cuore all'Autore (appena finito viene voglia di rileggerlo!); la lettura è scorrevole anche per "profani" di storia ed epistemologia delle scienze. Consigliatissimo. Vorrei permettermi di aggiungere qualcosa oltre a quanto giustamente replicato dall'Autore alla critica dell'Indice: in relazione all' inciso "cosicché rimane ben poco spazio a uno scienziato per non essere tacciato di scientismo" a mio avviso, in tutta umiltà e con un linguaggio affatto forbito, per non essere tacciato di scientismo basterebbe che lo scienziato assumesse posizioni moderate e aperte al dialogo, al confronto. Basti pensare a scienziati contemporanei come C. Djerassi o a premi Nobel come R. Hoffmann. Sono sicura che ce ne sono molti altri ma che se anche così non fosse, non significherebbe che quello che la maggioranza fa è necessariamente giusto. Secondo me G. Israel ha descritto in maniera prossima alla realtà la situazione variegata della Scienza in Italia, forse a tratti è stato poco diplomatico, ha calcato un po' la mano, fa trasparire il suo pensiero politico, ma questo rende viva la lettura e chiari gli intenti; inoltre se l'insegnamento che se ne può trarre è anche che il pensiero umano vada considerato nella sua interezza, con tutte le sue sfumature, allora siamo perfettamente nel lecito: non si può chiedere né si vuole dall'Autore la fredda oggettività, basta la trasparenza; ognuno si regoli di conseguenza.

  • User Icon

    vitaliano.bacchi

    25/04/2012 14:20:06

    Un libro durissimo, che cambia la vita. Una polemica spietata per la sua radicalità. Una appassionata difesa della Ragione nella scuola ed una contestazione totale della riforma scolastica dell'ordinamento idealistico del ministro fascista Gentile nel suo complesso. Senza indicare se da buttare fosse l'idealismo che separò i licei o l'autoritarismo della pedagogia fascista: ciò che il libro bolla in modo spietato è la docimologia politicizzata che ha devastato la scuola, ma la sua difesa della scuola "gentiliana" non sempre convince, perchè il limite di questa critica è la concezione elitaria della conoscenza. "La scuola del pedagogismo progressista ha fatto dell'ultimo della classe il riferimento del sistema. Al contrario la vecchia scuola assumeva come riferimento il livello più alto e non congelava i ruoli" scrive l'autore e poi: "Una delle tendenze del pedagogismo progressista è lo spostamento dall'attenzione dai contenuti dell'istruzione al metodo. Ancora una volta, l'approccio dei nullatenenti". L'ideologia elitaria della "mathesis" purtroppo limita in certi casi l'obiettività dell'analisi: "La preminenza della pedagogia, non si afferma sul piano scientifico bensì politico. L'obiettivo è quello di abbattere la scuola di classe col maglio delle dottrine pedagogiche". Questo è un vanto, non una vergogna. La scienza della formazione studia le leggi dell'intelligenza e dell'apprendimento: nei suoi autori più radicali, la teoria dell'intelligenza è liquidata ed accade con ciò la autentica rivoluzione della scuola. Con Illich l'interfaccia umana costituisce l'inibitore della intelligenza, con Feigenbaum i sistemi esperti provano il teorema di inesistenza dell'intelligenza ed entrambi convergono nella accelerazione di Schanck sull'apprendimento computazionale in e-learning. La rivoluzione intelligente non ha abrogato l'intelligenza: ha solo dimostrato che era un concetto di classe, esattamente come la scuola borghese che la postulava come censura di accesso.

  • User Icon

    Pascal

    30/05/2009 16:42:03

    Una boccata d'ossigeno in mezzo a tanto 'marciume scientista'. A Giorgio Israel va il merito di rimettere in carreggiata, a tratti in modo ostico devo dire, i punti cardini e i concetti scientifici che oggi non sono alla portata di tutti. Un saggio finalizzato a riannodare un filo spezzato da personaggi molto opinionabili che col loro furore trito e ritrito, imboccano i più con concezioni pregiudiziali e lavorate in quel calderone culturale dove i vari 'ismi' spadroneggiano! Grazie Giorgio Israel. Spero che questo lavoro sia l'inizio per liberarsi dallo scientismo e aver chiaro cos'è la vera Scienza.

  • User Icon

    Giorgio Israel

    25/03/2009 17:20:50

    Se davvero dovessero essere eliminati dalla redazione i commenti offensivi o le stroncature immotivate, la recensione apparsa sull'Indice dovrebbe essere cancellata. Per carità non va fatto: meglio poter leggere un modello di faziosità. Vi si dice che l'autore ("nipotino di De Maistre") soffoca tutto in uno straripante e disordinato flusso polemico "politicamente e ideologicamente a senso unico. Il che è un falso vergognoso perché nel libro le colpe di entrambi gli schieramenti politici nel disastro dell'istruzione sono ampiamente condannati. Si dice che i risultati della commissione Berlinguer sono stroncati senza alcuna confutazione seria. Peccato che siano riportati diffusamente gli argomenti di uno dei massimi matematici italiani, Enrico Giusti, che ha duramente criticato il documento. Un altro fanatico nipotino di De Maistre? Infine, un infortunio penoso è l'aver identificato come esempio di malascienza la critica dell'affermazione secondo cui "la fisica è materialista". Quel signore non sa neppure la differenza tra materia e materialismo. Che la fisica si occupi di fatti materiali e basta è inconfutabile. Che dalle sue leggi derivi che ogni aspetto della realtà si riduca a fatti materiali (la metafisica materialista) è semplicemente ridicolo. Qualcuno spieghi a quel signore che natura e naturalismo, idea e idealismo, ecc. ecc. non sono la stessa cosa. Ma forse è troppo chiedere.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
In vista delle rivelazioni che il titolo del libro di Israel promette può essere utile chiarirsi preliminarmente le idee. Da chi è minacciata oggi la scienza? Proviamo a fare una ricognizione generale delle forze avverse. I nemici della scienza sono essenzialmente di tre tipi: i nemici dichiarati o effettivi, cioè coloro che per ostilità intellettuale, per indifferenza o semplicemente per ignoranza ne contestano o mistificano i metodi e i risultati, e aborrono la razionalità scientifica (è il variegato mondo dell'"antiscienza"); gli amici dannosi, quelli cioè che per un eccesso di fiducia nei poteri della scienza, di fatto la danneggiano, assolutizzandola e facendone così uno spauracchio (gli scientisti); i falsi amici, cioè quelli che propongono alla scienza finte alleanze (che si rivelano essere in effetti dei rapporti di subalternità) con ideologie e religioni (o con religioni ideologizzate, che è il caso attuale), privandola non già di suoi presunti primati, ma semplicemente della sua autonomia.
Leggendo il libro di Israel ci si accorge che i nemici della scienza di cui si occupa sono quelli della seconda specie, gli scientisti; per meglio dire, sarebbero quelli, se Israel non allargasse arbitrariamente la categoria dello scientismo, includendovi anche quanti si limitano a sostenere l'oggettività della scienza, la sua indipendenza da altri saperi e da altre sfere di discorso e di azione, e la sua indifferenza ai finalismi e alle questioni di senso (cosicché rimane ben poco spazio a uno scienziato per non essere tacciato di scientismo). Si tratta di un'operazione ampiamente praticata dai "falsi amici" della scienza, che si abbina a quella consistente nel costruire bersagli di comodo (il positivismo, l'egemonia scientifica ecc.) per poi abbatterli senza sforzo e affossare con essi anche le prerogative fondanti della scienza. Come si può seriamente pensare e sostenere che la scienza in Italia stia morendo di scientismo (per di più, "di stampo positivistico")? Quanti sono da noi gli intellettuali che predicano il culto della scienza come unica forma conoscitiva assolutamente valida? Si contano sulle dita di una mano, e non sono quelli cui si indirizza la maggior parte degli strali di Israel. Ma tant'è: si respira un'aria di restaurazione e ogni giorno spunta qualche nuovo nipotino di de Maistre che, con gli stessi argomenti del trisavolo ma con stile meno raffinato, continua ad attribuire a Bacone tutte le nequizie dell'umanità.
Israel appartiene a quella schiera di intellettuali transitati dal catechismo marxista (come lo chiama lui) al catechismo teocon e alla difesa armata delle radici giudaico-cristiane d'Europa (si veda, a questo proposito, il suo precedente Liberarsi dei demoni, Marietti, 2006). Trattandosi di un percorso personale non ci sarebbe niente da eccepire, ma il libro risente pesantemente degli strascichi velenosi che simili parabole politico-culturali di solito si portano dietro. E così le poche osservazioni pacate e ampiamente condivisibili (ad esempio, la sottolineatura del valore culturale e non meramente tecnico della scienza) sono sommerse da uno straripante e disordinato flusso polemico – politicamente e ideologicamente a senso unico – che attraversa ogni pagina. Nel primo e nel quinto capitolo, la giusta critica di alcune perniciose mode didattiche diventa l'occasione per attribuire alla sinistra e al cosiddetto "pedagogismo progressista" lo sfascio dell'intero sistema educativo italiano. Per contro, la visione della scuola come impresa – che pure viene condannata – non sembra avere paternità (e le tre "i" berlusconiane?). Il documento approntato nel 2007 dal gruppo di lavoro per lo sviluppo della cultura scientifica diretto da Luigi Berlinguer viene, senza alcuna seria disamina, liquidato come "campione da laboratorio dell'ideologia che sta distruggendo l'insegnamento scientifico", mentre un totale silenzio copre l'iniziativa della ex ministra Moratti e del pedagogista Bertagna di cancellare l'evoluzionismo dai programmi scolastici (un atto che evidentemente Israel non ritiene così deleterio per l'educazione scientifica).
Le parole d'ordine che Israel propone per la rinascita educativa sono tre: libertà, tradizione, autorità: le ultime due a temperare e a rendere "autentica" la prima (viene in mente Freeman Dyson – affetto anche lui da pedagogismo progressista? – che al contrario indica nell'antiautoritarismo uno degli aspetti della scienza più caratteristici e più affascinanti per i giovani). La magica triade è alla base di un appello "di notevole importanza" sottoscritto dallo stesso Israel qualche anno fa. Per fortuna, e per nostro diletto, il testo e i firmatari dell'autorevole manifesto sono riportati in nota, e così possiamo chiederci, ad esempio, se la firma di illustri direttori di giornali e telegiornali sotto la frase "per anni dai nuovi pulpiti – scuole e università, giornali e televisioni – si è predicato che la libertà è assenza di legami e di storia" sia da considerarsi una confessione tardiva o solo il frutto di una distrazione, e se l'amara constatazione che ai nostri giorni "nulla in fondo ha valore, se non i soldi, il potere e la posizione sociale" vada attribuita a un altro noto firmatario, Renato Farina.
Dei "documenti di malascienza" raccolti nell'appendice omonima non vale la pena dare conto, trattandosi perlopiù di esempi di malainformazione giornalistica, attribuibile a mera ignoranza e non certo a scientismo (incidentalmente, stupisce che uno storico della scienza serio come Israel critichi la superficialità di un volumetto divulgativo sulla scienza galileiana uscendosene con affermazioni sbrigative del tipo: "Galileo non era lo sperimentalista che si fa credere".). Ma c'è un documento di genuina malascienza che merita di essere menzionato. Peccato che si trovi nella prima parte del libro, quella che dovrebbe contenere invece la "buona scienza" predicata dall'autore. A p. 198, in risposta a Massimo Piattelli Palmarini che contestava le tesi del cardinale Schönborn sull'evoluzionismo facendo notare che la visione che attribuisce un ruolo centrale all'evoluzione è perfettamente "materialistica, proprio come lo sono la fisica e le sue leggi", Israel scrive: "Ma quando mai? Questo è un solenne svarione dal punto di vista della storia della scienza. Quasi nessuno scienziato (e, in particolare, nessun fisico) del '600 era materialista e non lo era neppure la maggioranza degli scienziati del '700 e dell'800. Non si vede affatto per quale motivo le leggi della fisica dovrebbero essere materialiste" (corsivo mio). Insomma, il fatto che Galileo e Newton fossero credenti dimostrerebbe che la fisica non è materialista (e quindi, presumibilmente, è spiritualista, animista o qualcosa del genere). Forse non possiamo pretendere che Israel – che è un matematico - abbia consuetudine con la fisica, ma un po' di logica non dovrebbe essergli familiare?
Vincenzo Barone
  • Giorgio Israel Cover

    Storico della scienza ed epistemologo, era membro della Académie Internationale d'Histoire des Sciences e professore dell'Università La Sapienza. È stato autore di più di 200 articoli scientifici e 30 volumi, nei quali ha esplorato il ruolo della scienza nella storia della cultura europea, analizzando in maniera critica l'idea di razionalità matematica e di meccanicismo. Tra queste sue pubblicazioni si ricordano: La natura degli oggetti matematici alla luce del pensiero di Husserl (Marietti 2011), Pensare in matematica (Zanichelli 2012, con Ana Millán Gasca), La questione ebraica. I conti sempre aperti con il razzismo (Belforte Salomone 2015), La matematica e la realtà. Capire il mondo con i numeri (Carocci 2015), Abolire la scuola media?... Approfondisci
Note legali