Il cielo con un dito - Claudio Bigagli - copertina

Il cielo con un dito

Claudio Bigagli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Garzanti
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 11 marzo 2010
Pagine: 136 p., Rilegato
  • EAN: 9788811679523

€ 7,88

€ 14,60

Punti Premium: 15

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 14,60 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gina vuole avere successo, ma c'è da pagare un prezzo. Ha deciso di accettare, perché tanto fanno tutti così. L'onorevole Balestra la manda a prendere con una macchina da sogno. Alla guida c'è Marco, un bel ragazzo un po' invadente. Lo saprà, si chiede Gina, cosa vado a fare con l'onorevole? Forse no, il giovane è al suo primo giorno di lavoro. Contrattempi e sorprese, ritardi e imprevisti: la giornata sarà lunga. Ma per fortuna Gina e Marco sanno ridere degli altri e di se stessi - lei più di lui, in effetti... E il vento della gioventù può farli volare lontano. "Il cielo con un dito" racconta una storia in cui si può ritrovare buona parte del nostro paese. Un fatto di cronaca che potrebbe accadere in un giorno qualunque, nei retrobottega dello show business, come in qualsiasi altro ambiente dove si ha a che fare con il potere. Due ragazzi sognano un futuro migliore, ma si scontrano con il mondo degli adulti, con le sue regole, le sue seduzioni, il suo cinismo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,83
di 5
Totale 6
5
2
4
2
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    SARA

    10/10/2012 12:31:36

    Devo ammetterlo, non è un libro scritto male...ma per 14,60 euro mi aspettavo decisamente qualcosa di più!!!!

  • User Icon

    Romolo Ricapito

    06/07/2012 23:41:42

    In un mondo editoriale sempre più popolato da attori che si improvvisano scrittori, vale la pena di recuperare il romanzo di Claudio Bigagli "Il Cielo con un dito" del 2010 , Per due motivi, essenzialmente: in primo luogo perché esso può competere con libri di qualità scritti da scrittori professionisti . E questo anche in quanto Bigagli non è un improvvisatore, avendo già scritto per il teatro e la televisione. La vicenda del resto è è attualissima e vede Gina, ventenne romana, bellissima e di origini popolari, ottenere un ruolo di valletta in televisione. Questo però a costo di un "piccolo" compromesso: la ragazza dovrà sdebitarsi prima dell'assunzione definitiva ,con un tipo di prestazione sessuale molto "ambita" dagli uomini, a beneficio di un onorevole. Tutto ruota attorno a questo accadimento epocale. Almeno nella mente della ragazza, che si vede quasi applicata addosso una lettera scarlatta, nella fattispecie avente la consistenza di una immaginaria scritta sulla fronte- offensiva- e che descrive il tipo di prestazione richiestale . Nella prima parte la showgirl vivrà nell'attesa del "fatto", girando in auto con Marco, autista dell'onorevole, anche lui di origini popolari e appena assunto .Le situazioni che si succedono sono molto fresche, con mirabili situazioni di costume e scene sul genere del film Vacanze Romane. La prima parte, dall'atmosfera quasi fiabesca, contrasta con la seconda, dove i nodi vengono al pettine. Il racconto diventa allora crudo, spietato; l'immagine femminile si adegua a un establishment mercificante, mentre la politica, nella persona dell'onorevole scopritore di talenti, si rivela come al solito sporca e legata a compromessi. La struttura del romanzo è ben studiata, con dialoghi molto scorrevoli e con affondi nel costume contemporaneo più che riusciti, ma con rimandi anche a situazioni stile anni Cinquanta. Il sottobosco della televisione ne esce a pezzi, con l'aggiunta di pigmalioni "gay" .

  • User Icon

    Valentina

    31/05/2012 11:21:35

    Un romanzo leggero e spontaneo ma che lascia spazio alla riflessione. Certe volte ci sono cose nella vita che diamo per scontate, etichette che appiccichiamo alla leggera sulle persone. Questo romanzo, scorrevole e ben scritto ti incolla alla pagina fino alla fine, è una moderna fiaba metropolitana, con una sua precisa morale. Consigliato. Complimenti all'autore.

  • User Icon

    Dunda

    12/07/2010 10:41:24

    Un romanzo come tanti, senza infamia, né lode! Il racconto ha un guizzo solo nella fine.

  • User Icon

    Alessandra Risolo

    31/03/2010 18:53:03

    Libro molto incisivo, più bello nella seconda parte dove ti cattura all'interno di una vicenda che contiene molto di disgustoso, il rapporto tenero e disperato tra i due ragazzi i quali si arrendono all'esito degli eventi che li ha travolti con una rassegnazione un po' ingenua ma molto autentica.

  • User Icon

    GIORGIO CRISAFI

    30/03/2010 13:20:52

    Caro Claudio, ho trascorso questi giorni di elezioni leggendo il tuo libro. Le elezioni non mi sono piaciute per niente e il tuo romanzo invece sì. Penso che esprima con lucidità tutto il peggio di questo momento storico che dura da decenni ormai. Viene espresso nella tua storia il corpo dell'Italia di oggi nutrito dalle illusioni e dalla menzogna, dalla corruzione e dal precariato di cui i due giovani protagonisti sono l'esempio. La loro storia attraverso le pieghe del potere, la spinta alla sopravvivenza interrotta da un sentimento ancora di puro orgoglio e di rabbia fanno da filigrana ad una speranza molto remota e amara, anche se il loro sentimento di solidarietà e di fuga in macchina sta quasi a simboleggiare un'energia che non trova risposta. Mentre l'immagine delle scarpe rosse con l'anima che le fa leggermente sprofondare nella sabbia è un'immagine finale tra le più poetiche e vitali consegnate al lettore: un sentimento lieve che si fa strada nella tragica realtà presente e ci restituisce un valore spirituale e umano. Complimenti! Giorgio Crisafi

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Claudio Bigagli Cover

    Il suo primo testo teatrale, Piccoli equivoci, è diventato un film con la regia di Ricky Tognazzi. Ha scritto anche per la televisione e per il cinema, dove ha recitato in film di qualità e di successo, come La notte di San Lorenzo e Kaos dei fratelli Taviani, La bella vita di Paolo Virzì, Mediterraneo di Gabriele Salvatores, Tre metri sopra il cielo di Luca Lucini e Il guerriero Camillo, di cui è anche regista. Approfondisci
Note legali